Cibo virtuale - La sensazione gustativa simulata dagli elettrodi

Chi sono io
Steven L. Kent
@stevenlkent
Autore e riferimenti

sommario

  • Cibo virtuale, presto realtà
  • Tecnologia termica per simulare il gusto dolce
  • Sensazione di masticazione simulata grazie agli elettrodi
  • Tecnologie mediche che possono essere utilizzate per la realtà virtuale

Immagina per un momento. Affronti un favoloso banchetto in un gioco di realtà virtuale. Il cibo sembra così appetitoso che ti viene quasi l'acquolina in bocca. Generalmente potresti non assaggiare questi piatti succulenti davanti ai tuoi occhi, ma le cose sono cambiate. Prendi una coscia di pollo dalla pelle lucida e inizi a leccarla. Il suo sapore è delizioso. Ti concedi una zanna nella sua carne tenera e inizi a masticare. Puoi sentire la consistenza tenera della carne tra i denti.



Cibo virtuale, presto realtà

Questa scena onirica sarà presto realtà. Il l'assaggio virtuale di cibo si basa sulla tecnologia elettronica per sentire il gusto e la consistenza anche se la bocca è vuota. Questa innovazione potrebbe consentire di aumentare la sensazione di immersione nella realtà virtuale, ma anche consentire alle persone che soffrono di allergie o che seguono una dieta speciale di provare più sapori. Dopo la sensazione del tatto, il gusto potrebbe essere il prossimo senso stimolato dalla realtà virtuale.

Diversi progetti sono già riusciti a creare l'illusione del gusto. Per esempio, Nimesha Ranasinghe della National University of Singapore ha realizzato un lecca-lecca digitale in grado di emulare gusti diversi, ma anche un cucchiaio dotato di elettrodi per amplificare il gusto salato o amaro del cibo che vi viene posto.. Anche la simulazione del gusto dolce attualmente non funziona. Tuttavia, la digitalizzazione di questo gusto particolare potrebbe essere molto utile, soprattutto per aiutare le persone a smettere di mangiare troppo dolce.


Tecnologia termica per simulare il gusto dolce


Nell'ambito dell'ACM User Interface Software and Technology Symposium (UIST) a Tokyo, Ranasinghe e la sua collega Ellen Yi-Luen Do hanno presentato un nuovo progetto basato sulla simulazione termica. Questa nuova tecnologia utilizza i cambiamenti di temperatura per imitare la sensazione di zucchero sulla lingua. L'utente appoggia la lingua su un quadrato di elementi termoelettrici che vengono rapidamente riscaldati o riprodotti, ingannando poi i neuroni termosensibili che contribuiscono al codice sensoriale del gusto.

La prova iniziale di questa tecnologia ha funzionato su metà dei partecipanti. Alcuni anche riporta una sensazione piccante quando il dispositivo raggiunge i 35 ° C, e un sapore di menta quando la temperatura scende a 18 ° C. Ransinghe e Do hanno in programma di integrare questo sistema in un bicchiere o una tazza per contribuire a rendere dolci le bevande senza zucchero.

Sensazione di masticazione simulata grazie agli elettrodi

Gli i recettori del gusto possono rispondere alla manipolazione elettrica, ma il cibo non riguarda solo il gusto. Anche la consistenza è importante. Questa settimana, un team dell'Università di Tokyo ha dimostrato un dispositivo che utilizza l'elettricità per simulare la sensazione di masticare diversi tipi di cibo. Il sistema Electric Food Texture, creato da Arinobu Niijima e Takefumi Ogawa, si basa su elettrodi. Tuttavia, questi elettrodi non sono posti sulla lingua ma sul muscolo massetere, un muscolo della mascella per masticare. Gli elettrodi vengono utilizzati per dare una sensazione di durezza o morbidezza durante la masticazione. Anche senza nulla in bocca, l'utente ha l'impressione di masticare cibo virtuale grazie al feedback tattile fornito dalla stimolazione elettrica del muscolo.

Per dare al cibo una consistenza più dura, il muscolo viene stimolato a una frequenza maggiore, mentre un polso più lungo simula una tessitura elastica. Secondo Niijima, il sistema è particolarmente efficace per imitare la consistenza del chewing gum.



Questa tecnologia potrebbe essere utilizzata anche per modificare la consistenza del cibo reale. I partecipanti all'ISU indossavano gli elettrodi mentre mangiavano i biscotti. Ranasinghe, che ha provato il dispositivo, lo spiega la consistenza del biscotto è stata modificata in qualcosa di più duro ed elastico, come un orso di gelatina.

Tecnologie mediche che possono essere utilizzate per la realtà virtuale

Questi due progetti sono ancora in fase sperimentale, ma condividono l'obiettivo di aiutare le persone che seguono una dieta speciale. Di molte persone non possono godere della soddisfazione di assaggiare il cibo, perché le loro mascelle sono troppo deboli o perché hanno allergie. Niijima e Ranshinghe vogliono aiutarli a renderli più felici ogni giorno.


successivamente, il team vuole sviluppare l'idea prendendo di mira altri muscoli della mascella per creare trame più complesse e combinare la stimolazione elettrica con altri effetti sensoriali, come il suono della masticazione.

Analogamente, L'ospedale di Singapore prevede di condurre uno studio a lungo termine con cucchiai potenziati con elettrodi per cercare di ridurre l'assunzione di sodio per i pazienti anziani, afferma Ransinghe. Molte persone anziane perdono il senso del gusto e preferiscono gusti forti, ma l'aggiunta di troppo sale contribuisce a problemi di salute come l'ipertensione. Il cucchiaio viene utilizzato per condire elettronicamente il cibo.


Si riunirono, tutte queste tecnologie potrebbero un giorno essere incorporate in un auricolare per realtà virtuale per creare un'esperienza multisensoriale. Probabilmente presto sarà possibile gustare il cibo virtuale. Ci avvicineremo quindi ancora di più a una simulazione perfetta del mondo reale. La teoria del simulatore, in particolare avanzata da Elon Musk, è quindi sempre più credibile.

 



Aggiungi un commento di Cibo virtuale - La sensazione gustativa simulata dagli elettrodi
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.