Presto in arrivo un ologramma 3D senza occhiali nei nostri smartphone

Chi sono io
Tere Vida Mombiela
@terevidamombiela
Autore e riferimenti

sommario

  • Sviluppato l'ologramma 3D più sottile al mondo
  • Un ologramma che offre prospettive sensazionali

Gli ologrammi non sono una novità. Il principio dell'olografia fu inventato nel 1948 e poi perfezionato nel 1964 con l'arrivo del laser. Da allora, gli ologrammi si sono democratizzati sia con l'uso di specchi che di uno o più proiettori, come, ad esempio, il doppio incontro in forma di ologramma di Jean Luc Mélenchon, di cui una stanza lo vedeva in forma di ologramma e l'altra in carne e ossa o anche quelli prodotti con gli occhiali a realtà aumentata Hololens di Microsoft. Queste due tecniche richiedono però attrezzature specifiche e costose ma presentano anche vincoli scomodi, come ad esempio il fatto di dover indossare occhiali specifici o richiedere un'installazione complessa. La scoperta fatta all'Università di Melbourne potrebbe cambiare per sempre il modo in cui utilizziamo gli ologrammi e democratizzarli molto prima di quanto si immagini.



Sviluppato l'ologramma 3D più sottile al mondo

Gli ologrammi 3D e interattivi sono stati fino ad ora fantascienza. Tuttavia, un team di ricercatori australiani e cinesi ha sviluppato, nei laboratori del Royal Institute of Technology di Melbourne (RMIT University), l'ologramma più sottile al mondo. Questo nano-ologramma a 25 nanometri è 1.000 volte più sottile di un capello umano e può essere visualizzato in 3D senza l'uso di occhiali specifici.. Ma questa scoperta non si ferma qui perché ha altre caratteristiche che la rendono estremamente interessante.

Prima di tutto, questo ologramma proviene dauna dimensione che lo rende facile da integrare nei nostri attuali dispositivi elettronici come un televisore, un computer, un tablet o anche uno smartphone. Il Prof. Min Gu, che ha guidato il gruppo di ricerca dell'Università australiana che ha sviluppato la tecnologia per questo ologramma, spiega: "".



Un ologramma che offre prospettive sensazionali

Il team di ricercatori RMIT ha prima sviluppato, con il Beijing Institute of Technology in Cina, un materiale isolante topologico. Questo nuovo materiale quantistico, che ha il basso indice di rifrazione nello strato superficiale ma l'altissimo indice di rifrazione nella massa, agisce come una camera di risonanza ottica intrinseca.. I ricercatori hanno quindi utilizzato un sistema di scrittura laser diretto semplice e veloce che può essere facilmente implementato nei nostri dispositivi elettronici di uso quotidiano su larga scala e per la produzione di massa. Tuttavia, i ricercatori devono ancora sviluppare una pellicola sottile e rigida che atterrerebbe su uno schermo LCD per consentire la visualizzazione dell'ologramma in 3D prima di considerare la produzione di massa di dispositivi con tali ologrammi.



Quindi abbiamo solo bisogno di un ultimo passaggio per far atterrare gli ologrammi 3D nei nostri smartphone, tablet, computer, televisori e probabilmente anche nei nostri orologi connessi e le prospettive di utilizzo sono piuttosto incredibili.. Il professor Gu spiega così che “”.



Aggiungi un commento di Presto in arrivo un ologramma 3D senza occhiali nei nostri smartphone
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.