HTC Vive funzionerà su PC meno potenti grazie a Motion Smoothing

Chi sono io
Tom Chatfield
@tomchatfield
Autore e riferimenti

sommario

  • HTC Vive sostituirà i frame mancanti con i frame sintetici

I visori VR di fascia alta come Oculus Rift e HTC Vive devono essere collegati a potenti PC per funzionare. Per una buona ragione, le prestazioni 3D in alta definizione con una frequenza di aggiornamento elevata senza latenza richiedono molta potenza di calcolo. Se le risorse sono insufficienti, può succedere che i frame vengano persi. Il visore VR quindi non riesce a visualizzare l'immagine successiva e visualizza invece il fotogramma precedente. In VR, questo fenomeno può essere molto piacevole.



Nel 2016, Oculus ha risolto questo problema lanciando la funzione ASW o "Asynchronous Spacewarp" per il Rift. In questo mese di ottobre 2018, lo è È il turno di Valve di fare lo stesso per la sua piattaforma SteamVR su cui poggia l'auricolare HTC Vive.

Come l'ASW di Oculus, il "Motion Smoothing" di Steam VR è costituito da utilizzare i frame precedenti per sintetizzare i nuovi frame al volo. In particolare, il software analizza i due frame precedenti per determinare come dovrebbe apparire il frame successivo e creare un frame sintetico.

Se SteamVR rileva che a un'applicazione mancano dei frame e non riesce a raggiungere una frequenza di aggiornamento di 90 FPS, Motion Smoothing si attiva per forzare l'applicazione fino a 45 FPS. In parallelo, una trama sintetica verrà inserita tra ogni trama reale per ottenere 90 FPS. Pertanto, la potenza di calcolo da fornire sarà ridotta per il PC e l'utente non vedrà alcuna differenza.

HTC Vive sostituirà i frame mancanti con i frame sintetici

Secondo Valve, è persino possibile utilizzare Motion Smoothing in modo ancora più aggressivo sintetizzando due o tre fotogrammi per ogni fotogramma effettivo in un'applicazione. L'utente può configurare personalmente la funzionalità in base alle proprie esigenze.



Grazie a questa tecnologia, HTC Vive sarà in grado di lavorare su cuffie VR meno potenti. Al lancio dell'ASW, Oculus aveva anche abbassato le caratteristiche minime richieste per eseguire Oculus Rift. Non è noto se HTC abbia intenzione di fare lo stesso. Allo stesso tempo, anche i PC più potenti possono sfruttare il Motion Smoothing per eseguire le applicazioni più esigenti con la massima definizione senza perdere la fluidità del display.


Disponibile in versione beta da oggi, Motion Smoothing è compatibile solo con Schede grafiche NVIDIA e computer con Windows 10. Le schede AMD saranno presto supportate. La funzione è disponibile solo per HTC Vive e HTC Vive Pro e per auricolari OpenVR. Oculus Rift ha la sua funzione Asynchronous Spacewarp e gli auricolari Windows VR hanno una tecnologia simile chiamata Motion Reprojection.




Aggiungi un commento di HTC Vive funzionerà su PC meno potenti grazie a Motion Smoothing
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.