Forte calo della raccolta fondi da parte delle startup VR all'inizio dell'anno? ... niente panico

Chi sono io
Alejandro Crespo Martínez
@alejandrocrespomartinez
Autore e riferimenti

sommario

  • Un calo impressionante nella raccolta fondi da parte di startup VR e AR ... da moderare
  • Meno soldi, meno giocatori? più qualità?
  • Verso un consolidamento del settore?

Un calo impressionante nella raccolta fondi da parte di startup VR e AR ... da moderare

secondo il defunto ex ministro di Georges Pompidou. Se l'adagio non deve essere preso alla lettera e quei numeri richiedono un'analisi, i dati grezzi hanno senso.



Così, non si può negare lo spettacolare declino del capitale investito nelle startup VR e AR durante il primo trimestre del 2017. L'importo dei fondi raccolti è quindi è sceso a 200 milioni di dollari tra gennaio e marzo 2017 contro oltre 1 miliardo nello stesso periodo di un anno fa. Anche i dati presentati dal sito di informazioni collaborative lo dimostrano questo trimestre è di gran lunga il più deludente da oltre un anno in termini di finanziamento.

Tuttavia, uno sguardo più attento lo rivela 800 milioni di investimenti nel primo trimestre 1 erano dovuti a un'unica operazione. L'ascensore poi effettuato da Magic Leap (su un totale di 4,5 miliardi) è infatti il ​​più grande mai osservato nei settori AR e VR.

Questa eccezionale operazione eseguita dallo specialista della realtà mista non deve però nascondere il file tendenza al ribasso osservata per diversi mesi e trimestri consecutivi. Una lezione sicuramente più preoccupante e significativa di un semplice calo della raccolta fondi da parte di startup VR.

Un trend che potrebbe rimettere in discussione lo spettacolare lift annunciato giovedì 11 maggio da Improbable. Non meno di 502 milioniè la somma investita dai giapponesi di SoftBank in questa società con sede nel Regno Unito nota per i suoi progressi nella realtà virtuale basata su cloud. Un approccio originale nello sviluppo di applicazioni di realtà virtuale tramite il servizio SpatialOS, aperto agli sviluppatori e supportato da Google da dicembre 2016.



Meno soldi, meno giocatori? più qualità?

La seconda tabella qui sotto lo mostra diminuisce anche il numero di accordi di finanziamento. Ma in proporzioni molto più piccole rispetto alle somme investite.

La differenza tra il numero di start-up che sono riuscite a convincere gli investitori è meno importante del calo degli importi raccolti. Ciò quindi implica quello La raccolta fondi delle startup VR è in media inferiore. Nota che Crunchbase ha mantenuto solo contratti superiori a $ 100.

Esattamente, sono stati firmati 26 accordi con altrettante società all'inizio del 2017 contro 43 riguardanti 29 società per il primo trimestre 1. Ciò significherebbe che'non è solo più difficile ottenere un investimento ma che diventa quasi impossibile raccogliere fondi da diverse fonti. Non è sicuro.

Nel primo trimestre del 2016, la media è stata di 36,2 milioni di dollari per azienda (24,4 per ogni contratto). Un importo è sceso a 7,7 milioni nel 2017. Se escludiamo l'accordo Magic Leap, otteniamo 5,9 milioni per operazione e 8,9 milioni per start-up finanziati nel primo trimestre 1.

Troviamo quindi figure molto simili, che può essere interpretato come un segno di stabilizzazione.

Verso un consolidamento del settore?

La mania per le realtà miste, virtuali e aumentate è ancora presente. L'evoluzione degli investimenti in queste aree mostra infatti l'inizio della maturità del mercato. L'arrivo o il rafforzamento dei principali attori (Facebook, HP, Apple, ecc.), Che sviluppano da soli i propri prodotti e applicazioni, possono spiegare un calo dei finanziamenti per le strutture più piccole. Ciò implica un calo della raccolta fondi da parte delle start-up interessate.



Sappiamo comunque che sono loro che continueranno a sostenere le start up, sperando di recuperare i frutti del loro progresso.


Essendo la fiducia uno dei nervi della guerra per le imprese di capitali, ricordiamoci anche che il denaro non compra necessariamente la felicità. Come evidenziato dalle difficoltà di Magic Leap nel soddisfare le aspettative dei suoi azionisti e del pubblico in generale. Un malessere che non è fatto per rassicurare i futuri investitori. Non più di le preoccupazioni che il tempo impiegato da Facebook possa suscitare per presentarci una novità che giustificherebbe finalmente i 2,4 miliardi utilizzati per acquisire Oculus già 3 anni fa ...


De plus, anche i risultati ancora deludenti delle vendite di apparecchiature, in particolare gli auricolari per realtà virtuale, possono in parte spiegare questo aggiornamento degli investitori. Un passaggio obbligato per un settore ancora giovane e le cui sfide restano da definire.

Dopo la fase di hype e la meraviglia degli utenti inesperti, gli attori devono dare coerenza ai loro sviluppi. E rispondi a una domanda che spesso sorge tra i professionisti: VR, ok, ma per cosa? Per continuare finalmente ad attirare il pubblico e soprattutto a convincere chi tiene i fili della borsa. Questi ultimi sono raramente soddisfatti dei ritorni sugli investimenti virtuali ...



Aggiungi un commento di Forte calo della raccolta fondi da parte delle startup VR all'inizio dell'anno? ... niente panico
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.