Marketing VR - In che modo la realtà virtuale sta trasformando la pubblicità?

Marketing VR - In che modo la realtà virtuale sta trasformando la pubblicità?

sommario

La realtà virtuale è in forte espansione. Giganti della tecnologia come Facebook, HTC e Google sono tutti presenti in questo nuovo settore e la realtà virtuale sta trasformando gradualmente tutti i settori. Questo tsunami non risparmia il marketing. Attraverso questo dossier sul marketing VR, scopri come la realtà virtuale sta trasformando il marketing e come salire sul carro dei vincitori prima che sia troppo tardi.



Marketing VR: che cos'è il marketing in realtà virtuale?

Marketing VR - In che modo la realtà virtuale sta trasformando la pubblicità?

In concreto, il marketing VR è un uso promozionale della realtà virtuale. Si tratta di utilizzare la realtà virtuale per scopi pubblicitari, per comunicare in modo innovativo sfruttando le possibilità offerte da questa nuova tecnologia.

Il più delle volte, il marketing VR assume la forma esperienze di realtà virtuale create per promuovere un prodotto, un servizio o solo un marchio. Queste esperienze possono essere videogiochi, ma anche film d'animazione a 360 gradi o qualsiasi altra forma di esperienza VR meno convenzionale.


D'altra parte, è necessario non confondere la realtà virtuale con i video a 360 gradi. Qual è la differenza ? I video a 360 gradi vengono filmati utilizzando telecamere a 360 gradi, mentre le esperienze di realtà virtuale sono generate al computer. Entrambi vengono utilizzati utilizzando un visore per realtà virtuale come Oculus Rift o HTC Vive, ma la loro natura è diversa. Inoltre, le esperienze VR generalmente offrono interattività. Tuttavia, i video a 360 gradi vengono utilizzati anche per il marketing.


Secondo Sarah Hills, CEO di StoryUP, coloro che pensano che la realtà virtuale non diventerà mai mainstream sono le stesse persone che pensavano che il mobile non sostituirà mai i PC desktop. Infatti, così come oggi è impensabile non offrire una versione responsive di un sito web, un giorno sarà obbligatorio creare una versione adattata alla realtà virtuale.

Un rapporto di Goldman Sachs Research sembra confermare questa ipotesi. Secondo il documento pubblicato nel gennaio 2016, Gli auricolari per realtà virtuale potrebbero un giorno diventare onnipresenti come gli smartphone nelle nostre società.

Quali sono i vantaggi del marketing VR?

Marketing VR - In che modo la realtà virtuale sta trasformando la pubblicità?

La caratteristica principale della realtà virtuale è l'immersione. Infatti, le esperienze di realtà virtuale consentono all'utente di immergersi in universi virtuali, ovvero di avere l'impressione di essere fisicamente presenti nel mondo virtuale.

È proprio questo potenziale immersivo che può essere sfruttato come risorsa preziosa per il marketing. Se consideriamo che gli annunci televisivi e video sono l'evoluzione degli annunci stampati o del marketing illustrato, allora la realtà virtuale è sicuramente il passo successivo. Per la prima volta, lo spettatore non solo osserva i contenuti pubblicitari dall'esterno, ma vive l'esperienza dall'interno.


Quindi il contenuto è più tangibile e l'esperienza è più coinvolgente per lo spettatore. L'immersione suscita forti emozioni, che consente di catturare il pubblico attraverso i sentimenti.

Un altro vantaggio del marketing VR è la novità di questa tecnologia. Poiché la realtà virtuale è una tecnologia emergente, la maggior parte dei consumatori deve ancora sperimentarla. Pertanto, le aziende che decidono di utilizzarlo per il marketing migliorare la propria immagine di marca dando l'impressione di innovare e utilizza le ultime tecnologie.


Secondo i dati aggregati da WebPageFX, il Gli annunci VR sono molto più efficaci come pubblicità su dispositivi mobili o desktop. La loro percentuale di successo è del 29,8%, rispetto all'1% per gli annunci per dispositivi mobili e allo 0,4% per gli annunci desktop. Allo stesso modo, i tassi di installazione degli annunci VR sono del 12,5% contro lo 0,5% degli annunci per dispositivi mobili e dello 0,2% sugli annunci per desktop.

Il marketing VR al servizio dell'aiuto umanitario

Marketing VR - In che modo la realtà virtuale sta trasformando la pubblicità?

La realtà virtuale può essere utilizzata anche per campagne umanitarie, grazie alla sua capacità di suscitare empatia nell'utente. Così, nel 2016, Amnesty International ha utilizzato la realtà virtuale per sensibilizzare l'opinione pubblica sulle condizioni di vita in Siria con la campagna.

Questa esperienza VR ha offerto agli utenti l'opportunità di immergersi nelle rovine di Aleppo. In particolare troviamo testimonianze di siriani, oltre a video di bombardamenti effettuati da civili. Come risultato di questa campagna, il valore delle donazioni fatte all'organizzazione è aumentato del 16%. Come afferma la direttrice di Amnesty Internation UK Kate Allen, "Se un'immagine vale più di mille parole, un'esperienza di realtà virtuale vale un intero libro".


Allo stesso modo, l'associazione Secours Catholique ha creato un film VR dal titolo "24 ore di felicità" che offre agli spettatori scoprire la vita quotidiana di una madre single in una situazione precaria. L'obiettivo di questo progetto è generare empatia tra i deputati per incoraggiarli a lottare contro la povertà.

Come fare marketing VR? Alcuni suggerimenti da applicare

Marketing VR - In che modo la realtà virtuale sta trasformando la pubblicità?

Ovviamente non esiste una ricetta miracolosa per il marketing in VR. Tuttavia, diversi suggerimenti possono essere applicati. Prima di tutto, per creare buone esperienze VR, è meglio farlo interessarsi da vicino alla realtà virtuale. Immergiti. Dedica del tempo a conoscere questa nuova tecnologia, inclusa la prova di contenuti di marketing VR di altre aziende che hanno registrato un ROI significativo. In questo modo scoprirai il potenziale del marketing VR.


In anticipo, prenditi anche il tempo per imposta un budget per la tua campagna di marketing VR. Esistono diversi tipi di esperienze di realtà virtuale e alcune sono significativamente più ambiziose di altre. Se vuoi creare un vero videogioco o un'esperienza interattiva complessa, è meglio assumere uno studio professionale. D'altra parte, è possibile iniziare in piccolo con un'esperienza relativamente semplicistica.

Per fare questo, puoi in particolare chiamare reti specializzate come Virtual Sky e VadR. Tuttavia, queste reti non consentono esperienze di realtà virtuale su misura e le loro offerte possono rivelarsi controproducenti per la tua strategia di marketing. Le esperienze pubblicitarie che sviluppano non sono di ottima qualità. Quindi, prima di assumere una terza parte per il tuo marketing VR, assicurati di rivedere attentamente il loro lavoro precedente e le diverse offerte.

Se non sei sicuro di poter creare contenuti VR di qualità per il tuo marketing, un'alternativa potrebbe essere pubblicizzarti in un'esperienza di realtà virtuale sviluppato da una terza parte. Ad esempio, puoi collaborare con uno sviluppatore di videogiochi VR per integrare il tuo logo o il tuo marchio nel gioco. Nella realtà virtuale, un semplice logo dietro l'angolo di una strada può essere molto sorprendente per l'utente.

In ogni caso, ricordalo la realtà virtuale è un mezzo e non un fine in sé. Certamente, la realtà virtuale è nuova e quindi genera più interesse rispetto ai canali tradizionali. Tuttavia, una buona esperienza di marketing VR non deve essere basata solo su questa tecnologia. Deve fornire emozioni o sensazioni reali.

Piuttosto che sviluppare una campagna di marketing a breve termine, potrebbe essere saggio farlo pensare a lungo termine creando un'applicazione che potrai aggiornare regolarmente con nuovi contenuti: copertura di eventi live, presentazioni di nuovi prodotti in VR ... crea la tua applicazione VR e offrila sui vari store di applicazioni, ricordandoti di includere VR e Realtà Virtuale nel titolo e descrizione. Anche un visore VR come icona può aiutare ad attirare l'attenzione.

Marketing VR: quali sono i limiti?

Marketing VR - In che modo la realtà virtuale sta trasformando la pubblicità?

Secondo Marketo, solo il 30% delle aziende B2C in Forbes Global 2000 ha iniziato a utilizzare il marketing VR. Allo stesso modo, secondo un sondaggio condotto da Yes Lifecycle Marketing, il 57% dei marchi di vendita al dettaglio ritiene che la realtà virtuale non sia rilevante per le proprie attività.

Secondo Yes Lifecycle Marketing, la paura principale dei professionisti del marketing è non poter offrire tanta personalizzazione nelle esperienze VR che attraverso altri canali più tradizionali. In effetti, mentre un approccio unico per tutti può essere rilevante nella promozione del film Bladerunner 2049 in VR, le cose sono diverse quando si tratta di vendere vestiti. Attualmente è difficile personalizzare la realtà virtuale per ogni utente.

Esistono già diversi esempi di campagne di marketing VR di successo. Per esempio, L'app VR del New York Times è stato scaricato oltre 50 volte quando è stato lanciato. Tuttavia, questo successo è principalmente legato al fatto che la realtà virtuale è particolarmente adatta al giornalismo. Questo non è necessariamente il caso di un venditore di abbigliamento o di un editore di software. Questi sono i limiti del marketing VR.

Un altro problema da superare nel campo del marketing VR è il basso tasso di adozione dei visori per realtà virtuale. In effetti, nel 2016, solo 6,3 milioni di persone nel mondo possedevano un visore VR. Fatto, il pubblico per le campagne di marketing VR rimane molto limitato. Al di fuori del quadro dell'evento, pochissime persone saranno interessate da questi progetti.

Tuttavia, la maggior parte degli analisti (in particolare IDC) prevede una forte crescita nel mercato delle cuffie per realtà virtuale e aumentata. Nel 2018, CCS stima che 22 milioni di cuffie VR / AR saranno vendute in tutto il mondo. La portata delle campagne di realtà virtuale e aumentata è quindi in forte aumento. Questa crescita del mercato è in particolare legata alla comparsa di visori VR stand-alone che sono molto più convenienti, come Oculus Go al prezzo di 199 euro, e all'arrivo di visori per realtà aumentata come Magic Leap One.

Un secondo ostacolo da superare per il marketing VR è il costo dello sviluppo di esperienze. Anche a un film di realtà virtuale di bassa qualità costa in media tra 10 e 000 euro. Un film di maggior successo costa almeno 40 euro, il marketing in realtà virtuale sembra quindi per il momento riservato alle grandi aziende, ma i costi dovrebbero diminuire con l'evolversi del mercato.

Marketing VR: un mercato da 1,8 miliardi di dollari entro il 2022?

Marketing VR - In che modo la realtà virtuale sta trasformando la pubblicità?

Secondo ABI Research, la realtà virtuale nel marketing e nel retail potrebbe generare 1,8 miliardi di dollari nel 2022. Sono le innovazioni nel settore della realtà virtuale che dovrebbero migliorare l'efficacia e l'impatto del marketing VR. Più avanzata è la tecnologia, più efficace è il suo utilizzo per il marketing.

Al momento, solo poche aziende utilizzano questa tecnologia, ma potrebbe presto diventare la norma. Il marketing VR è già utilizzato in diversi settori come l'industria automobilistica, il turismo e l'interior design e molti altri lo adotteranno nel tempo. Come spiega l'analista di ABI Research Khin Sandi Lynn, Il marketing VR aiuta a soddisfare la crescente domanda di un'esperienza di acquisto più soddisfacente dai consumatori.

Marketing VR: 6 esempi di progetti di marketing in realtà virtuale

Basta con la teoria, lascia il posto al cemento! Ora che sai tutto sul marketing VR, è il momento di dare un'occhiata a una selezione di 6 esempi di progetti di marketing in realtà virtuale di successo.

Pepsi Superbowl 2018

Marketing VR - In che modo la realtà virtuale sta trasformando la pubblicità?

Nell'ambito del Superbowl 2018, Pepsi ha collaborato con Google Zoo per creare una delle esperienze di marketing VR di maggior successo finora. L'utente intraprende un viaggio a bordo della Delorean dal film Ritorno al futuro e questo veicolo gli permetterà di viaggiare nel tempo per ... rivivi le varie pubblicità mitiche di Pepsi nella realtà virtuale.

Un modo per collegare il passato al presente per stimolare la nostalgia dello spettatore. Quando si avvia l'esperienza, è possibile esplorare solo 2 annunci pubblicitari VR. Questo è lo spot del 1998 con il pilota Jeff Gordon e lo spot del 1991 ambientato nel deserto con Cindy Crawford. Successivamente, all'esperienza verranno aggiunti altri annunci di culto.

Uno dei principali punti di forza di questa e quella esperienza l'utente può interagire con i diversi elementi arredamento per innescare eventi contestuali. L'utente non si accontenta quindi di essere uno spettatore passivo.

Tecnologia chiave VERYX Food Sorting

Nell'ambito della fiera Pack Expo, il produttore di sistemi di trasformazione alimentare Key Technology ha creato una demo in realtà virtuale. Questa esperienza consente ai visitatori dello spettacolo di scopri come funziona la piattaforma di smistamento digitale VERYX della compagnia.

Questo è un Esperienza di marketing VR B2B, consentendo ai potenziali partner dell'azienda di scoprire come funziona VERYX e di vederne l'efficacia. Il video a 360 gradi sopra cattura solo una parte dell'esperienza, che ha anche offerto una certa interattività.

Oreo e 360i

All'inizio del 2016, Oreo ha collaborato con 360i per creare un video di realtà virtuale a 360 gradi per promuovere il loro nuovo biscotto Filled Cupcake Flavored. Il video trasporta lo spettatore in un mondo immaginario, invitandolo a navigare su fiumi di latte tra canyon di cioccolato.

Sebbene questa esperienza di marketing VR sia gravemente carente di interattività, la combinazione di una visione a 360 gradi e un mondo CGI animato riesce a stimolare l'immaginazione dello spettatore. E a lui ti fanno venir voglia di mangiare i biscotti Oreo.

Lowe's Holoroom How To

La ristrutturazione è una disciplina sottile. Molti consumatori hanno paura di fare il grande passo, temendo che possano mancare di conoscenze o abilità. È per rispondere a questo problema che Lowe's ha lanciato la sua esperienza VR Holoroom How To su Oculus Rift in 19 dei suoi negozi.

In realtà è un'esperienza di realtà virtuale esercitarsi a dipingere un muro, per posare le piastrelle in un bagno o per cambiare le tubazioni. L'utente può quindi condividere il risultato del suo lavoro virtuale con i suoi amici per raccogliere il loro feedback, prima di addentrarsi eventualmente nel mondo reale. Quindi, Lowe's è in grado di farlo vendere più prodotti ai propri clienti e beneficiare anche di una migliore visibilità.

Volvo Reality

Marketing VR - In che modo la realtà virtuale sta trasformando la pubblicità?

Con Volvo Reality, Volvo ha creato il primo test drive di realtà virtuale. Disponibile su qualsiasi visore VR, questa esperienza consente agli utenti per provare il SUV XC90 nella realtà virtuale.

Questo progetto di marketing VR ha consentito a Volvo di raccogliere 238 milioni di impressioni PR, 159 milioni di impressioni della stampa a pagamento, 19 milioni di impressioni sui social media, 4 milioni di visualizzazioni video, 24 articoli e quasi 500 visite al suo sito web. La XC000 è stata trovata anche in esaurito in meno di due giorni. Un vero trionfo, in un contesto in cui Volvo sta perdendo quote di mercato negli Stati Uniti da quasi 10 anni.

Boursin Sensorium

Il gigante del formaggio spalmabile, Boursin, ha creato l'esperienza VR Boursin Sensorium da offrire agli utenti un viaggio magico in un frigorifero pieno. L'opportunità di scoprire diverse ricette che si possono realizzare con Boursin.

Creata in collaborazione con WhyXM e Hammerheadvr, questa esperienza combina cuffie da realtà virtuale e sedia mobile per offrire emozioni agli utenti e segnare le loro menti. Il progetto è stato presentato in vari centri commerciali ed eventi nel Regno Unito.



Aggiungi un commento di Marketing VR - In che modo la realtà virtuale sta trasformando la pubblicità?
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.