Cortex Sulon, wireless e con sensore interno per VR e AR

Chi sono io
Michael Naimark
@michaelnaimark
Autore e riferimenti

sommario

  • Un altro modo
  •  Un casco diverso

Un altro modo

In pieno svolgimento, la realtà virtuale ha attirato la sua quota di competitor, ma, in mezzo ai big come Oculus, Sony, Razer o Valve, stanno cominciando ad arrivare altri sfidanti, tra cui il canadese Sulon, che si è presentato all'inizio di anno 2015 il suo casco, il Cortex. Mentre Oculus e gli altri usano una fotocamera o sensori esterni per scendere nella stanza, ile Cortex utilizza un sensore interno che si trova direttamente nell'auricolare. Il sensore è questa grande palla che si trova sul retro del dispositivo.



La sfera scansiona la stanza intorno all'utente (la tua stanza, un garage ...) e trascrive le immagini virtuali sui muri, il pavimento e il soffitto della stanza, immergendo così chi lo indossa nel mondo virtuale, gestendo i movimenti di quest'ultimo nello spazio. La sua posizione non è scelta a caso: essendo nella parte posteriore del cranio, il globo può anche analizzare oggetti che non sono nel campo visivo dell'utente. Per quello che ha davanti, può fidarsi di due telecamere poste sulla parte anteriore del casco

Il casco può ad esempio immergere l'utente in un film virtuale come una scena di combattimento sotterranea: chi indossa l'elmopotrà muoversi liberamente intorno ai combattenti, vedere addirittura rallentare o fermare il film film le cui pareti sono quelle del “mondo reale”, mentre un comodino si trasformerà in una cassa. Se la stanza è più piccola o più grande, il film si adatta ad essa. Il film in questione è stato realizzato con Unreal Engine 4.

Il Cortex non si limita alla creazione di spazi virtuali, ma lo è anche capace di addentrarsi nel settore della realtà aumentata, creando giochi che si svolgono nel nostro ambiente, allo stesso modo in cui il . Anche se, come quest'ultimo, stiamo ancora aspettando di vedere dove inizia la realtà e dove finisce il marketing.



Quindi, la domanda: ma non siamo limitati dalle dimensioni della nostra stanza per giocare? Sembra infatti abbastanza difficile ingannare per sempre il giocatore in una stanza di 20 metri quadrati. Infatti, la sfera, che scansiona costantemente la stanza, induce l'utente a non colpire un muro, costringendolo a ruotare e cambiando leggermente il proprio orientamento. Ad esempio, facendolo affrontare mostri volanti che volano ovunque. Se, nonostante tutto, questo tipo di stratagemma non è più possibile, compare un'icona a griglia davanti al giocatore. Non gli resta che voltarsi… e si ritroverà nella stessa direzione “virtuale” di prima, potendo così camminare eternamente lungo una strada virtuale.

 Un casco diverso

A livello del casco stesso, il Cortex Sulon esce con un bellissimo design futuristico e colori che possiamo scegliere. Consente a chi lo indossa di tenere gli occhiali ed è anche relativamente comodo da indossare per l'utente. Il suo peso, superiore alla concorrenza, è relativamente ben compensato.

Purtroppo il Cortex Sulon, durante gli ultimi test della stampa specializzata, soffriva ancora di una leggera latenza, nonché di una qualità del suono e delle immagini peggiore rispetto alla concorrenza.


Ma non dobbiamo perdere una cosa: è quella l'auricolare è WIRELESS, e questa è una grande prestazione. Anche se la durata della batteria è ancora sconosciuta, se Sulon riesce a rendere il suo auricolare efficiente come l'Oculus mantenendo questo aspetto wireless, avrà alcune serie preoccupazioni da fare.


attualmente, Il kit di sviluppo Cortex Sulon può essere preordinato sul sito ufficiale, al prezzo di $ 500.



Aggiungi un commento di Cortex Sulon, wireless e con sensore interno per VR e AR
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.