L'inventore della realtà virtuale denuncia Facebook e Google

L'inventore della realtà virtuale denuncia Facebook e Google

sommario

La La conferenza TED 2018 si svolge a Vancouver, in Canada, dal 10 al 14 aprile. Come parte di questo evento, Jaron Lanier, considerato uno degli inventori della realtà virtuale, ha parlato a un pubblico composto in gran parte da giganti della tecnologia direttamente dalla Silicon Valley.



Pur sapendo che le sue parole potrebbero offendere questo pubblico, Lanier non ha esitato a cogliere l'occasione per farlo denunciare con forza i problemi legati all'egemonia di Google e Facebook. Ricorda che queste aziende sono attualmente al centro di una vivace controversia relativa alla raccolta dei dati sui consumatori.

L'inventore della realtà virtuale prende posizione dopo lo scandalo Facebook / Cambridge Analytica

L'inventore della realtà virtuale denuncia Facebook e Google

Facebook, in particolare, è oggetto di uno scandalo di dimensioni senza precedenti che ha portato Mark Zuckerberg al Congresso. Per una buona ragione, un informatore lo ha recentemente rivelato i dati di 87 milioni di utenti del social network sono stati raccolti illegalmente per influenzare le elezioni presidenziali del 2016 a favore di Donald Trump.

A seguito di questa oscura vicenda, molti utenti hanno deciso di lasciare la piattaforma. Inoltre, molti utenti di Internet hanno la sensazione di essere manipolati e di aver perso il controllo delle loro informazioni personali.

Facebook e Google: un "tragico errore" commesso alla fine degli anni '90

L'inventore della realtà virtuale denuncia Facebook e Google



Agli occhi di Jaron Lanier, la radice del problema di Facebook e Google deriva da a "Tragico errore" commesso tra i primi anni '1990 e la fine degli anni 2000. Secondo lui, quando è apparsa per la prima volta la cultura digitale, le aziende della Silicon Valley sentivano di avere una missione socialista. Il La Silicon Valley nel suo insieme credeva che Internet nel suo insieme dovesse essere completamente gratuito e pubblico.

Allo stesso tempo, tuttavia, imprenditori e titani industriali come Steve Jobs erano al centro di questa comunità. Tuttavia, quando tutto è gratuito, affinché un'azienda sia redditizia, non ha altra scelta che ricorrere alla pubblicità. Questo è il motivo per cui servizi come Google e Facebook venivano offerti gratuitamente, solo a condizione che gli utenti si permettessero di essere costretti a inserirsi negli annunci.

Facebook e Google sono diventati "imperi di modifica comportamentale"

L'inventore della realtà virtuale denuncia Facebook e Google


Inizialmente, questo compromesso potrebbe essere visto come uno scambio cordiale. Sfortunatamente, le entità che hanno utilizzato questo sistema hanno acquisito esperienza e hanno deciso di massimizzare il loro profitto. Perciò la pubblicità si è trasformata in "modifica comportamentale".

Se ciò non bastasse, sui social media, stimoli negativi come notizie false e altri contenuti manipolatori hanno la precedenza sulle informazioni veritiere o positive. Per una buona ragione, le emozioni negative si diffondono più velocemente delle emozioni positive. Infatti oggi, per Jaron Lanier, aziende come Facebook non sono più social network, ma "imperi di modifica del comportamento".

L'inventore della realtà virtuale vuole che Internet riacquisti i suoi valori precedenti

L'inventore della realtà virtuale denuncia Facebook e Google

Agli occhi di Jaron Lanier, l'unica soluzione ora è tornare indietro, tornare indietro nel tempo e tornare alle origini. I giganti della Silicon Valley devono ancora una volta credere a Internet completamente gratuito.


Se questo non è possibile, allora lo sarebbe ancora meglio offrire motori di ricerca e social network a pagamento. Proprio come Netflix è riuscita a convincere gli utenti a pagare per contenuti di qualità, Google e Facebook potrebbero essere offerti su un modello di abbonamento e in cambio garantire l'integrità dei loro servizi.


Questo audace discorso si è concluso con un fragoroso applauso da parte del pubblico della TED Conference. Mosso da questa ovazione, Jaron Lanier ha chiarito che non sta cercando di demonizzare Google e Facebook. Ai suoi occhi queste aziende sono solo vittime "proprio come il resto di noi".



Aggiungi un commento di L'inventore della realtà virtuale denuncia Facebook e Google
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.