La storia della realtà virtuale in 7 passaggi: dalla fantascienza al tuo salotto

Chi sono io
Tere Vida Mombiela
@terevidamombiela
Autore e riferimenti

sommario

  • La storia della VR: 1957, il Sensorama è il primo concetto di visore VR
  • La storia della VR: 1968, la spada di Damocle è il primo auricolare VR funzionale
  • La storia della VR: 1970, il Super Cockpit è il primo simulatore di volo VR
  • The History of VR: 1978, Aspen Movie Map è l'antenato di Google Earth VR
  • La storia della VR: 1991, il Sega VR è il primo auricolare VR dedicato al gaming
  • La storia della realtà virtuale: 2010, Oculus inizia la democratizzazione della realtà virtuale
  • La storia della VR: 2017, la realtà virtuale diventa un luogo comune

L'idea di indossare un casco per sfuggire al mondo reale e avventurarsi in mondi immaginari non è nuova. In passato, tuttavia, questo concetto era riservato alle opere di fantascienza. Dal 2016, le cuffie VR sono finalmente diventate realtà grazie ad aziende come HTC e Oculus. Tutti possono ora immergersi in una realtà alternativa senza lasciare il proprio soggiorno.



Ciò che la maggior parte delle persone non sa, tuttavia, è che ci è voluto molto tempo e tentativi falliti per raggiungere questo livello di risultati e facilità d'uso. Rivivi la storia della realtà virtuale attraverso 7 pietre miliari.

La storia della VR: 1957, il Sensorama è il primo concetto di visore VR

Nel 1957, il regista Morton Heilig ha inventato una macchina progettata per immergere gli utenti in un mondo immaginario. Il suo scopo è quello di consentire agli spettatori di immergersi nei film ingannandone il significato, in modo da dare una nuova dimensione all'esperienza cinematografica. Immagina il Sensorama come una macchina in grado di simulare odori, produrre suoni stereo, vibrazioni e persino effetti atmosferici come il vento tra i capelli.



Tre anni dopo, nel 1960, brevettò la sua idea sotto forma di cuffie per realtà virtuale con uno schermo stereoscopico, un campo visivo paragonabile a quello degli esseri umani e suono stereo. Sfortunatamente, questo progetto non ha visto la luce durante la sua vita. In ogni caso, Morton Heilig ha gettato le basi per la realtà virtuale. Nel 2017 Tecmo ha realizzato questa idea anche con il VR Sense, una cabina destinata alle sale giochi giapponesi in realtà virtuale, che offre un'immersione sensoriale completa con effetti atmosferici come quelli immaginati da Heilig per il Sensorama.

La storia della VR: 1968, la spada di Damocle è il primo auricolare VR funzionale

Il primo auricolare VR funzionale è stato creato nel 1968 da Ivan Sutherland. Presentato come "lo schermo definitivo", questo auricolare ha uno schermo stereoscopico per visualizzare forme semplici, cambiando la prospettiva in base ai movimenti della testa dell'utente. Poiché lo schermo non è oscurante, queste forme si sovrappongono alle immagini del mondo reale e questo dispositivo può quindi essere considerato anche come il primo auricolare per realtà aumentata.

Tuttavia, questo casco è rimasto nella fase di bozza di laboratorio. Per una buona ragione, a causa del suo peso molto elevato, il dispositivo doveva essere sospeso al soffitto per mezzo di un braccio meccanico. Questo è il motivo per cui è stato soprannominato "La spada di Damocle" in riferimento al famoso mito romano.

La storia della VR: 1970, il Super Cockpit è il primo simulatore di volo VR

Più o meno nello stesso periodo della spada di Damocle, l'ingegnere militare Thomas Furness stava lavorando a un ambizioso progetto di simulatore di volo immersivo : il Super Cockpit. L'ingegnere continuerà a lavorare al suo progetto fino agli anni '80.



Il risultato sarà una cabina di pilotaggio in grado di proiettare mappe 3D generate al computer, immagini a infrarossi e radar e dati di aviazione in tempo reale nello spazio 3D. Secondo questo creatore, questo progetto è costato diverse centinaia di milioni di dollari. Molto prima dell'avvento dei simulatori di volo VR, questo progetto consentiva già ai piloti di allenarsi utilizzando gesti, parole e persino movimenti degli occhi.

The History of VR: 1978, Aspen Movie Map è l'antenato di Google Earth VR

Aspen Movie Map è un progetto sviluppato nel 1978 da MIT in collaborazione con DARPA. Basato sulle fotografie scattate dalle auto ad Aspen, in Colorado, il software ha permesso all'utente di visitare la città in prima persona. Un principio che Google Earth VR riprenderà molti anni dopo, nel 2017.

A quel tempo, per lanciare l'applicazione, era necessario utilizzare diversi lettori Laserdisc, un computer e un touch screen. Non si trattava di utilizzare un visore per realtà virtuale, ma l'interattività e la visuale in prima persona rappresentano un primo passo verso il modo in cui la realtà virtuale può permetterci di viaggiare.

La storia della VR: 1991, il Sega VR è il primo auricolare VR dedicato al gaming

Sega è una delle prime aziende a tentare di commercializzare a auricolare per realtà virtuale dedicato al gioco e più in generale destinato al grande pubblico. Il Sega VR è stato pensato come un accessorio per la console Sega Genesis. Il suo sviluppo iniziò nel 1991 e proseguì per due anni.


Il casco di plastica nera includeva uno schermo LCD, un casco stereo e sensori di inerzia per monitorare i movimenti della testa dell'utente. Purtroppo questo un progetto ambizioso non è mai stato realizzato. Secondo Sega, la società era preoccupata che l'effetto sarebbe stato troppo realistico e che le persone si sarebbero fatte male. Una scusa che fa sorridere, ma che almeno avrà impedito a Sega di subire lo stesso fallimento commerciale di Nintendo con il suo visore Virtual Boy VR, lanciato nel 1995.


La storia della realtà virtuale: 2010, Oculus inizia la democratizzazione della realtà virtuale

È stato nel 2010 che Palmer Luckey, allora 18enne, ha creato il primo prototipo del visore Oculus Rift VR. Il dispositivo offre un campo visivo di 90 °, ed è riuscito a raccogliere $ 2,4 milioni nel 2012 su Kickstarter.

Nel 2014, Facebook ha acquistato l'azienda per $ 2 miliardi. Il lancio di prima versione commerciale di Oculus Rift a marzo 2016, segnando il primo passo verso una reale democratizzazione della realtà virtuale, nonostante un prezzo relativamente alto.

La storia della VR: 2017, la realtà virtuale diventa un luogo comune

Un anno dopo il lancio di Oculus Rift e HTC Vive, centinaia di aziende stanno lavorando ai propri auricolari per realtà virtuale. Oltre a giganti come Oculus, HTC, Samsung, Sony e Google, innumerevoli produttori cinesi stanno anche sviluppando i propri dispositivi a basso costo.

Ci sono ancora più sviluppatori di software, giochi e applicazioni VR, per non parlare delle startup che creano oggetti di scena. Con l'arrivo di cuffie stand-alone all-in-one come Oculus Go e HTC Vive Focus, la realtà virtuale dovrebbe continuare a essere democratizzata. In ogni caso, l'industria è ancora agli inizi e il meglio deve ancora venire per la realtà virtuale.



Aggiungi un commento di La storia della realtà virtuale in 7 passaggi: dalla fantascienza al tuo salotto
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.