[Laval Virtual] Uno sguardo indietro a una 19 ° edizione che conferma lo status dello spettacolo come leader mondiale

Chi sono io
Alejandro Crespo Martínez
@alejandrocrespomartinez
Autore e riferimenti

sommario

  • Le Laval Virtual, un'istituzione tra i professionisti VR / AR
  • Laval Virtual si sta diversificando per continuare a raggiungere il maggior numero di persone possibile
  • Laval Virtual, pilastro della democratizzazione della realtà virtuale in Francia
  • Laval Virtual, uno sguardo al futuro di VR / AR
  • Laval Virtual conferma la sua reputazione esportando in Cina

Le Laval Virtual, un'istituzione tra i professionisti VR / AR

Se Laval Virtual gode dello status di Lo spettacolo VR più grande del mondo, è perché i creatori dell'evento hanno saputo sentire la tendenza molto prima che fosse rivelata al grande pubblico. Lo è davvero in 1999 che François D'Aubert, allora ministro dell'Istruzione superiore e sindaco di Laval, dà l'impulso per orientare la sua città sulla realtà virtuale e per creare uno spettacolo dedicato ai professionisti della realtà virtuale. E il successo c'è. Di anno in anno, Laval Virtual occupa un posto d'onore per diventare il punto di riferimento mondiale per gli eventi VR. Organizzato una volta all'anno, lo spettacolo inizialmente riunisce attori professionisti, durante conferenze e tavole rotonde favorevoli al networking. In effetti, uno dei punti di forza di Laval Virtual è quello di offrire un luogo in cui i vari attori del mercato VR si incontrano. Startuper o teorico confermato, tutti ne hanno l'opportunitàscambio con grandi esperti camminando per i corridoi del soggiorno, come il dottor Jon Peddie, Alvaro Cassinelli, Olivier Boulanger o Philippe David per citarne alcuni.



Laval Virtual si sta diversificando per continuare a raggiungere il maggior numero di persone possibile

Le conferenze e le tavole rotonde VRIC dedicate alle giornate B2B del salone sono state rinnovate quest'anno differenziando tra i temi “Industria” e “Prossimo Futuro”. Ma questi sono davvero i file circa 250 espositori che catturano l'attenzione del visitatore. Il programma prevedeva grotte, montagne russe ed esperienze cinematografiche di questa 19a edizione di Laval Virtual. Secondo gli habitué, la promozione 2017 è stata particolarmente gustosa: si entusiasma Jean, giornalista di XNUMX anni che segue l'evento già da diversi anni. osserva. In effetti, il marketing di Vive, PS VR e altri Oculus Rift ha apparentemente creato una vera emulazione all'interno della comunità VR. Una miriade di giovani scatti, in particolare quelli che officiavano nella creazione di contenuti, hanno quindi voluto partecipare allo spettacolo per testarne l'offerta.



Laval Virtual, pilastro della democratizzazione della realtà virtuale in Francia

Come ha ripetutamente affermato Laurent Chrétien, direttore di Laval Virtual ,. Questo infatti fa quasi trent'anni che industrie e grandi aziende hanno utilizzato questa tecnologia. Ma, con l'arrivo di più giocatori tradizionali (si pensi a Oculus, HTC, Sony e Samsung), l'interesse del pubblico in generale è notevolmente accelerato. E per un buon motivo: dove era necessario, qualche anno fa, spendere cifre astronomiche per poter assaporare l'universo virtuale, la velocità del progresso tecnologico permette oggi di attrezzati a un costo molto più ragionevole. Con 10 milioni di Cardboard e 5 milioni di Gear VR venduti, l'interesse dei consumatori sta gradualmente prendendo forma. Nel 2017, molte persone hanno già avuto l'opportunità di testare la realtà virtuale tramite un auricolare mobile, come un cartone. Delusi da questa esperienza o curiosi, bisogna capire che questa è solo una porta verso un mondo con possibilità e applicazioni molto più ampie. Possiamo, a titolo di esempio, citare SimForHealth, una giovane startup francese che utilizza la realtà virtuale per migliorare la formazione medica o Virtualis, che ha saputo padroneggiare la tecnologia per metterla, in particolare, al servizio della cura dei disturbi dell'equilibrio.

Laval Virtual è quindi un'opportunità per tutti scopri le concrete evoluzioni della realtà virtuale. Grazie allo spettacolo, i visitatori possono rendersi conto che la realtà virtuale è più di un semplice video a 360 gradi, per quanto coinvolgente, o uno sparatutto da un auricolare mobile avvitato sulla testa. Lo spettro delle applicazioni di realtà virtuale sembra quasi infinito. L'azienda Eon Reality, specializzata in contenuti di realtà virtuale e aumentata, ha collaborato con Lactel per offrire un'esperienza di contenuto del marchio permettendoti di preparare i pancake nella realtà virtuale. Meno con i piedi per terra, lun giovane servizio fotografico parigino Orbital Views si offre di rapire il visitatore per farlo sentire senza peso nella realtà virtuale e offrigli un viaggio nello spazio di cui lo stesso Thomas Pesquet sarebbe geloso! Tra la moltitudine di aziende che sono venute a presentare i loro prodotti e servizi, Mimesys, il cui concetto questa volta farà ingelosire il Consiglio Jedis: l'azienda ha sviluppato un piattaforma olografica in realtà mista che consente di creare veri e propri meeting remoti. Con questa tecnologia, Mimesys è riuscito a sedurre la giuria di Laval Virtual e ha vinto il suo Gran Premio.



Laval Virtual, uno sguardo al futuro di VR / AR

I viaggi spaziali e gli incontri olografici non erano le uniche imprese tecnologiche che Laval Virtual si offriva di vedere. I visitatori hanno potuto scoprire Metavers 360, una società che promette di dare lettere di nobiltà a 360 video: la startup propone video 360 aumentati con grafica computerizzata e suono spazializzato per migliorare la sensazione di immersione.

Gli anche gli ologrammi erano sotto i riflettori durante Laval Virtual dove, attorno a uno stand, non era raro imbattersi in un calciatore virtuale o nella replica di un famoso monumento ologramma. Ovviamente, allo spettacolo erano presenti anche giochi VR. Japanese Hado ha introdotto il gioco multiplayer su Gear VR permettendo di competere uno contro uno o di giocare in cooperazione. Sul versante sportivo segnaliamo la proposta diImmersiv, una giovane azienda francese che utilizza la realtà aumentata per rispondere al problema del doppio schermo durante la visione delle partite di calcio. Grazie al suo paio di occhiali AR, l'utente può avere accesso a varie informazioni (statistiche, rallentatore, replay ...).



Laval Virtual conferma la sua reputazione esportando in Cina

Come ogni anno, Laval Virtual attira giocatori di realtà virtuale da tutto il mondo. Erano presenti molti espositori asiatici, come Thunderobot, che ha presentato il suo primo auricolare VR, o Pico, un marchio cinese che offre visori VR autonomi.


Tra lo spettacolo e le compagnie cinesi opera l'alchimia. Il secondo giorno di spettacolo, giovedì 23 marzo, il sindaco di Laval, François Zocchetto, ha firmato una partnership con Laoshan Yingsheng Hyang, suo omologo di Laoshan, città di 460 abitanti. Questa associazione promette di vedere l'arrivo, dal 3 al 6 novembre, della prima edizione di Laval Virtual Asia. Il team francese si occuperà di trovare un centinaio di espositori che potranno presentare il loro concept in uno spazio di 10 metri quadrati. Con l'imminente apertura del Laval Virtual Center e la sua fondazione in Cina, è una scommessa sicura che parleremo delle sparizioni di Laval Virtual più di una volta all'anno!



Aggiungi un commento di [Laval Virtual] Uno sguardo indietro a una 19 ° edizione che conferma lo status dello spettacolo come leader mondiale
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.