Il DVAD - I fondali marini in realtà aumentata dalla US Navy

Chi sono io
Adriana Gil
@adrianagil
Autore e riferimenti

sommario

  • La US Navy deve ancora perfezionare il suo prototipo

Di solito non ci vuole molto tempo prima che le nuove tecnologie vengano utilizzate per scopi militari. Quindi, non è sorprendente trovarlo la US Navy si è riappropriata della realtà aumentata per equipaggiare il suo nuovo casco da sub, il DAVD.

Attualmente allo stadio di prototipo, il DAVD (Divers Augmented Vision Display) sarebbe in grado di fornire ai subacquei dell'esercito americano immagini ad alta definizione durante le loro spedizioni subacquee. Basato sia sulla realtà aumentata che sulla tecnologia sonar, semplificherebbe il loro lavoro migliorando la loro sicurezza. Vedrebbero vari dati visualizzati sullo schermo, come messaggi, diagrammi, diagrammi, foto o persino video.



La US Navy deve ancora perfezionare il suo prototipo

Questi elementi offriranno loro naturalmente una maggiore percezione del loro ambiente. Non c'è bisogno di menzionare qui l'interesse della navigazione in realtà aumentata in luoghi dove la visibilità a volte è inesistente. Potranno quindi svolgere in modo più efficiente, missioni come indagare sulla scomparsa di una nave o di un aereo e molti altri obiettivi relativi all'esplorazione dei fondali marini.

Tuttavia, ci sono ancora funzioni da perfezionare come l'utilizzo del sonar o l'integrazione del video prima di mettere in circolazione il DAVD. Potremo, se un giorno si democratizzerà, sfruttare la realtà aumentata subacquea. A questo si aggiunge l'imminente rilascio della maschera Triton, grazie alla quale potremo respirare 45 minuti sott'acqua e presto possiamo immaginare di poterci sentire davvero come dei pesci nell'acqua.





Aggiungi un commento di Il DVAD - I fondali marini in realtà aumentata dalla US Navy
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.