Pixel 4: Google abbandona la realtà virtuale e la sua piattaforma Daydream VR

Chi sono io
Steven L. Kent
@stevenlkent
Autore e riferimenti

sommario

  • Pixel 4: Google non crede più nella realtà virtuale e si concentra sulla realtà aumentata

Nel 2016, Google è entrata nel mercato della realtà virtuale mobile con il suo visore Daydream View e la sua piattaforma software Daydream VR compatibile con una gamma di smartphone Android. All'epoca, il gigante di Mountain View ha visto molto potenziale in questa tecnologia permettendoti di immergerti nel virtuale in qualsiasi momento della giornata sfoderando il telefono per inserirlo in un auricolare.



Purtroppo, nel tempo, l'azienda americana ha dovuto affrontare la disillusione. Il mercato della realtà virtuale mobile non è mai decollato, scoraggiando gli sviluppatori di app dal prestare attenzione e i pochi utenti di cuffie Daydream View lo hanno utilizzato sempre meno nel tempo.

In realtà, la maggior parte degli utenti di smartphone ha semplicemente pigro a prendersi il tempo di inserirlo nel casco per godere di applicazioni di scarso interesse che consumerà la batteria del dispositivo ad alta velocità. Inoltre, poche persone sentiranno il bisogno di entrare nella realtà virtuale nel mezzo di uno spazio pubblico o sui mezzi pubblici ...

Di fronte all'emergere di visori VR stand-alone come l'eccellente Oculus Quest, i giorni degli auricolari VR per smartphone sembravano naturalmente contati. Già all'inizio del 2019, potevamo sentire la marea poiché lo smartphone Pixel 3a lanciato da Google non era compatibile con Daydream. Inoltre, diversi ricercatori specializzati in VR hanno lasciato Google negli ultimi mesi.

Pixel 4: Google non crede più nella realtà virtuale e si concentra sulla realtà aumentata

Ora, proprio come Facebook ha appena detto addio al Samsung Gear VR, Google ha appena distrutto l'ultima nuvola dalla bara di Daydream con il lancio del suo smartphone Pixel 4. il nuovo dispositivo non è compatibile con Daydream VR e l'auricolare Daydream View non è più disponibile per la vendita. L'applicazione e il negozio rimarranno disponibili per gli utenti esistenti, ma non c'è da aspettarsi altro intorno a Daydream.



Il titano californiano ora intende concentrarsi sulla realtà aumentata, una tecnologia con un futuro molto più luminoso. Google ha già iniziato a investire in quest'area attraverso esperienze AR come Google Lens, navigazione in realtà aumentata in Google Maps o anche ricerche AR su Ricerca Google. Nel prossimo futuro, possiamo aspettarci che l'azienda ritorni sul mercato dell'hardware con un Google Glass destinato al grande pubblico per competere con gli occhiali AR di Apple ...





Aggiungi un commento di Pixel 4: Google abbandona la realtà virtuale e la sua piattaforma Daydream VR
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.