Ready Player One: Spielberg se incontrato alla VR

Chi sono io
Alejandro Crespo Martínez
@alejandrocrespomartinez
Autore e riferimenti

Con Ready Player One, Steven Spielberg torna alle sue radici, a Sience Fiction. Nel film, previsto per il marzo 2018, Tye Sheridan è un adolescente alla ricerca di tesori in un gioco di realtà virtuale di livello mondiale.

Anche Steven Spielberg sta passando alla realtà virtuale. Andando a vedere il suo prossimo film, non è necessario indossare un auricolare per realtà virtuale, il suo personaggio principale, interpretato da Tye Sheridan, ne indosserà già uno.



Ready Player One si svolgerà principalmente in un mondo virtuale

Un nuovo trailer del film, previsto per marzo 2018, è stato svelato questo fine settimana su YouTube. È interpretato da Tye Sheridan, un giovane con le cuffie da realtà virtuale davanti agli occhi e anche un guanto-controller sulla mano destra. Vive in un mondo distopico in cui le differenze di classe si sono ampliate all'estremo. Per sfuggire a questa cupa realtà, c'è una scappatoia: un gioco di realtà virtuale chiamato Oasis.

In effetti, è più in questo mistero che in un furgone sporco che avrà luogo. La storia seguirà infatti un giovane di 17 anni, Wade, alla ricerca di un tesoro lasciato nel gioco dal suo creatore. Quest'ultimo, in punto di morte, ha promesso tutta la sua fortuna a chiunque troverà 3 chiavi nascoste nel suo universo virtuale.

Il gioco, Oasis, è la fuga virtuale globale che tutta l'umanità usa per sfuggire ai problemi del proprio mondo: crisi energetica e climatica, carestia, povertà, guerra ... Se la realtà virtuale ha così tanto successo in un futuro non così lontano, è perché il mondo reale si è deteriorato fino a diventare quasi inabitabile.

Le "uova di Pasqua" sono nascoste nel trailer di Ready Player One


Da quando il trailer è stato rilasciato questo fine settimana, gli utenti di Internet non hanno smesso di cercare le tante "uova di Pasqua"strizza l'occhio l'universo della cultura geek e pop sparsi in tutto il video. Presenta il gorilla di King Kong, la DeLorean del film, il golem Tracer, la moto rossa di Kaneda, l'RX-78-2 Gundam di Mobile Suit Gundam, la batmobile della serie TV degli anni '60 e il Mach Five. Di Speed Racer.


Il ritorno alla fantascienza di Spielberg

Ready Player One segna un promettente ritorno per Steven Spielberg in Science Fiction. Sono passati dodici anni da quando ha toccato questo genere : dalla guerra dei mondi, nel 2005. Resta da sperare che il direttore di ET the extraterrestrial and Minority Report non abbia perso la mano.

In ogni caso, si affida a un attore all'inizio di una promettente carriera, anche se a vent'anni è ancora giovane. Tye Sheridan è l'interprete della licenza Ciclope degli X-Men, cosa piuttosto comoda: è già abituato alle cuffie da realtà virtuale.

Il Comic Con porta più informazioni

Un trailer svelato al Comic Con questo fine settimana fornisce una visione più approfondita di come sarà Ready Player One. Tra colonna sonora fiammeggiante e riferimenti in tutte le direzioni, Il film di Spielberg promette azione! Apprendiamo che l'azione si svolge a “Colombus, Ohio” e che il personaggio è nato nel 2025. Vediamo anche una serie di inseguimenti, una DeLorean, Freddy Kugger, la moto di Akira… Una pioggia di riferimenti garantiti.

Il mix di generi è reso possibile, semplicemente, dalla realtà virtuale. "Tutto è possibile in questo mondo", Ha annunciato Steven Spielberg durante la presentazione del film al Comic Con. Il regista ha anche colto l'occasione per esprimere il suo punto di vista sulla realtà virtuale in generale che, come avremo capito, è il cuore di questo film.


Una "tela bianca" che può rivelarsi "pericolosa"

Grazie alla VR, questa “tela bianca”, chiunque può “fare tutto ciò che è possibile immaginare”, ha spiegato il regista di ET. Ma ha anche espresso le sue preoccupazioni sulle possibilità offerte da questa tecnologia. "Penso che ci stiamo muovendo verso un mezzo pericoloso con la realtà virtuale", ha preoccupato.



Non che Spielberg pensi al pericolo fisico o mentale, ma cinematografico. “Parlo di pericolo, perché dà allo spettatore la possibilità di non seguire la direzione dei narratori e di scegliere da solo dove guardare. Spero solo che non dimentichi la storia quando inizia a avvolgerlo in un mondo, lui può vedere tutto intorno a lui e lasciargli scegliere dove guardare ".



Aggiungi un commento di Ready Player One: Spielberg se incontrato alla VR
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.