LG: intelligenza artificiale per eliminare la nausea in VR

Chi sono io
Steven L. Kent
@stevenlkent
Autore e riferimenti

sommario

  • LG: un algoritmo di deep learning per ridurre la latenza e il motion blur nei visori VR

Due anni dopo il lancio commerciale dei primi visori VR come Oculus Rift e HTC Vive, il Motion Sickness rimane uno dei problemi principali di questa tecnologia. Molte persone si sentono una sensazione di nausea dopo pochi minuti trascorsi nella realtà virtuale.

Per porre rimedio a questo problema, gli ingegneri LG prevedono di utilizzare l'intelligenza artificiale. Il sito web di Business Korea lo rivela LG Display ha collaborato con la Sogang University dalla Corea del Sud per sviluppare una tecnologia per ridurre la latenza e il motion blur in VR.



LG: un algoritmo di deep learning per ridurre la latenza e il motion blur nei visori VR

Questi due fenomeni sono infatti considerati le principali cause di nausea. Fino ad ora, per combattere la malattia del movimento, i produttori di cuffie VR hanno provato aumentare la definizione dello schermo. Tuttavia, questa definizione crescente richiede una maggiore potenza di calcolo, che ha l'effetto di aumentare la latenza e il motion blur: il contrario dell'effetto desiderato.

Da parte loro, i ricercatori della LG e della Sogang University si sono sviluppati un algoritmo di Deep Learning permettendo di aumentare la definizione delle immagini in tempo reale tramite software. Secondo i ricercatori, questa tecnica può ridurre di cinque la latenza e il motion blur.

Le squadre hanno anche creato un file motore di precisione che simula i movimenti dei muscoli del colloe un sistema ottico modellato sulla base della corteccia visiva umana. Pertanto, i ricercatori sono in grado di misurare con maggiore precisione la latenza e il motion blur delle cuffie VR.





Aggiungi un commento di LG: intelligenza artificiale per eliminare la nausea in VR
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.