La realtà virtuale di Facebook è destinata a fallire, afferma il fondatore di Oculus

Chi sono io
Alejandro Crespo Martínez
@alejandrocrespomartinez
Autore e riferimenti

sommario

  • Le cuffie VR di Facebook non possono competere con le console di gioco

Nel 2017, durante la conferenza Oculus Connect, Mark Zuckerberg ha annunciato la sua intenzione di attirare un miliardo di persone nella realtà virtuale. Per raggiungere questo obiettivo, dall'acquisizione di Oculus nel 2014, Facebook non ha lesinato sugli investimenti, sulla ricerca e sul lancio di nuovi prodotti di sempre maggiore successo come i nuovi visori Oculus Rift S e Oculus Quest. Sono in preparazione anche partnership con Ubisoft e altri importanti studi di videogiochi.



Purtroppo, potrebbe essere che tutti questi sforzi siano vani. Almeno questa è l'opinione di Jack McCauley, uno dei sei co-fondatori di Oculus. In precedenza, questo veterano del settore dei giochi ha lavorato su Guitar Hero presso Activision, Xbox 360 di Microsoft ed Electronic Arts.

Secondo lui, la realtà virtuale come la immagina Facebook è destinata al fallimento. Per una buona ragione, l'azienda americana cerca di posizionare i suoi dispositivi come console per videogiochi, ma McCauley crede che non esiste un mercato reale per tali prodotti.

Ai suoi occhi, la maggior parte delle persone preferiscono giocare ai videogiochi su uno schermo 2D circondato dai propri amici. Pur riconoscendo che indossare un visore VR fornisce un senso di meraviglia legata alla scoperta, "non sa quale applicazione VR potrebbe trattenere i giocatori per più di sei ore come un gioco per PC o console" tenendo conto dell'affaticamento degli occhi e delle sensazioni di nausea che l'immersione può fornire ...

Le cuffie VR di Facebook non possono competere con le console di gioco

Anche quando lavorava per Oculus, prima di dimettersi nel novembre 2015, McCauley ammette che non pensava che le persone sarebbero andate in giro in pubblico con un visore VR. Egli ricorda che le vendite dei prodotti su cui ha lavorato sono state piuttosto deludenti.



L'1 Oculus DK2013 ha venduto 70 unità e 000 DK2 ha venduto 2014. Da allora, le vendite sono migliorate in modo significativo. Secondo gli analisti, Facebook ha venduto 547 Oculus Rift nel 000 e Oculus Quest disponibile da maggio 2018 ha già venduto 2019 milioni di copie. Un successo che supera le aspettative dell'azienda americana.

Tuttavia, queste cifre sono ancora lungi dal raggiungere la caviglia delle vendite su console. In confronto, nel 2018, Sony ha venduto 17,8 milioni di PlayStation 4 e Nintendo 17 milioni di Nintendo Switch. Basti dire che la scala semplicemente non è la stessa al momento.

Quindi, secondo Jack McCauley, mentre Facebook può permettersi di continuare a investire nella realtà virtuale negli anni a venire, potrebbe equivalere a buttare soldi nello scarico. Tuttavia, questa è solo un'opinione e ci vorranno alcuni anni per vedere se Facebook raggiunge il suo obiettivo.



Per ora, anche se la realtà virtuale è ancora lontana dal riunire un miliardo di persone, il successo di Oculus Quest è chiaramente incoraggiante. La realtà virtuale sta gradualmente correggendo i suoi punti deboli e la proliferazione di contenuti di qualità potrebbe davvero attrarre i giocatori più esigenti ...



Aggiungi un commento di La realtà virtuale di Facebook è destinata a fallire, afferma il fondatore di Oculus
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.