Intel abbandona il suo progetto di cuffie per realtà virtuale autonome

Chi sono io
Tere Vida Mombiela
@terevidamombiela
Autore e riferimenti

sommario

  • Un'uscita annunciata da Intel per la fine dell'anno
  • L'azienda non rinuncia alle ambizioni in VR

Fine applauso per il progetto lega. Iniziato da Intel poco più di un anno fa, questo auricolare per realtà virtuale progettato per funzionare in modo indipendente non vedrà la luce. Cronaca di un inaspettato fallimento. 

Potrebbe essere stata una piccola rivoluzione nel campo delle cuffie per realtà virtuale. Il progetto Alloy, annunciato dalla società nell'agosto 2016 prometteva un sistema completamente autonomo. Ma l'azienda ha appena annunciato che non vedrà mai la luce. Ora dovrebbe concentrarsi su altri progetti legati alla realtà virtuale.



Un'uscita annunciata da Intel per la fine dell'anno

È un mini tuono nel microcosmo della realtà virtuale. Annunciato lo scorso anno, oggetto di una conferenza al CES 2017 di Las Vegas, il progetto Alloy è stato ora abbandonato da Intel. Tuttavia, di nuovo all'inizio dell'anno, la società ha annunciato la sua uscita per l'ultimo trimestre del 2017. Se stavi aspettando che fosse un regalo di Natale, il tuo piano dovrà essere rivisto!

Questo auricolare per realtà virtuale, o meglio "realtà fusa", è stato progettato per essere completamente autonomo, senza PC o smartphone. Doveva trasportare due fotocamere Intel RealSense, acceleratori di visione e una batteria. Il concetto di realtà fusa consisteva nell'usare l'ambientazione reale come ambiente virtuale. Il suo abbandono da parte di Intel non significa necessariamente la scomparsa dell'idea poiché Intel ha autorizzato altre aziende a rilevare le tecnologie.

L'azienda non rinuncia alle ambizioni in VR

Quali sono le ragioni principali di questo abbandono da parte di Intel? La principale è la difficoltà nel trovare un partner economico per sviluppare questo casco con loro. Questa mancanza di entusiasmo potrebbe essere spiegata dalle difficoltà e dai costi potenzialmente molto importanti di un sistema autonomo. Inoltre, molti produttori (Dell, HP, Lenovo, Acer e Asus) lo sono già rilasciare i propri sistemi che eseguono Windows per la fine dell'anno. Molto importante si è forse rivelata anche la difficoltà di integrare tutto in un unico auricolare mantenendolo “utilizzabile”.



È importante notare, tuttavia, che Intel non sta definendo definitivamente una linea nell'area della realtà virtuale. L'azienda non intende lasciarsi sfuggire l'occasione quando è già in difficoltà nel settore dei processori mobili dove Samsung è oggi il primo produttore mondiale. Continuerà a lavorare con HTC per portare la sua tecnologia wireless chiamata Wigig on the Vive. Allo stesso tempo, sta ancora lavorando all'adattamento del suo Portal Ridge per consentire lo streaming da Steam VR a uno smartphone e al suo visore per realtà virtuale connesso.



 

Per scoprire tutto sugli auricolari per realtà virtuale, scoprire nuovi prodotti e tendenze innovative, i nostri test e recensioni, vai alla nostra sezione dedicata.



Aggiungi un commento di Intel abbandona il suo progetto di cuffie per realtà virtuale autonome
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.