La sindrome post-realtà virtuale preoccupa alcuni utenti

Chi sono io
Tom Chatfield
@tomchatfield
Autore e riferimenti

sommario

  • Riabilitazione post-realtà virtuale nel mondo reale
  • Tristezza post-realtà virtuale
  • Una sindrome post-realtà virtuale descritta da altri utenti
  • Persone più disposte di altre a manifestare sintomi post-realtà virtuale

La realtà virtuale è soprattutto una truffa… Il concetto stesso di questa tecnologia è quello di utilizzare la stimolazione sensoriale (generalmente vista e udito ma anche alcuni altri sensi possono essere stimolati con accessori) per far credere al cervello di vivere un'esperienza in un'altra realtà. Funziona ... soprattutto quando la sensazione di immersione è totale. Così ingannato, il cervello ha la sensazione di vivere in una realtà intensa, magica, interattiva e stimolante che di fatto non esiste. Quando l'esperienza si interrompe e l'utente si toglie le cuffie, il cervello torna improvvisamente al mondo reale, spesso meno magico e stimolante del mondo in cui pensava di essere immerso in precedenza. Abbiamo già menzionato alcuni rischi e pericoli associati alla realtà virtuale o all'assimilazione degli effetti della realtà virtuale a quelli dell'LSD. Questa volta discuteremo le testimonianze di persone che hanno sofferto di sindrome post-realtà virtuale.



Riabilitazione post-realtà virtuale nel mondo reale

Tobias van Schneider è un designer tedesco che utilizza ampiamente la realtà virtuale da mesi. Il giovane tedesco con il fisico geek vichingo ha confidato nel suo blog i diversi sintomi che ha finito per provare dopo un uso intensivo della realtà virtuale.

Il designer spiega in particolare che nei 2 minuti successivi alla fine dell'esperienza in realtà virtuale si è sentito strano, come distaccato dalla realtà. Spiega in particolare che la manipolazione di oggetti subito dopo l'esperienza è stata difficile per lui. Per una o due ore, il giovane commenta anche che la sua nozione di distanze è stata disturbata. È come se il cervello avesse bisogno di tempo per riadattarsi al mondo reale.



Tristezza post-realtà virtuale

Il giovane confida che questi sintomi fisici scompaiono sempre in meno di due ore. Tuttavia, Tobias parla anche di sintomi molto più preoccupanti. Il designer tedesco spiega in particolare che spesso ha provato un profondo senso di tristezza e delusione post-virtuale per il mondo reale che sembra essere diventato molto piatto, insipido e insapore.

Il giovane tedesco spiega che avendo vissuto per un po 'in un'altra realtà, si è sentito triste e infelice per non poter toccare il cielo, far girare le nuvole, colorarle come nella realtà virtuale. Tobias gli confida che oltre alla tristezza, si è sentito disturbato dal mondo reale.

Una sindrome post-realtà virtuale descritta da altri utenti

Navigando in vari forum che parlano di realtà virtuale, è chiaro che la sindrome post-realtà virtuale descritta da Tobias van Schneider non è il caso isolato di una persona molto sensibile o di un utente che ha davvero abusato in modo eccessivo della realtà virtuale.

Molte persone testimoniano di aver provato effetti simili a quelli descritti dal designer tedesco. La sensazione di distacco dal mondo reale è spesso menzionata così come la sensazione di chiedersi cosa sia il mondo reale. Alcuni descrivono sentimenti di ansia e disagio come quelli di discendenza descritti da persone che hanno assunto droghe e i cui effetti si sono esauriti.


Persone più disposte di altre a manifestare sintomi post-realtà virtuale

In un articolo pubblicato su una rivista scientifica britannica, due ricercatori ritengono che: “”. Tuttavia, sembrerebbe, secondo le testimonianze di alcuni utenti, che l'uso di un visore per realtà virtuale mentre si è sotto l'influenza di alcol o droghe sia un fattore aggravante della sindrome post-realtà virtuale.


Sebbene finora siano stati condotti pochi studi sull'argomento, molti ritengono che la sindrome post-realtà virtuale non farebbe che esacerbare disturbi o patologie preesistenti. Si raccomanda quindi di non abusare della realtà virtuale e di non eseguire esperienze di realtà virtuale mentre si è sotto gli effetti di droghe o alcol.

via



Aggiungi un commento di La sindrome post-realtà virtuale preoccupa alcuni utenti
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.