CES 2017: Cuffie, PC, giochi e accessori, il meglio dello spettacolo

Chi sono io
Adriana Gil
@adrianagil
Autore e riferimenti

sommario

  • Cuffie VR: liberazione del PC, un nuovo cavallo di battaglia
  • I costruttori di dispositivi mobili vogliono il loro pezzo di torta
  • Smartphone ottimizzati per VR / AR per democratizzare la tecnologia
  • Accessori per garantire il passaggio alla nuova generazione
  • Il video 360 diventa UHD al CES 2017
  • Nuovi concorrenti per HoloLens
  • Nuovi contenuti per sopperire alla mancanza

Cuffie VR: liberazione del PC, un nuovo cavallo di battaglia

Se la voce voleva che un HTC Vive 2.0 fosse svelato a Las Vegas durante il CES 2017, il produttore ha negato anche prima dell'inizio dello spettacolo. Ma altri attori erano presenti e hanno svelato la loro visione del visore per realtà virtuale. Acer, HP e Dell hanno quindi mostrato prodotti che funzionano con Windows Holographic.



In Intel, la conferenza era decisamente orientata alla realtà virtuale : il marchio ha infatti scommesso di dotare gli spettatori di circa 260 Oculus Rift. Il produttore americano ha sollevato il velo sul suo Project Alloy, un visore autonomo per realtà fusa ("realtà fusa"). In grado di aiutare i professionisti nello svolgimento del loro compito o di intrattenere il pubblico in generale, le cuffie secondo Intel solleveranno l'utente dal vincolo del PC. Il prodotto dovrebbe essere disponibile nell'ultima metà del 2017.

Sembra questo L'affrancatura del PC è la prossima evoluzione degli auricolari VR. Sebbene sia stato accettato che i primi modelli di dispositivi ad arrivare sul mercato favorissero l'entanglement dei cavi, questa è ora una critica ricorrente tra gli utenti. Esistono pochi accessori per ridurre la presenza di cavi tra il PC e l'auricolare, ma il CES 2017 ha dimostrato che la tendenza è ora verso l'indipendenza dal dispositivo.



Il marchio Pico ha approfittato del CES 2017 per annunciare un auricolare autonomo. LIl Pico Neo VR è alimentato da un processore Qualcomm di fascia alta, lo Snapdragon 820, rilasciato alla fine del 2015 e si basa su Snapdragon VR SDK. Ha due schermi 1,5K da 90Hz e ha la buona idea di offrire due altoparlanti Hi-Fi integrati. Un nuovo punto di riferimento sul mercato? Con un SoC che alcuni riterranno obsoleto quando l'835 è stato appena svelato da Qualcomm, forse no. Ma il cinese Pico sembra sulla buona strada per diventare un marchio che conterà nel settore della realtà virtuale.

I costruttori di dispositivi mobili vogliono il loro pezzo di torta

Samsung è senza dubbio il principale produttore di smartphone nel mercato VR. I suoi concorrenti non hanno mancato di offrire la loro visione, ma Gear VR rimane attualmente il punto di riferimento nella realtà virtuale mobile. Il colosso coreano non ha svelato nessun nuovo prodotto in termini di VR ma ha approfittato dell'evento per evidenziarlo il successo del suo Gear VR che ha venduto 5 milioni di copie.

I produttori di cellulari hanno infatti colto la posta in gioco e le dimensioni che il mercato dovrà assumere negli anni a venire. Così sono entrati i nuovi arrivati. La cinese Huawei, il terzo più grande venditore di smartphone al mondo nel 2016, ha presentato un auricolare DayDream. Alla fine sono state fornite poche informazioni. Sappiamo solo che il prodotto sarà disponibile solo in Cina.


Lenovo ha anche offerto un prototipo di auricolare VR basato sulla piattaforma olografica Windows.. L'auricolare offre una risoluzione di 1440 x 1440 pixel, superiore a quella di HTC Vive e Oculus Rift.


Smartphone ottimizzati per VR / AR per democratizzare la tecnologia

Il successo di Samsung sembra ispirare più di uno. Oltre all'auricolare stesso, la realtà virtuale mobile implica avere uno smartphone di qualità. Consapevole di questo problema, Qualcomm, il papà dei processori Snapdragon che equipaggiano gran parte del mercato mobile, ha svelato il nuovo nato della sua gamma 8xx, lo Snapdragon 835. Questo nuovo SoC promette un rendering grafico 3D più veloce e 60 volte più colori rispetto al suo predecessore. Secondo Qualcomm, questo processore ottimizzato per la realtà virtuale è progettato per equipaggiare cellulari VR Ready ma anche auricolari autonomi.

Lo troveremo così nel cuore di ZenFone AR, uno smartphone presentato da Asus durante la sua conferenza Zennovation. Come suggerisce il nome, il cellulare è orientato alla realtà aumentata con il supporto della tecnologia Tango. Ma Asus non si ferma qui. Il taiwanese offre una configurazione unica combinando AR e VR grazie alla compatibilità con Tango e DayDream.

Nonostante le vendite di applicazioni un po 'indietro, la piattaforma DayDream di Google continua a cercare di affermarsi come punto di riferimento per la realtà virtuale mobile. I nuovi cellulari sono stati così dichiarati compatibili. Oltre alla gamma Pixel e al Moto Z e Z Force di Lenovo, Google ha certificato ZTE Axon 7, Huawei Mate 9 Pro e Mate 9 Porsche Design.


Un segno del potenziale della realtà virtuale mobile, iniziano ad emergere gli accessori. Citiamo il Nolo VR, un sistema di tracciamento della posizione che consente di aggiungere funzionalità di controllo del movimento e scala della stanza a tutti gli auricolari di realtà virtuale mobile.

Accessori per garantire il passaggio alla nuova generazione


Ancora una volta, il wireless sembra definirsi il prossimo standard. Dopo tutto, questo sviluppo è del tutto naturale. L'ingombro dei cavi è una trappola che i produttori affrontano rapidamente una volta installata la tecnologia innovativa. D'altra parte, con una potenza sempre maggiore, gli smartphone potrebbero eventualmente diventare concorrenti di auricolari domestici come l'HTC Vive o l'Oculus Rift. Certo, la realtà virtuale mobile non competerà in termini di qualità ma in un mercato nascente, i consumatori saranno probabilmente più propensi a spendere qualche decina di euro per un auricolare che viene utilizzato con uno smartphone che già possiedono piuttosto che `` investire in apparecchiature che superano i 1 euro / dollaro.

Sebbene tutti questi sviluppi siano anticipati dai produttori, rimangono comunque il dominio del futuro. Per ora, nessuna nuova versione di PS VR, Oculus Rift e HTC Vive all'orizzonte. In attesa dell'arrivo della nuova generazione di caschi dai pionieri del mercato, i prodotti attualmente disponibili vengono migliorati grazie a vari accessori.

Durante la sua conferenza, HTC ha fatto luce su tre accessori dovrebbe migliorare l'esperienza di immersione VR offerta dal suo auricolare. Il primo non è nuovo poiché è il TPCast, una periferica che consente di rimuovere la connessione cablata necessaria per il funzionamento della cuffia. Questo dispositivo sarà ora disponibile in tutto il mondo. Scalable Graphics ha anche approfittato del CES per svelare un accessorio con uno scopo simile, il Kwik VR, questa volta compatibile con Vive e Oculus.

HTC ha anche approfittato del CES 2017 per presenta nuove cinghie per il suo casco che incorporano un auricolare audio. Infine, il Vive Tracker, un sensore per l'integrazione di oggetti 3D nell'ambiente VR. In occasione della dimostrazione di questo prodotto, altri marchi hanno presentato i loro prodotti compatibili con il Vive Tracker. Siamo stati così in grado di scoprire Hi5 VR Glove, un paio di guanti che tracciano i movimenti delle dita nella VR.

Un po 'più originale, una partnership tra Fitbit e VirZOOM ha dato vita a una cyclette connessa alla realtà virtuale, per consentire agli atleti indoor di misurare la propria attività all'interno della VR. Un altro accessorio fuori dal comune, il Taclim. Sotto questo nome si nasconde un paio di scarpe immaginate dal giapponese Cerevo. L'accessorio, ancora in forma prototipale, rende più naturale gli spostamenti in camper.

Per quanto allettante sia, il wireless richiederà sicuramente del tempo per diventare uno standard VR. I produttori di PC che partecipano al CES 2017 continuano quindi a sfruttare l'attuale necessità di un computer per eseguire cuffie di fascia alta.. Acer offre un Predator 21 X, un laptop pronto per la realtà virtuale al prezzo contenuto di 10 euro. Il marchio ha anche laptop più accessibili nelle sue scatole, come Aspire V Nitro Black Edition e Aspire VX. Asus offre un PC desktop VR Ready, il VivoPC X, che si distingue per le sue dimensioni ridotte e il peso molto leggero.

Il video 360 diventa UHD al CES 2017

Tra gli accessori inseparabili della realtà virtuale, le telecamere 360. In effetti, il contenuto 360, spesso reso popolare come realtà virtuale, rimane un punto di ingresso privilegiato quando si tratta di introdurre i nuovi arrivati ​​alla tecnologia.

Al CES 2017, abbiamo scoperto La fotocamera VR di Hubblo, un dispositivo di streaming in 3D che filma in 4K per $ 1. Allo stesso modo, l'azienda cinese Insta360 ha presentato una fotocamera che consente di riprendere a 360 gradi con una definizione eccezionale. In effetti, Insta360 Pro ti consente di filmare in 8K e di registrare video in 3D offrendo allo stesso tempo un live streaming.

Nuovi concorrenti per HoloLens

Finora gli occhiali di Microsoft sembrano regnare sovrani nel mercato AR. Lascia che Microsoft lo faccia, probabilmente non durerà per sempre. Nuovi concorrenti stanno arrivando e sono determinati a farsi un nome in un mercato ancora giovane.

Durante il CES 2017, Osterhout Deisgn Group, pioniere della realtà aumentata, ha presentato non uno ma due modelli di occhiali AR, sviluppati in collaborazione con Qualcomm, l'R-8 e l'R-9. Alimentati dal Sapdragon 835, gli occhiali offrono un'esperienza di realtà mista da godere su schermi 720p e 1080p con campo visivo di 40 e 50 gradi, rispettivamente per i modelli R-8 e R-9. Da parte sua, Lenovo ha introdotto il nuovo vetro C200, un paio di occhiali per realtà aumentata interamente destinati ad un uso professionale.

Nuovi contenuti per sopperire alla mancanza

Al CES 2017, non abbiamo solo scoperto un nuovo hardware. Una delle critiche principali, e certamente legittima, alla realtà virtuale è la mancanza di contenuti. Puoi scorrere rapidamente le esperienze offerte nei diversi negozi. Ovviamente, niente di esasperante. Qualsiasi tecnologia ha una certa debolezza nella sua infanzia prima di essere veramente sfruttata dal punto di vista del software. Il CES 2017 di Las Vegas è stata l'occasione per editori di svelare nuovi giochi e applicazioni che promettono di migliorare ulteriormente l'offerta attuale.

Sul suo stand Sony ha così presentato Gran Turismo Sport, una famosa simulazione di auto che arriverà su PS VR entro la fine dell'anno.. Era possibile giocare anche allo sparatutto Fairpoint, per evidenziare il funzionamento del controller di mira PS VR. Se non ha presentato un Vive 2, HTC non ha lesinato sulle dimostrazioni del software. Al suo stand sono state presentate non meno di 23 manifestazioni.

Digital Domain ha presentato un'anteprima esclusiva della sua serie Monkey King VR. The Nest, un futuristico sparatutto sviluppato da Invrse Studios, ha messo alla prova la pazienza degli utenti. Con l'esperienza Mindshow, lo studio VisionaryVR si offre di creare un cartone animato in cui tu sei l'eroe. Sempre nel settore dell'intrattenimento, Arcade Saga, sviluppato da 2Bears Studios, è un gioco arcade in cui il giocatore è un'intelligenza artificiale che combatte diverse minacce immaginate dall'uomo. In Knockout League, devi schivare i colpi del tuo avversario e rimanere ultimo sul ring.

ma HTC ha offerto più del semplice intrattenimento. Rivolgendosi affari, il marchio taiwanese voleva mostrare il potenziale della realtà virtuale. Siamo stati così in grado di scoprire IBM Speech Sandbox, uno strumento di interfaccia di comando vocale per progettare, manipolare e distruggere un ambiente virtuale dalla voce. In termini dieducazione, evidenzieremo la presenza di The Life Project Engage, una piattaforma gratuita per l'insegnamento a distanza attraverso corsi virtuali in VR.

Anche Medtech era sotto i riflettori al CES. Sono state così presentate diverse candidature. Il corpo immerge l'utente all'interno di un corpo umano per scopi educativi. OssoVR è una piattaforma di formazione chirurgica. La giovane startup francese Simforhealth ha presentato un'applicazione di realtà virtuale progettata per formare studenti di medicina alle principali emergenze mediche che possono incontrare durante la loro carriera.

Per concludere questo CES 2017 su una nota più leggera, l'app di appuntamenti Tinder presenterà un visore VR per due persone. Originale? Certamente, ma soprattutto falso. Era davvero una bufala. Una grande operazione di marketing con un obiettivo nobile: se la realtà può essere virtuale, l'amore non lo è mai!



Aggiungi un commento di CES 2017: Cuffie, PC, giochi e accessori, il meglio dello spettacolo
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.