[Intervista] CTRL V - Intervista al creatore della prima sala giochi VR

Chi sono io
Steven L. Kent
@stevenlkent
Autore e riferimenti

sommario

  • "Il modo più semplice per provare la realtà virtuale è andare nelle sale giochi"
  • "Siamo intransigenti sul nostro obiettivo: garantire che i nostri clienti se ne vadano con un vero amore per la realtà virtuale ..."

"Il modo più semplice per provare la realtà virtuale è andare nelle sale giochi"

 Salve signor Bruski. Puoi parlarci un po 'di te? Cosa hai fatto prima e come sei finito nel mercato della realtà virtuale?
Prima di lavorare su Ctrl V, sono stato coinvolto in un'ampia varietà di altre startup con diverse attività. Prima dei miei anni di avvio, ho assunto ruoli molto diversi nel settore degli investimenti finanziari canadesi. Il mio partner, e amico di vecchia data, molto esperto di nuove tecnologie, ha avuto l'idea di entrare nella realtà virtuale e mi ha contattato per gestire il lato commerciale della sua iniziativa.



Le sale giochi erano molto popolari, ma andarono in declino con l'avvento delle console domestiche. Perché hai fatto questa scelta rischiosa?
Non è stata davvero una scelta rischiosa. Le macchine arcade sono scomparse perché i videogiochi sono entrati nella sfera domestica. La realtà virtuale è ancora difficile da possedere a casa. I prezzi delle apparecchiature sono alti, l'hardware richiesto è potente e lo spazio richiesto è proibitivo. Il modo più semplice per sperimentare la realtà virtuale (soprattutto se non l'hanno mai provato prima) è passare alle sale giochi.

Puoi parlarci della tua attività? Quanti anni hai impiegato per realizzare il tuo progetto? Quali difficoltà hai incontrato? Hai trovato facilmente il finanziamento? Hai una partnership con i tuoi fornitori di attrezzature?
L'attività è incredibilmente nuova. L'idea è stata concepita nel gennaio 2016. È qui che siamo entrati nella nostra fase di ricerca per assicurarci che fosse fattibile. Alla fine di febbraio è stata creata l'azienda e il vero lavoro è iniziato a marzo. A maggio ci siamo trasferiti nel nostro spazio e lo abbiamo rinnovato per il lancio a giugno 2016. Non abbiamo incontrato molte difficoltà. I giocatori della realtà virtuale erano molto felici di lavorare con noi, perché sapevano che stavamo aprendo la strada allo sviluppo delle loro attività. I fondi sono sempre difficili da trovare, ma se hai una grande idea e un piano altrettanto buono, diventa più facile. E sì, abbiamo partnership con ciascuno dei nostri fornitori.



"Siamo intransigenti sul nostro obiettivo: garantire che i nostri clienti se ne vadano con un vero amore per la realtà virtuale ..."

Quali giochi offri? Che attrezzatura usi? Come ti sei fatto conoscere al grande pubblico?
Tutti i nostri giochi sono testati dai nostri team e da altri beta tester per assicurarci che siano abbastanza buoni da essere offerti. Hanno abbastanza successo? La rigiocabilità è sufficiente? Affiniamo la scelta dei nostri giochi ancor prima di contattare gli sviluppatori. Lavoriamo esclusivamente con HTC Vive perché attualmente offre le esperienze VR migliori e più coinvolgenti. Siamo intransigenti sul nostro obiettivo: garantire che i nostri clienti se ne vadano con un vero amore per la realtà virtuale e non con un'altra attività divertente che dimenticheranno rapidamente. Le nostre scelte, insieme alla scelta di non utilizzare le grandi leve del marketing, hanno portato a far conoscere CTRL V con il passaparola, attraverso esperienze incredibili.

Parlaci un po 'dei tuoi clienti (età, sesso, ecc.). Quanti sono approssimativamente al giorno? Quali giochi sono più popolari con loro?
I nostri clienti provengono da tutti gli strati e sottostrati della popolazione. Sono rappresentati tutti i sessi, tutte le età, giocatori e neofiti. Alcuni arrivano addirittura da altri paesi. Nel primo mese abbiamo contato oltre 3000 clienti. Gli sparatutto in prima persona sono i giochi di maggior successo, insieme ai giochi horror. Ma con mia sorpresa, i clienti apprezzano anche cose semplici come giochi sandbox o campi da minigolf.

Pensi di aprire altre sale giochi?
Sì. Stiamo pensando di aprire una cinquantina di altri negozi.


Come pensate di affrontare l'arrivo della realtà virtuale domestica?
Anche se la realtà virtuale domestica può sembrare una minaccia, non lo è e non avrà molto effetto su di noi. Le persone inizieranno a giocare in casa, ma saranno in minoranza. Inoltre, con la crescente domanda di giochi multiplayer, l'unico modo per i gruppi di giocare insieme sarà attraverso sale giochi come la nostra.



Cosa ne pensate del Void, il parco divertimenti dedicato alla realtà virtuale?
The Void è un concetto unico e gli auguriamo il meglio. Nonostante la credenza popolare, il loro è diverso dal nostro, quindi sono visti più come un complemento al nostro mercato e alla crescita della realtà virtuale in generale.


Cosa ne pensate del futuro della realtà virtuale?
Credo che nel prossimo futuro, la realtà virtuale esploderà poiché diventerà più accessibile, più richiesta e più attraente.



Aggiungi un commento di [Intervista] CTRL V - Intervista al creatore della prima sala giochi VR
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.