In Giappone apre una scuola dedicata alla realtà virtuale

Chi sono io
Alejandro Crespo Martínez
@alejandrocrespomartinez
Autore e riferimenti

sommario

  • Una scuola con 20 studenti per classe
  • La passione del Giappone per la realtà virtuale

Il Giappone è spesso considerato uno dei paesi più avanzati in termini di nuove tecnologie. Una tendenza che non dovrebbe cambiare quando è appena nata una scuola dedicata alla realtà virtuale. 

Una scuola con 20 studenti per classe

 Tutto è iniziato lo scorso novembre. La “Virtual Reality Profesionnal Acadamy” organizza poi un workshop di selezione. 350 studenti preselezionati vengono testati lì. Al momento ne rimangono 30 e questo numero dovrebbe essere presto ridotto a 10. Lo saranno la prima classe di questa nuova scuola giapponese dedicata all'insegnamento della realtà virtuale. 



Ogni settimana avranno diritto a cinque ore di lezione il sabato pomeriggio. Durante la settimana sono inoltre previsti lavori aggiuntivi sulla pagina web della scuola. L'enfasi sembra essere sulla "gamification" dell'educazione. Questi compiti saranno quindi "missioni", gli insegnanti saranno "mentori" e la scuola avrà "gilde". Questi permetteranno agli studenti di incontrare professionisti, trovare lavoro o scoprire le ultime innovazioni. Buone notizie per gli studenti, questa istruzione è gratuita. La scuola è infatti finanziata da aziende in cerca di nuovi talenti.

I corsi si concentreranno ovviamente sulla realtà virtuale (sviluppo e progettazione) ma l'aspetto economico non viene dimenticato. Vengono inoltre organizzati seminari aziendali per coloro che mirano maggiormente a posizioni dirigenziali. È interessante vedere il successo di questa scuola mentre, allo stesso tempo, il numero di persone a scuola sta diminuendo in Giappone. Il 40% dei college giapponesi ha così dovuto separarsi dagli insegnanti e molte scuole private stanno chiudendo i battenti. Se vuoi saperne di più (e sai leggere il giapponese), dai un'occhiata al sito web dell'università.


La passione del Giappone per la realtà virtuale


Non è proprio una sorpresa che una scuola di questo tipo sia nata in Giappone. È in questo paese che la realtà virtuale ha più successo. La gente del posto è entusiasta del suo potenziale e molte aziende offrono già molti servizi. Molto spesso, questi sono particolarmente adatti alle usanze e alla cultura giapponesi. Ma, mentre paradossalmente la gente del posto ha un rapporto molto complicato con l'intimità, è il contenuto legato all'erotismo e al porno che attrae di più.

Quindi, lo scorso giugno, si è tenuto a Tokyo il primo festival del porno VR. 600 persone si sono radunate per questo evento e gli organizzatori hanno dovuto chiudere i battenti per paura di una rivolta. Questo spettacolo è stato utilizzato per presentare l'hardware ma anche il software. Tuttavia, come abbiamo spiegato all'epoca, la maggior parte di queste creazioni non raggiungerà mai i mercati europei. La realtà virtuale sembra essere per i giapponesi un modo per soddisfare le fantasie vergognose. Ma rappresenta anche rischi. Alcune persone potrebbero così abbandonare l'idea di avere rapporti reali a favore di quello virtuale.. Non resta che attendere per scoprire le prime produzioni degli studenti di questa scuola.





Aggiungi un commento di In Giappone apre una scuola dedicata alla realtà virtuale
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.