L'incubatore VR First accelera notevolmente la sua implementazione

Chi sono io
Alejandro Crespo Martínez
@alejandrocrespomartinez
Autore e riferimenti

sommario

  • VR First annuncia 40 laboratori alla fine dell'anno
  • Un incubatore lanciato dallo studio Crytek nel 2016

L'incubatore di progetti di realtà virtuale e realtà aumentata VR First ha annunciato la fase successiva della sua implementazione. Si prevede che quasi raddoppierà il numero di laboratori in tutto il mondo. 

VR First annuncia 40 laboratori alla fine dell'anno

40 laboratori. Si prevede che l'iniziativa VR First raddoppi quasi la portata del suo programma. Il progetto avviato all'inizio dello scorso anno da Crytek riguarda attualmente 26 laboratori. Questi non si trovano solo nel continente nordamericano. Li troviamo in Europa, Asia e Oceania, per un totale di 23 paesi interessati. Possiamo logicamente presumere che anche il prossimo passo dovrebbe essere internazionale. Gli studi effettuati nei primi mesi hanno rivelato l'interesse di oltre 400 università di tutto il mondo ad aprire un laboratorio di realtà virtuale e / o aumentata. 200 di loro hanno persino compilato i file necessari.



Attualmente sono in corso più di 50 diversi progetti nei laboratori di VR First. Coprono un campo piuttosto ampio. In effetti, se i giochi rappresentano generalmente la maggior parte dei contenuti, qui rappresentano solo il 35%. Il resto è suddiviso in settori più specializzati: psicologia e neuroscienze (12), istruzione (7%) o turismo (7%). In termini di piattaforme di realtà virtuale, gli studenti si dividono principalmente tra Oculus Rift e HTC Vive (31% ciascuno). Il resto è diviso tra Samsung Gear VR, OSVR e Daydream. Per la realtà aumentata, Hololens di Microsoft è la scelta principale del 43% degli studenti. Tuttavia, utilizzano anche Google Glass, auricolari Vuzix AR, Epson Moverio e Meta AR Dev Kits.


Un incubatore lanciato dallo studio Crytek nel 2016


L'idea è di facilitare l'accesso degli studenti a hardware e software di realtà virtuale attraverso partnership con aziende. Hanno accesso automatico al motore di Crytek, il CryEngine. Tuttavia, usano di più Unity e Unreal. L'iniziativa di Crytek e dei suoi partner di lanciare VR First non è ovviamente disinteressata. Ciò dovrebbe consentire l'arrivo sul mercato del lavoro di nuovi talenti per facilitare l'innovazione nel campo della realtà virtuale.

Inoltre, VR First sta anche lavorando a un nuovo standard perInstitute of Electrical and Electronics Engineers a termine realta virtuale. Denominato IEEE P2048.5, mira a stabilire nuovi standard di qualità e test nelle apparecchiature di realtà virtuale e realtà aumentata.. Crytek è oggi uno studio riconosciuto nella progettazione di contenuti dedicati alla realtà virtuale. Già specialista in videogiochi con una grafica straordinaria, è stato in grado di passare a contenuti di realtà virtuale di ottima qualità.



Per conoscere gli ultimi corsi di formazione dedicati alla realtà virtuale e alla realtà aumentata in tutto il pianeta, vai alla nostra sezione dedicata.



Aggiungi un commento di L'incubatore VR First accelera notevolmente la sua implementazione
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.