Il Palais de Tokyo si basa sulla realtà virtuale

Chi sono io
Steven L. Kent
@stevenlkent
Autore e riferimenti

sommario

  • Palais de Tokyo: un luogo di scoperta

Il Palais de Tokyo offre ora una mostra permanente in VR. Chiamato “Palazzo virtuale”, si tratta infatti di un nuovo programma legato all'arte in coproduzione con Fisheye.

Quale posto per la realtà virtuale nel mondo dell'arte? La domanda sorge e si rinnova sugli usi immaginati. Anche l'ex Palazzo dei Musei di Arte Moderna si sta innovando in questo settore per promuovere nuove forme di espressione..



Palais de Tokyo: un luogo di scoperta

È un luogo permanente, una nuova mostra al Palais de Tokyo che aprirà durante questa primavera del 2019. Per la prima volta un'istituzione culturale francese si sta impegnando così tanto nel mondo della realtà virtuale.  Ci sono quindi tre opere di artisti francesi e internazionali.. L'opportunità di immergersi nelle potenzialità della realtà virtuale per la creazione artistica, nel campo dell'arte contemporanea. In passato l'edificio dedicato all'arte moderna e contemporanea aveva già offerto opere in realtà virtuale. Tuttavia, il punto è renderlo permanente. Ogni anno, gli artisti verranno rinnovati.

Con un casco sugli occhi, puoi scoprire il mondo di Julio Le Parc, Julien Cruzet o persino Antwan Horfee. Tre esperienze fondamentalmente diverse, capaci di attrarre un pubblico molto vasto. Mentre alcuni amanti dell'arte potrebbero vedere questa iniziativa come una sorta di ritiro, un'esperienza individuale, i curatori difendono una nuova realtà da conquistare, ricca di possibilità capaci di rinnovare la nozione stessa di arte nel nostro subconscio. Troverai il Palais de Tokyo al 13, avenue du Président-Wilson, nel 16 ° arrondissement di Parigi





Aggiungi un commento di Il Palais de Tokyo si basa sulla realtà virtuale
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.