Gli ologrammi saranno molto comuni tra 5 anni secondo il fondatore di Magic Leap

Chi sono io
Steven L. Kent
@stevenlkent
Autore e riferimenti

sommario

  • Magic Leap One: l'NBA e molto altro in programma
  • Un vero balzo tecnologico in avanti

Rony Abovitz, il capriccioso capo di Magic Leap, sembra far piovere e splendere nel mondo della realtà aumentata con ciascuno dei suoi interventi ampiamente sezionati. Ultimo esempio, ologrammi.

Quando sei a capo di una delle aziende più attese dell'anno per innovazione tecnologica, ogni intervento viene vagliato, sezionato e analizzato. Ma quando, in aggiunta, ci concediamo una lungimiranza piuttosto audace sugli sviluppi futuri del nostro consumo di media, è difficile non attirare l'attenzione. Rony Abovitz, il papà del Lutestes di realtà mista di Magic Leap One sembra convinto che gli ologrammi saranno qualcosa di veramente banale in brevissimo tempo.



Magic Leap One: l'NBA e molto altro in programma

Ovviamente è stato l'annuncio della partnership con l'NBA ad attirare tutta l'attenzione dei media. Collaborando con la lega di basket americana, elemento centrale della cultura popolare negli Stati Uniti, Magic Leap ha inferto un duro colpo. Il contenuto delle partite sarà presente e in modo potenziato. Alla fine questo annuncio, che in definitiva non sorprende, rassicura la strategia di Magic Leap che non dimentica di pensare al contenuto.

Tuttavia, è stata la seconda parte dell'annuncio a essere la più interessante. Quello che riguarda il "video volumetrico". Chiaramente, il modo per catturare video 3D, oggetti e scene che potrebbero poi essere proiettati quasi istantaneamente o quasi davanti ai nostri occhi. Se hai difficoltà a visualizzare cosa significherebbe in pratica, può essere riassunto come una sorta di ologramma. Come Jean-Luc Mélenchon e il suo ologramma durante i suoi incontri della campagna presidenziale ma su vasta scala e accessibile da chiunque da qualsiasi luogo.



Un vero balzo tecnologico in avanti

Quindi, ovviamente, vogliamo crederci. Dopotutto, le attuali fotocamere utilizzate per gli eventi sportivi, ad esempio, non hanno visto alcun cambiamento reale per molto tempo oltre a miglioramenti nella qualità dell'immagine, niente di scioccante. Ma non è un balzo in avanti troppo radicale per essere stimato in meno di cinque anni come fa Rony Abovitz? In effetti, secondo lui, la sfida principale attualmente sta dalla parte della potenza di calcolo. E questo è ciò che ci permetterebbe di essere ottimisti.



Il fondatore di Magic Leap assicura che: "". Se pensa che i "early adopter" saranno in grado di utilizzarlo molto rapidamente, un uso massiccio potrebbe richiedere fino a un decennio. Ma, se le leghe sportive fanno rotolare la palla, potrebbe andare molto velocemente. Resta da vedere se il concetto prevarrà facilmente come pensa Rony Abovitz.



Aggiungi un commento di Gli ologrammi saranno molto comuni tra 5 anni secondo il fondatore di Magic Leap
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.