L'origine poco conosciuta e particolarmente sorprendente del termine realtà virtuale

Chi sono io
Michael Naimark
@michaelnaimark
Autore e riferimenti

sommario

  • 1938: le origini del termine realtà virtuale
  • Realtà virtuale: un ossimoro per descrivere un nuovo mondo

Riuscite a immaginare che il termine realtà virtuale sia apparso in un momento in cui le tecnologie non avevano nulla a che fare con quelle di oggi? Tuttavia è così. E fondamentalmente la sua definizione dal punto di vista del significato rimane più o meno la stessa. Te lo spieghiamo.



1938: le origini del termine realtà virtuale

Antonin Artaud. Il suo nome probabilmente non suona un campanello. Tuttavia, è stato l'inventore del termine realtà virtuale nel ... 1938. Questo francese era uno specialista di software o hardware? Stava già pensando alla realtà aumentata o alle apparecchiature wireless? Probabilmente no. Un computer o uno smartphone erano persino parole sconosciute per lui. Regista teatrale, attore, poeta… Ha ricoperto diversi incarichi nella prima metà del XX secolo.

È infatti nel suo libro “Il teatro e il suo doppio”, pubblicato nel 1938, che teorizza il teatro come una “realtà virtuale”. Certo, il termine non aveva ancora la dimensione tecnologica a cui è associato oggi.. Ne parla per definire una realtà che è insieme un'illusione e puramente fittizia.

Realtà virtuale: un ossimoro per descrivere un nuovo mondo

È stato quindi necessario attendere gli anni 50-60 per avere un primo utilizzo tecnologico di questo concetto. È quindi il Sensorama, inventato da Morton Helig. Cinque cortometraggi coinvolgono tutti i sensi dell'utente, ma il suo prototipo non raggiungerà mai i consumatori. Da allora, ovviamente, gli usi sono esplosi e non hanno nulla a che fare con la visione di base degli inizi.. Quindi, se l'aviazione americana è la prima al mondo a utilizzare la realtà virtuale come parte di un simulatore di volo, oggi chiunque può accedervi per svago o addestramento.



Ma rimane una costante, poiché lo stesso Anton Artaud, il significato spesso particolarmente paradossale dato a questa espressione che la rende un ossimoro. In teoria, infatti, possiamo considerare che virtuale e realtà sono opposte. Ma, in realtà, è un po 'più complicato. L'opposto del virtuale è attuale e non reale, come hanno ripetutamente sottolineato autori come Pierre Levy o Gilles Deleuze.. Il che significa che la realtà virtuale sarebbe concretamente una parte della realtà. Cosa vuoi cambiare la dicitura? Difficile immaginare come l'espressione della realtà virtuale sia entrata oggi nel linguaggio comune. Con il Magic Leap e la realtà aumentata, dopo tutto potrebbe essere solo un po 'di anticipazione.





Aggiungi un commento di L'origine poco conosciuta e particolarmente sorprendente del termine realtà virtuale
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.