Il robot somatico si allena per lavare i bagni nella realtà virtuale

Chi sono io
Steven L. Kent
@stevenlkent
Autore e riferimenti

sommario

  • Il robot di Somatic si allena per lavare i bagni nel "peggior videogioco del mondo"

L'obiettivo principale dell'automazione è consentire agli esseri umani di liberarsi dalle fatiche più pericolose, più ostili o semplicemente più ingrate. In tal modo, pulire i servizi igienici sembra un compito urgente per i robot.

Questa è la ragion d'essere del primo robot creato dalla startup Somatic, con sede a New York. Il CEO dell'azienda Michael Levy era ispirato dalla propria esperienza professionale. Nella sua giovinezza, ha trascorso diversi anni a lavorare nel ristorante del nonno e si è occupato in particolare della manutenzione dei servizi igienici.



È così che è nata l'idea di un robot in grado di automatizzare questo compito. La pulizia dei bagni è un'applicazione ideale per la robotica e l'intelligenza artificiale, dice, perché tutti i bagni commerciali costruiti dopo il 1994 negli Stati Uniti sono basato sullo stesso standard per la conformità con l'Americans with Disabilities Act (ADA).

I bagni americani hanno quindi tutti lo stesso design e un robot deve quindi essere addestrato solo in un posto per poter essere distribuito altrove. Per semplificare il processo e consentire alla macchina di allenarsi senza disturbare i visitatori, Somatic ha avuto l'idea geniale di addestrarlo nella realtà virtuale. Una pratica simile alla Toyota che addestra i robot domestici nel camper.

Il robot di Somatic si allena per lavare i bagni nel "peggior videogioco del mondo"

La macchina, descritta come un “mini frigo con un braccio robotico attaccato sul davanti”, apprende quindi le gioie del mestiere attraverso una simulazione VR. A poco a poco, scopre dove spruzzare e pulire i prodotti chimici e dove aspirare e asciugare.


Come descrivono con ironia i suoi creatori, questa simulazione è senza dubbio "il peggior videogioco del mondo". Tuttavia, questo progetto dimostra che la realtà virtuale può essere utilizzata sia per la formazione dei dipendenti umani che per la formazione dei robot.


Per orientarti e navigare nello spazio, il robot è dotato di vari sensori e in particolare di un sistema lidar. Riesce a pulire la stanza e poi andare a ricaricare le sue riserve di prodotti chimici. Ogni giorno, la macchina può eseguire circa otto ore di pulizia. È persino in grado di aprire le porte e prendere la scala mobile per spostarsi nell'edificio.


Il robot Somatic è destinato principalmente ad aeroporti, casinò, uffici e altri stabilimenti con bagni di grandi dimensioni. Le aziende potranno farlo affittalo per circa 1000 dollari al mese, dopo un periodo di prova. Diverse aziende private lo stanno già utilizzando per lavare i loro uffici ...




Aggiungi un commento di Il robot somatico si allena per lavare i bagni nella realtà virtuale
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.