HTC: 5G e AI renderanno possibile l'utilizzo di visori VR senza PC

Chi sono io
Adriana Gil
@adrianagil
Autore e riferimenti

sommario

  • HTC: dal primo smartphone Android al primo auricolare VR
  • HTC: 5G renderà le cuffie VR autonome potenti come i PC
  • HTC: gli smartphone rimarranno al centro della realtà virtuale ancora per qualche anno

Nel settore tecnologico, HTC non è chiunque. Fondata da Cher Wang nel 1997, l'azienda taiwanese si è distinta creando il primo smartphone Android nel 2008. Questo grande primo ha permesso a HTC di regnare nel mercato degli smartphone per diversi anni.



Dieci anni dopo, nel 2018, HTC ha chiaramente perso il suo splendore come produttore di smartphone. L'ascesa di feroci rivali come Samsung e l'emergere di nuovi rivali hanno causato la sua caduta, nonostante la qualità dei suoi dispositivi. L'asiatico resta comunque considerato un innovatore, sempre alla ricerca di nuovi territori da esplorare e conquistare.

HTC: dal primo smartphone Android al primo auricolare VR

Negli ultimi anni HTC ha segnato ancora una volta i tempi affermandosi come un pioniere della realtà virtuale dei consumatori. Nell'aprile 2016, un mese dopo Oculus Rift, l'HTC Vive è stato rilasciato in tutto il mondo. All'inizio del 2018, HTC ha anche lanciato un auricolare autonomo chiamato Vive Focus. Al CES 2018 di Las Vegas, il produttore ha presentato Vive Pro, una versione migliorata di Vive con uno schermo 3K. Per il futuro, l'azienda ha molti progetti volti a stimolare lo sviluppo del mercato VR.

Nell'ambito del MWC 2018 di Barcellona, ​​è proprio come produttore di cuffie VR che HTC era presente. L'azienda ha presentato ancora una volta il suo visore Vive Pro, accompagnato da diversi sviluppatori che sono venuti per presentare le loro rivoluzionarie esperienze VR. Inoltre, il CEO Cher Wang ha tenuto un discorso sulla convergenza delle tecnologie mobili e della realtà virtuale.



HTC: 5G renderà le cuffie VR autonome potenti come i PC

Secondo Wang, anche se HTC è in ritardo nel mercato della telefonia mobile, il 5G e gli smartphone rimangono al centro della sua strategia. Il Velocità, capacità e bassa latenza 5G poteva ai suoi occhi permettere di ampliare il campo di applicazione della realtà virtuale rendendo possibile la creazione di esperienze attualmente impossibili da sviluppare.

In effetti, il 5G potrebbe consentire l'utilizzo della potenza di calcolo da remoto grazie al cloud computing e all'edge computing. I dati verranno trasmessi in tempo reale, a una velocità che raggiungerà diverse decine di gigabit. La potenza di elaborazione non sarà più fornita da smartphone o computer, ma direttamente da server remoti tramite Internet. Pertanto, il 5G consentirà di rendere i visori VR autonomi (standalone) come Vive Focus potenti e persino più potenti di Vive Pro.

HTC: gli smartphone rimarranno al centro della realtà virtuale ancora per qualche anno

Il 5G aiuterà anche a portare a tutti il ​​potenziale dell'intelligenza artificialee ogni utente godrà di tecnologia personalizzata e prestazioni migliori. "I dispositivi del futuro ci conosceranno meglio di quanto noi conosciamo noi stessi".


Sempre secondo Wang, la convergenza di queste tecnologie sarà la chiave da consentire estendere l'uso della realtà virtuale oltre il settore dei videogiochi. In un primo momento, ritiene che gli smartphone saranno il primo punto di accesso al 5G per la maggior parte degli utenti. Contrariamente a quanto previsto da IDC, i visori VR mobili come Samsung Gear VR potrebbero quindi avere molti anni a venire. A lungo termine, tuttavia, Wang prevede che lo schermo non sarà più integrato nel dispositivo. La realtà virtuale potrebbe essere proiettata direttamente nei nostri occhi ...




Aggiungi un commento di HTC: 5G e AI renderanno possibile l'utilizzo di visori VR senza PC
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.