[ITW] Laurent Chrétien, direttore di Laval Virtual, ai VR Days 2019

    [ITW] Laurent Chrétien, direttore di Laval Virtual, ai VR Days 2019

    I VR Days 2019 si sono svolti ad Amsterdam dal 13 al 15 novembre, per una quinta edizione particolarmente riuscita. Quest'evento ha celebrato il primo "Lustrum" della realtà virtuale : un ciclo quinquennale iniziato con la prima edizione del salone nel 2014, in coincidenza anche con l'acquisizione di Oculus da parte di Facebook. In questo contesto, abbiamo chiesto a Laurent Chrétien, Direttore Generale di Laval Virtual, della sua visione per la fine di questo ciclo ...



    È stato adesso quattro anni da quando ci conosciamo, quando sono arrivati ​​a Laval Virtual e abbiamo deciso di collaborare insieme alla co-animazione dei nostri rispettivi cicli di conferenze nel 2017 e nel 2018. Per il 2019, abbiamo deciso insieme di andare oltre.

    Improvvisamente, il coinvolgimento di Laval Virtual nell'organizzazione dei VR Days quest'anno è andato oltre la fase delle conferenze. Il nostro team si è preso cura di l'intero ciclo di conferenze che si svolge durante la mostra al Kromhouthale i nostri team hanno partecipato molto attivamente al marketing della mostra.

    L'obiettivo dell'evento, qui ad Amsterdam da 5 anni, è cercare di riunire la comunità VR / AR, sia i maker che gli utenti con forse qui una connotazione più "contenuta" che in Laval dove siamo più orientati alla "techno". I due eventi si completano quindi abbastanza bene.

    Come con Laval Virtual, l'obiettivo è anche quello di promuovere la città di Laval. È anche un ottimo modo per capitalizzare le nostre reti relazionali, le nostre esperienze e aiutarci a progredire a vicenda.

    [ITW] Laurent Chrétien, direttore di Laval Virtual, ai VR Days 2019

    Non ci sono molti cambiamenti. Il parte del forum degli investitori che in precedenza era sul sito della fiera, ora si svolge al DeLaMar Theatre contemporaneamente alla conferenza e penso che sia molto meglio, poiché ci sono più investitori alla conferenza che alla mostra.



    C'è anche un aumento del numero di conferenze nella sede della mostra domani, e soprattutto una crescita del 30% del numero di espositori. Se manteniamo questo tasso di crescita per tre o quattro anni, i VR Days raggiungeranno il livello di Laval Virtual.

    Tuttavia, non cercare sempre di aumentare la dimensione degli eventi. Altrimenti rischiamo di perdere l'anima. Questa è la scelta che abbiamo fatto a Laval e che sicuramente faremo qui ad Amsterdam per i VR Days.

    Spontaneamente direi di no, è più una continuità, ma in effetti potremmo essere alla fine dell'introduzione. Occhiali e cuffie stanno raggiungendo una certa maturità, si stanno costruendo ecosistemi di giocatori che producono contenuti di qualità in Europa, non c'è più alcun interesse nella capacità di costruire cose.

    d'altro canto ci sono ancora problemi sui modelli economici, in particolare sulla parte “contenuto”. L'altra cosa che accadrà nei mesi o negli anni a venire è che la realtà virtuale svanirà in termini di tecnologia "ovvia" per mescolarsi con intelligenza artificiale, blockchain, robotica, Internet of Things, ecc.

    oui, Penso che abbiamo dovuto fare sacrifici nel senso di abnegazione, nel senso di fede nella tecnologia, nel senso di investimento. Sacrifici di tempo, finanze, energia. Quello che stiamo facendo a Laval Virtual ne è un esempio: le comunità hanno portato un evento a debita distanza per quasi 15 anni senza che fosse assolutamente redditizio.

    E poi gradualmente, il mercato ha iniziato a svilupparsi, a esplodere e ha permesso la crescita che conosciamo in Laval Virtual e che proviamo a condividere con gli attori come i VR Days che apprezziamo.



    Andiamo. Più lento di quanto vorrebbero i costruttori, ma eccoci qui. Le distribuzioni al pubblico in generale e alle imprese sono ancora limitate, ma continuano. Questi sono anche per me ESN come Capgemini o Accenture che saranno in grado di implementare massicciamente nelle aziende.

    Altri fattori sono interessanti per la democratizzazione come la standardizzazione. Ad esempio, il gruppo Khronos sta lavorando su questo con il suo standard OpenXR. Presto sarà possibile utilizzare qualsiasi contenuto con qualsiasi maschera e farà molto bene all'industria.

    Ci sono ancora freni per il grande pubblico, come l'isolamento conferito dalla maschera che costituisce un fortissimo freno psicologico. Per rimediare a questo, giochi sociali e collaborativi e servizi pubblici in generale, con l'implementazione di 5G e cloud VR / AR, aiuteranno a rompere questo freno.

    Non siamo ancora arrivati. Entro 10-15 anni, possiamo aspettarci che l'auricolare VR venga utilizzato come lo smartphone da tutti. Una naturale assuefazione si verificherà negli affari e passerà al grande pubblico.[ITW] Laurent Chrétien, direttore di Laval Virtual, ai VR Days 2019

    Tecnologicamente, la realtà aumentata è un po 'in ritardo rispetto alla realtà virtuale. La sovrapposizione di elementi virtuali sul reale non è così facile da realizzare e organizzare nell'ambiente. Mentre quando siamo nella realtà virtuale, siamo nella realtà virtuale, immersi in un universo virtuale.

    Tuttavia, negli affari, la realtà aumentata ha effettivamente molto più potenziale rispetto alla realtà virtuale. Non soddisfa gli stessi usi, anche se il contenuto in tempo reale è lo stesso, i casi di applicazione non sono gli stessi.


    Ad esempio, per l'allenamento, la realtà aumentata consentirà un allenamento semplice e massiccio, mentre la realtà virtuale consente una formazione più complessa, ma individuale. Per il grande pubblico, invece, le due tecnologie dovrebbero beneficiare di un forte sviluppo.


    Qui ai VR Days la realtà aumentata è meno presente, perché è un file evento storicamente orientato alla realtà virtuale e altro sui contenuti. Tuttavia, questo dovrebbe ibridarsi gradualmente.

    Secondo te, la Francia può essere uno dei leader nel settore della realtà virtuale?

    La La Francia, insieme agli Stati Uniti e al Giappone, è uno dei pionieri di realtà virtuale. Indipendentemente dalla tecnologia, tuttavia, raramente siamo stati professionisti dell'hardware. Abbiamo quindi lasciato un po 'scivolare le startup hardware, anche se ne abbiamo regolarmente alcune che tentano la fortuna e che, spero, riusciranno a distinguersi.

    Dal punto di vista del software, abbiamo dei grandi successi. Tuttavia, è soprattutto dal lato dell'applicazione che siamo molto forti e che abbiamo un ruolo importante da svolgere. Siamo fantasiosi e sappiamo come svilupparci correttamente. Questo rappresenta un vero El Dorado, perché abbiamo esplorato solo la superficie di ciò che è possibile fare con la realtà virtuale.

    On cerca di aiutare le startup sulla scala modesta di Laval Virtual, attraverso i nostri eventi internazionali o lavorando con Business France su programmi di sviluppo del mercato internazionale. Anche VR Days e Laval Virtual Asia partecipano a questo processo per aiutare le startup francesi ad esportare, per incontrare nuovi mercati.

    A valle, il Laval Virtual Center è un ottimo strumento di accelerazione per le startup se lo desiderano. Siamo in grado di risparmiare loro molto tempo nei loro mercati e nelle tecnologie perché abbiamo molto materiale su questo, molta esperienza e ingegneri forti.

    Quale futuro per la realtà virtuale? L'anno prossimo e oltre?

    Tutto dipende dall'orizzonte che stiamo guardando. A breve e medio termine, possiamo aspettarci una distribuzione massiccia molto presto. Sta prendendo, possiamo vederlo a diverse scale: in un territorio come il nostro dove sempre più PMI stanno lavorando con questi strumenti, e poi stiamo iniziando a sentirlo con gli ESN che ci consultano sempre di più. clienti, aiutateli e ispirateli a sviluppare casi d'uso massicci.

    Successivamente, ci sarà probabilmente una convergenza tra occhiali per realtà virtuale e occhiali per realtà aumentata, con la possibilità di passare dal reale al virtuale istantaneamente. Tuttavia, penso che il risultato, tra 50 o anche 100 anni, sarà che non avremo più bisogno di un dispositivo e che ci immergeremo nel virtuale tramite una connessione diretta al cervello...



    Aggiungi un commento di [ITW] Laurent Chrétien, direttore di Laval Virtual, ai VR Days 2019
    Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.

    ×
    Deja aqui tu email para recibir nuestra newsletter semanal, llena de ofertas y novedades de tu ciudad