Il naso virtuale contro la cinetosi?

Chi sono io
Steven L. Kent
@stevenlkent
Autore e riferimenti

sommario

  • Il naso virtuale, una soluzione naturale a un problema virtuale
  • Coincidenza?

Il naso virtuale, una soluzione naturale a un problema virtuale

La cinetosi è il mal di testa (e il mal di stomaco!) Che gli utenti di un auricolare virtuale possono provare, con un forte bisogno di vomitare quando la testa si muove troppo velocemente, il che affatica il cervello. La cinetosi funziona secondo lo stesso principio della cinetosi: il cervello percepisce uno scarto tra ciò che vede e ciò che fa il corpo (una persona seduta e quindi logicamente immobile ma che gira a 300 km / h al secondo). Le informazioni sono contraddittorie e portano alla cinetosi. Un male contro il quale le persone sono irregolari, alcune non lo sentono mai mentre altre rilasciano instancabilmente la colazione alla minima svolta brusca. Lla realtà virtuale ha la stessa debolezza, forse ancora più accentuata visto il lag tra il giocatore e le immagini (montagne russe, gare di astronavi, ecc…).



Di fronte a questa cinetosi che colpisce a caso e rovina l'esperienza dei giocatori, I ricercatori della Purdue University negli Stati Uniti hanno avuto l'idea di incorporare un naso virtuale al centro dello schermo. Quest'ultimo permette al cervello di avere un elemento naturale a cui è abituato (il naso che entriamo “in modo trasparente”) e quindi di farsi prendere dal panico meno. Dando un referente alla vista del giocatore, i ricercatori fanno ammalare quest'ultimo meno.

Coincidenza?

Per convalidare la loro teoria, i ricercatori hanno sottoposto una quarantina di soggetti a una batteria di test. Due gruppi di 20 persone stavano “giocando” a una simulazione di montagne russe, un gruppo con un naso virtuale, un altro senza. I soggetti con nasi virtuali erano in definitiva meno suscettibili alla cinetosi, che è apparso in media quasi due minuti più tardi rispetto ai soggetti dell'altro gruppo. Tuttavia, alcuni soggetti non si sono nemmeno accorti della presenza del naso. In totale, il naso avrebbe ridotto la cinetosi del 13%.





Resta da vedere se è il muso stesso o la presenza di un referente (come l'abitacolo di una nave) a ridurre la cinetosi. Ci aspettiamo quindi di saperne di più, soprattutto perché il tasso di differenza è un po 'basso. Alcuni auricolari come quello di Razer hanno dissipato con successo l'effetto della cinetosi. Speriamo di non vederlo più.



Aggiungi un commento di Il naso virtuale contro la cinetosi?
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.