La realtà virtuale potrebbe aiutare a curare la pedofilia

Chi sono io
Adriana Gil
@adrianagil
Autore e riferimenti

sommario

  • La realtà virtuale potrebbe canalizzare la pedofilia
  • La realtà virtuale aiuterebbe a diagnosticare la pedofilia
  • Effetti ancora sconosciuti sui pedofili
  • Difficile condurre ricerche obiettive sulla pedofilia

La realtà virtuale potrebbe canalizzare la pedofilia

I due altoparlanti non sono poi così lontani dalla realtà. Un'azienda giapponese di nome Trottla offre già bambole che sembrano stranamente bambini e spedisce i loro prodotti in tutto il mondo. All'inizio di quest'anno, un canadese è stato processato per aver ordinato una bambola del genere nel 2013. Secondo la legge canadese, rischia sette anni di carcere per pornografia infantile. Ma prendiamo il problema al contrario. E se queste bambole fossero usate nel bene piuttosto che nel male? Ron Arkin, un ingegnere robotico presso il Georgia Institute of Technology, sostiene che le persone non solo dovrebbero avere il diritto di possedere un prodotto del genere, ma dovrebbe essere prescritto per alcuni. Secondo lui, la realtà virtuale unita alla robotica potrebbe fungere da sfogo per la devianza sessuale. Consentirebbe alle persone interessate di esprimere i propri bisogni canalizzando i loro desideri più oscuri verso una macchina e non più verso i bambini reali. Se questo dovesse essere implementato, i vantaggi sarebbero duplici. I criminali sessuali potrebbero rientrare più facilmente nella società senza diventare un pericolo per la società, ei devianti non agirebbero perché sarebbero tenuti lontani dal reale oggetto del loro desiderio.



Per il momento, una parte significativa della popolazione limita i propri bisogni, per vergogna o paura di essere accusati di devianti, torsioni o qualsiasi altra qualificazione che di solito viene attribuita a questo tipo di orientamento. Queste persone sono spesso ignorate, rifiutate dalle istituzioni mediche e legali che potrebbero venire in loro aiuto.. Nella migliore delle ipotesi, ammettere la loro devianza, anche a uno psicologo, avrebbe guadagnato loro un rapporto ufficiale e messo sotto sorveglianza. È a causa di politiche come questa che non possiamo ancora stimare il numero di pedofili che si nascondono nella nostra società. Le persone non vogliono ammettere ufficialmente le loro indicazioni a causa dei rischi che corrono. Purtroppo, quando scopriamo che una persona è un pedofilo, molto spesso è perché questa persona ha agito.



La realtà virtuale aiuterebbe a diagnosticare la pedofilia

Patrice Renaud, psicologa dell'Università di Montreal, è specialista in bisogni sessuali. È consapevole del ruolo della tecnologia nel mantenere e alimentare queste deviazioni. Ogni anno, il suo team incontra le persone a loro riferite dal tribunale per stabilire una diagnosi e definire se possono costituire un pericolo per gli altri.. I soggetti sono collegati a un "eye-tracker", un "monitor del cervello" e un altro dispositivo che misura il flusso sanguigno ai loro genitali. Nel caso dei pedofili, gli stimoli visivi consistono in immagini pornografiche raffiguranti bambini, ottenute durante gli interventi della polizia. Poiché questo processo è stato vietato in Canada, Renaud e il suo laboratorio hanno lavorato solo con registrazioni audio che descrivono scenari sessuali.

Secondo il ricercatore, i due metodi sono ugualmente problematici. L'uso di immagini reali solleva preoccupazione morale tra la popolazione ma suscita più efficacemente risposte da parte degli accusati. Tuttavia, le fotografie non sono standardizzate, il che è in conflitto con i metodi di ricerca scientifica. Le informazioni uditive, d'altra parte, non sono abbastanza coinvolgenti per innescare una risposta. Essendo questi due metodi fallibili, Patrice Renaud ha quindi deciso di interessarsi alla realtà virtuale.

La realtà virtuale potrebbe consentire di identificare la devianza della pedofilia in modo più preciso e senza sollevare questioni etiche come fanno i metodi esistenti. Durante questi esperimenti, Renaud ei suoi colleghi hanno esposto persone e pedofili non devianti a una serie di immagini virtuali generate al computer. Le risposte individuali erano correlate alle preferenze sessuali di ciascuno dei soggetti nell'esperimento, dimostrando che la realtà virtuale è in grado di creare ciò che Renaud chiama "presenza sessuale". Essendo la realtà virtuale in sostanza una tecnologia immersiva, risulta essere più stimolante delle semplici immagini e non causa problemi morali per la sua natura virtuale.



Effetti ancora sconosciuti sui pedofili

Attualmente, il laboratorio di Renaud è focalizzato sulla valutazione della pedofilia attraverso la realtà virtuale. Vorrebbe comunque esplorare le possibilità di trattamento con la pornografia sintetica. La realtà virtuale ha già dimostrato le sue virtù terapeutiche e ha dimostrato di essere in grado di trattare disturbi mentali come fobie, stress post-traumatico o schizofrenia.. Patrice Renaud aggiunge che "la pedofilia è qualcosa di molto difficile da affrontare". Per lui, "non puoi cambiare la preferenza sessuale in sé, così come non puoi sbarazzarti di cattive abitudini come il fumo". Per il momento esistono poche cure per la pedofilia. La maggior parte dei pazienti sarà in grado di provare la terapia comportamentale e cognitiva. Alcune leggi possono persino costringere il paziente a sottoporsi a castrazione chimica. Questo è il motivo per cui sono emersi gruppi anonimi come Virtuous Pedophiles, che offrono supporto a persone che non vogliono agire secondo i loro desideri ma anche non vogliono confidarsi con un professionista.


Renaud sembra suggerire che la realtà virtuale unita all'elaborazione cognitiva potrebbe aiutare queste persone a comprendere i loro desideri ea convivere con loro. Uno dei progetti a cui sta lavorando propone ai pazienti di camminare in un parco pieno di bambini, e quindi “opportunità criminali”. Ha in programma di sviluppare presto un altro esperimento basato sull'empatia nei confronti delle vittime, volto a prevenire la recidiva degli imputati. Sta anche pensando di combinare la realtà virtuale con la robotica per rendere questa esperienza futura ancora più realistica. Tuttavia, rimane cauto su questa idea. Mentre alcuni pazienti potrebbero essere soddisfatti di questo tipo di esperienze, altri potrebbero voler andare oltre. Quindi specifica che “Esito a usare la robotica nei miei trattamenti. Forse alcuni individui intelligenti e temperati potrebbero accontentarsi di questo tipo di contatto con le bambole, ma per gli altri penso che possa solo portare alla voglia di andare oltre e di andare oltre il limite tra robot e vittima reale ”.



Difficile condurre ricerche obiettive sulla pedofilia

In questo caso, l'utilizzo di robot potrebbe banalizzare comportamenti devianti, mettendo così i bambini in maggiore pericolo. In altre parole, potrebbe avere l'effetto opposto a quello previsto. "Non sappiamo la risposta", afferma Kate Darling, specialista in interazioni uomo-robot al MIT. "Non possiamo sapere quali saranno le conseguenze". Trovare finanziamenti è difficile, tanto difficile quanto convincere un gruppo di pedofili a partecipare alla ricerca. Un simile progetto susciterebbe molte proteste, come quelle della Campagna contro i robot sessuali, che assicura che i sostituti robotici non hanno in alcun modo contribuito ad arginare il fenomeno della prostituzione.

Inoltre, è complicato condurre ricerche oggettive intorno a un argomento come la pedofilia, data l'avversione morale e il rifiuto che questa devianza genera. Le bambole, come quelle che vende Trottla, dovrebbero presto essere dotate di intelligenza artificiale. Quanto potrebbero diventare realistici? Tecnologie più immersive risolverebbero o amplificherebbero il problema? I ricercatori dovranno interessarsi seriamente alle conseguenze di tale decisione.



Aggiungi un commento di La realtà virtuale potrebbe aiutare a curare la pedofilia
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.