La storia della realtà virtuale

Chi sono io
Alejandro Crespo Martínez
@alejandrocrespomartinez
Autore e riferimenti

sommario

  • Le Sensorama:
  • La spada di Damocle:
  • Dataglove:

Nel 21 ° secolo, la realtà virtuale, più comunemente nota come VR, è proiettata in cima alla classifica nel campo dei videogiochi. In effetti possiamo solo conoscere il nostro caro Oculus Rift che ha conquistato i cuori di molte persone. Eppure, un tempo, la realtà virtuale era disapprovata nell'industria dei videogiochi. Infatti, negli anni '90, sono stati fatti molteplici tentativi, purtroppo senza molto successo. Allora da dove viene questa passione per la realtà virtuale? Ecco la sua storia dall'inizio ai giorni nostri.



La storia della realtà virtuale inizia nel 1950. E sì, se pensavamo che la realtà virtuale fosse sfruttata solo all'inizio degli anni '90, è stato senza contare sui pionieri, i precursori che hanno reso la realtà virtuale una vera rivoluzione visiva. Il nostro viaggio inizia quindi con Morton Heilig. Questo nome potrebbe non suonare un campanello, ma quest'uomo è stato il creatore del primo cinema immersivo nel 1962.

Le Sensorama:

Questa scatola magica è infatti un cinema individuale. In questo cinema sono stati presentati 5 cortometraggi. Ma ciò che ha reso speciale il Sensorama è essere stato il primo cinema ad aver offerto un'immersione nel film sfruttando i nostri diversi sensi. Grazie ai fan e ad un sedile vibrante, siamo stati in grado di vivere tutte le scene del film come se fossimo lì.

Continuiamo il nostro viaggio attraverso la realtà virtuale per fermarci all'anno 1968. Quest'anno è stato caratterizzato dalla creazione del primo auricolare per realtà virtuale meglio conosciuto con il nome di Spada di Damocle. In questo momento non aspettatevi un casco rivoluzionario, eppure questa invenzione di Ivan Sutherland influenzerà molti altri designer.


La spada di Damocle:

Questa invenzione è giustamente chiamata. In effetti, è un auricolare per realtà virtuale piuttosto particolare. Al momento della sua creazione, i materiali della Spada di Damocle non permettevano un vero comfort. A causa del suo peso molto elevato, doveva quindi essere sostenuto da un braccio meccanico. Quello che impedisce di muoversi liberamente. Questo braccio meccanico ha quindi permesso a Ivan Sutherland di dare questo nome di Spada di Damocle alla sua creazione.


La nostra piccola avventura nella realtà virtuale continua nei primi anni '80. In questa data, potremmo vedere la divulgazione del termine realtà virtuale. Questo è stato effettivamente utilizzato in abbondanza in seguito all'invenzione di Jaron Lanier che ha occhiali e guanti al suo attivo (e sì solo quello!).

Dataglove:

Come puoi vedere nella foto a fianco, il Dataglove è un guanto normalissimo. Con una pronta eccezione poiché è in grado di trascrivere i movimenti delle tue mani in un universo virtuale. Un'immersione totale che all'epoca poteva essere sfruttata in molti campi come l'Esercito con la NASA.

Questi precursori e inventori sono stati in grado di influenzare il campo che ci interessa oggi, ovvero i videogiochi. E sì, dobbiamo solo continuare il nostro viaggio nel tempo andando avanti di qualche anno per arrivare agli anni '90. Questi anni sono stati molto ricchi di eventi quando si tratta di realtà virtuale. Sfortunatamente, non sembrano ricchi di eventi in senso positivo ... In effetti, gli anni '90 sono stati anni di prove e sperimentazioni. Tant'è che le invenzioni che ne sono uscite non hanno riscosso il successo sperato. Molti dispositivi furono creati in quegli anni, tuttavia ecco i 3 che avrebbero potuto rivoluzionare il videogioco dell'epoca. Nei dieci anni che questo periodo rappresenta, rimarrà in mente una data in particolare, il 1995.


In questa data, infatti, potremmo avere la gioia di scoprire 4 dispositivi di realtà virtuale nel settore dei videogiochi. Per prima cosa parleremo di iGlasses. No, questi non sono gli occhiali di Apple ma un visore per realtà virtuale creato da Virtual IO. Ecco un piccolo video di presentazione.


Gli iGlasses presentati, ecco ora un casco sviluppato da Victormaxx, il Cybermaxx. Un auricolare per realtà virtuale tra molti altri. Anzi, con un prezzo molto alto potremmo entrare nei nostri videogiochi. Se la risoluzione del DK1 ti disgusta e ti disgusta, sarai ampiamente soddisfatto se il tuo test viene eseguito dopo il test di un Cybermaxx. Ovviamente, per l'epoca, fu annunciata come una vera rivoluzione. Peccato che questo annuncio non abbia mantenuto la sua promessa ...

In seguito a questo Cybermaxx, abbiamo potuto vedere il Virtual Boy arrivare nello stesso anno. Questo dispositivo sviluppato da Nintendo ha condotto con successo una campagna promettendo "grafica 3D reale". Dotato di due schermi indipendenti, Virtual Boy è da considerarsi soprattutto una console a sé stante. In effetti, non è un casco portatile. Si installa su una sorta di treppiede che ne impedisce poi qualsiasi trasporto. Questa console offre quindi il 3D stereoscopico. L'effetto rilievo è accentuato dai due schermi che trascrivono la stessa immagine per ogni occhio, ma leggermente sfalsata. Ecco un bel video da guardare.

Infine, ecco l'ultimo dispositivo che voglio presentare qui, il VFX-1 sviluppato da Forte Technologies. Questo auricolare avrebbe potuto essere il futuro dei videogiochi, ma la realtà virtuale non era ben accettata in quel momento. Un video per presentare il VFX-1, vedrai anche gli altri dispositivi presentati in precedenza.

 Come avrai capito, molti auricolari per realtà virtuale hanno testato il loro successo, purtroppo senza molto successo. I giocatori dell'epoca forse non erano ancora pronti per fare il passo della virtualità. Se l'auricolare ha provato a cambiare il campo dei videogiochi, siamo stati trattati da una nuova virtualità negli anni 2000. In effetti, con l'arrivo del Wii di Nintendo, ci siamo trovati di fronte a un nuovo modo di giocare. Con il WiiMote, possiamo controllare il nostro corpo nel videogioco. Fantastico non è vero? È vero che con questo annuncio Nintendo ha lanciato una nuova “modalità”, quella dell'immersione. Non ci è voluto molto perché concorrenti come Microsoft o Sony innovassero anche in un sensore immersivo. Nasce quindi Kinect per Xbox e Playstation Move per Playstation.



Ci sono molti modi per entrare nei videogiochi ed essere in grado di provare quella sensazione unica di immersione. All'inizio del 2014, dov'è questo progresso nella realtà virtuale? Bene, possiamo dire che sta procedendo bene! In effetti, abbiamo ovviamente fatto la scoperta dell'Oculus Rift l'anno scorso, e ne abbiamo parlato solo di recente. Qualificato come LA rivoluzione dei videogiochi, ma non solo, Oculus potrebbe certamente essere il nuovo mezzo di visualizzazione essenziale per i giocatori!

La storia della realtà virtuale è finita. Ovviamente, a causa del gioco della mia età, purtroppo non ho potuto conoscere alcuni dispositivi. Se, tuttavia, alcuni di voi hanno conosciuto queste console e questi accessori, condividete con noi la vostra esperienza!



Aggiungi un commento di La storia della realtà virtuale
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.