Recensione di Ready Player One: Spielberg traduce la magia della realtà virtuale nel cinema

Chi sono io
Tom Chatfield
@tomchatfield
Autore e riferimenti

sommario

  • Presentazione generale di Ready Player One
  • Ready Player One Sceneggiatura: un film troppo diverso dal libro?
    • Uno scenario compatto e annacquato
    • Da romanzo per geek a blockbuster per tutti i pubblici
    • Un film su VR contro VR?
  • Regia e messa in scena di Ready Player One: Spielberg al vertice del suo gioco
    • La scena Shining: un grande momento nel cinema
  • Ready Player Two: il sequel del romanzo che presto sarà adattato da Spielberg?
  • Critica di Ready Player One: conclusione
    • Punti positivi
    • Punti negativi

Anche la Warner Bros. non si aspettava un tale successo. Dalla sua uscita nelle sale il 28 marzo 2018, ha generato $ 181,3 milioni a livello globale. Va notato che il film ha incassato 61,7 milioni di dollari in Cina, che rappresenta il miglior lancio di tutti i tempi per WB in questo mercato.



Adattato dall'omonimo romanzo di Ernest Cline pubblicato nel 2011, quello di Steven Spielberg è quindi un vero successo commerciale. Mentre il mercato delle cuffie VR sta lottando per decollare, questo blockbuster dimostra che il grande pubblico è lungi dal perdere interesse per questa tecnologia. Ma per quanto riguarda la qualità cinematografica del film? È un futuro classico della settima arte o un volgare concentrato di cultura popolare tanto rapidamente digerito quanto consumato? Ecco la nostra opinione in merito.

Presentazione generale di Ready Player One

Direttore : Steven Spielberg
Produttore : Steven Spielberg, Donald De Line, Dan Farah, Kristie Macosko Krieger
La direttrice : Zak Penn, Ernest Cline
Attori principali : Tye Sheridan, Olivia Cooke, Ben Mendelsohn, TJ Miller, Simon Pegg, Mark Rylance
colonna sonora : Alan Silvestri
Produzione : Warner Bros
Basato su il romanzo di Ernest Cline (2011)
Durata : 140 minuti
bilancio : 175 milioni di dollari
Data di rilascio : 28 marzo 2018



Ready Player One Sceneggiatura: un film troppo diverso dal libro?

Per accorciarlo, l'azione si svolge nel 2045. L'umanità deve affrontare la sovrappopolazione e una crisi energetica globale. Per sfuggire a questa triste realtà, gli umani si rifugiano principalmente nell'Oasi: un mondo virtuale in cui tutto è possibile. Grazie agli auricolari VR che offrono grafica del mondo reale e combinazioni tattili, gli utenti possono provare tutte le sensazioni dei loro avatar.

Questo mondo virtuale è stato creato da James Donovan Halliday, un geniale inventore adorato dalla gente. Il giorno della sua morte, un video precedentemente registrato da lui rivela che Halliday aveva tutto pianificato e rimette in gioco il controllo degli Oasis. Per prendere il potere, è necessario riunire tre chiavi sparse nella realtà virtuale. Nessun indizio fornito, l'unico modo per trovare queste chiavi è comprendere la psicologia dell'inventore, il suo passato, ma anche il suo fascino per la cultura popolare.

Gli le chiavi sono infatti sparse per tutta l'Oasi alla maniera delle uova di Pasqua, questi riferimenti nascosti dagli sviluppatori in molti videogiochi. Un gran numero di utenti si imbarcherà quindi a caccia di chiavi per diventare i padroni dell'Oasi. Tra loro, il giovane Wade Watts e i suoi amici High Five, ma anche la malvagia multinazionale IoI e il suo leader Nolan Sorrento.

Uno scenario compatto e annacquato

Se questi elementi sono comuni al film e al libro, ci sono un gran numero di differenze. Prima di tutto, questo film è un blockbuster, non c'è spazio per le lunghezze. Lo spettatore non deve avere il tempo di annoiarsi e l'azione deve seguire. Questo è il motivo per cui Steven Spielberg ha scelto di compattare la sceneggiatura e ignorare diversi elementi della trama originale.



Ad esempio, nel libro, dopo aver raccolto una chiave, è necessario trovare il portale che permette di aprire. Nel filmato i portali compaiono immediatamente quando viene trovata la chiave e basta inserirla nella serratura. Poiil numero di sfide da affrontare viene quindi dimezzato. Allo stesso modo, il pianeta studentesco Ludus su cui si svolge l'inizio dell'avventura di Wade scompare completamente dalla storia. Il giovane protagonista non è nemmeno più uno studente.

Si stanno verificando anche importanti cambiamenti. Wade incontra Artemis piuttosto rapidamente nel mondo reale, mentre i due personaggi non si incontrano inizialmente fino alla fine del romanzo. Anche la loro rottura temporanea e il conseguente periodo di depressione per Wade sono oscurati. Dopo la distruzione del suo edificio e l'omicidio della sua famiglia da parte di IoI nel film, Wade viene reclutato dalla Resistenza Artemide e contempla la città da un grazioso giardino fiorito nelle altezze. Nel libro, cambia la sua identità, fugge dalla sua città natale e si isola in un appartamento ultra sicuro senza finestre sull'esterno. Molto più deprimente.

Questo non è l'unico passaggio "annacquato" in questa riscrittura prodotta dalla Warner Bros. Nel libro, Daito viene ucciso da IoI e gli High Five mantengono una rivalità fino alla fine della storia. Nel film, nessuno dei protagonisti muore ei cinque personaggi principali si alleano per tutta l'avventura con gioia e buon umore. Inoltre non è specificato che il padre di Wade fosse un ladro e che sua madre fosse una tossicodipendente che si prostituiva nella realtà virtuale.


Da romanzo per geek a blockbuster per tutti i pubblici

Sono stati inoltre modificati diversi passaggi per aggiungere azione al film. Così, nel libro, la prima chiave è nascosta sul pianeta Ludus, all'interno di una ricostruzione di una cripta di ruolo. Wade e Artemis sono i primi due mitraglieri a trovare la chiave grazie alla loro intelligenza. Nel film, la chiave viene data al vincitore di una frenetica corsa automobilistica. Wade vince anche l'evento grazie alla sua intelligenza e alle sue ricerche su Halliday, ma l'approccio è radicalmente diverso. Al contrario, alcune scene d'azione riassunte in poche righe nel romanzo vengono qui messe in immagini per lunghi minuti.


Per non perdere il pubblico occidentale, diversi riferimenti alla cultura popolare asiatica ritenuti troppo taglienti sono stati anche troncati. Il personaggio giapponese di Ultraman che occupa un posto importante nel romanzo viene sostituito da quello del Gigante di Ferro, tratto dall'omonimo cartone animato prodotto dalla Warner Bros nel 1999.

Infine, il film lo fa non si riferiscono solo alla cultura popolare degli anni '80 come nel romanzo di Cline. Per parlare ai più giovani, il blockbuster mette in luce anche la cultura popolare attuale :, ovvero la Michael Bay.

Di fronte a questi molti pregiudizi, alcuni senza dubbio incolperanno Steven Spielberg per essersi allontanato troppo dal lavoro originale. Tuttavia, bisogna riconoscerlo il regista americano è riuscito a trasformare questo romanzo in un blockbuster universale e familiare in modo magistrale. Nonostante le scorciatoie di sceneggiatura, l'annacquamento del soggetto e l'effusione dell'azione, lo spirito del libro è rispettato.

Un film su VR contro VR?

Esistono già un buon numero di film che trattano direttamente o indirettamente i temi della realtà virtuale. Tra i più noti si possono citare in particolare e. Tuttavia, esce nelle sale in un contesto particolare: nel 2018, la realtà virtuale non è più una tecnologia futuristica o un concetto filosofico. Gli auricolari per la realtà virtuale sono accessibili al pubblico in generale e il mondo immaginario descritto è forse molto più vicino al mondo reale di quanto pensi.

Infatti, ancor più di quando il romanzo è stato pubblicato nel 2011, è in grado di dare uno sguardo critico alla realtà virtuale, alle sue sfide, ai suoi pericoli e alle sue opportunità. Naturalmente c'è un'ovvia critica al capitalismo e ai suoi aspetti più oscuri. Dove Halliday ha creato l'Oasis come un sogno d'infanzia, un rifugio dai problemi del mondo reale e un universo ideale accessibile a tutti, IoI lo vede solo come una vena da sfruttare, un'opportunità redditizia.

Le il film riflette bene come il denaro tenda a corrompere anche i progetti più belli. Alcuni potrebbero trovare questo messaggio un po 'cliché, persino ipocrita, proveniente da uno dei più grandi studi dell'industria cinematografica, ma è comunque una buona morale per i bambini. Salutiamo in particolare la redenzione finale di Sorrento che rinuncia ad assassinare Wade quando vede le sue lacrime di gioia.

Tuttavia, dà anche uno sguardo critico alla realtà virtuale. Il messaggio è semplice: anche in un mondo triste e devastato come quello del film, la realtà virtuale non può sostituire la bellezza del mondo reale. Indipendentemente dal livello di realismo e dalle possibilità offerte dalla realtà virtuale, il mondo reale è ancora l'unico posto in cui puoi mangiare un buon pasto ... e trovare l'amore. Alla fine del film, i protagonisti decidono di chiudere l'Oasi due giorni a settimana per costringere gli umani a trascorrere più tempo nella realtà. Questa decisione non è menzionata nel romanzo originale.

Regia e messa in scena di Ready Player One: Spielberg al vertice del suo gioco

Il romanzo si è concentrato principalmente sull'intelligenza del personaggio principale moltiplicando i riferimenti alla storia dei videogiochi e alla cultura popolare degli anni '80. Il film alla fine è più simile a un film ricco di azione in immagini generate al computer.

Tuttavia, anche senza essere particolarmente un fan dei blockbuster, dobbiamo ammettere che il risultato è impressionante (soprattutto in IMAX 3D). Il film è costato quasi $ 175 milioni e si vede. Fin dai primi minuti, il tono è impostato con la formidabile scena introduttiva che descrive l'Oasi attraverso una telecamera visivamente sbalorditiva.

Durante questa scena, e più in generale nel resto del film, Steven Spielberg riesce a tradurre tutta la magia della realtà virtuale nel cinema. Nonostante tutto, a volte, sembra ancora di guardare qualcuno giocare a un videogioco piuttosto che guardare un film. Questo problema è inerente ai film in CG, ma dopo tutto, probabilmente non sarebbe stato possibile far luce sulle infinite possibilità che la realtà virtuale ha da offrire con le immagini catturate nel mondo reale.

La scena Shining: un grande momento nel cinema

Come il romanzo, il film di Steven Spielberg gioca la carta della nostalgia con molti riferimenti alla cultura pop degli anni '1980. Nel cinema, lo spirito degli anni '80 è anche trascritto attraverso un colonna sonora composta dai più grandi successi dell'epoca. Tuttavia, se il libro si è concentrato esclusivamente su questo periodo storico, il film si apre anche alla cultura contemporanea.

Inoltre, proprio come Ernest Cline si riferisce alla cultura geek e ai grandi classici dei videogiochi, Steven Spielberg come regista esprime il suo amore per la settima arte ammiccando ai film di culto. Più precisamente, il regista firma un vivace tributo al film di Stanley Kubrick.

Nel romanzo, per aprire i portali, i protagonisti devono rivedere, scena per scena, i film e, emblematici della cultura “smanettone”. Nel film, questi film sono quindi sostituiti da quelli di Kubrick. I personaggi del film vengono integrati nelle scene originali, dando vita a un vero abisso cinematografico.

Le viene deriso il carattere terrificante, quando il personaggio di Aech che non ha visto il film cerca di giocare con il famoso binocolo nell'ascensore, solo per essere portato via dal torrente di sangue, e finalmente trova rifugio nella stanza 237 e si trova faccia a faccia con la morte vivente ripara. La scena finale del film nel parco dell'hotel assume quindi un'atmosfera da videogioco, ei personaggi devono schivare i colpi d'ascia di Jack Nicholson e una versione gigante della donna zombi. Un grande momento di cinema, che segnerà sicuramente gli spiriti.

Ready Player Two: il sequel del romanzo che presto sarà adattato da Spielberg?

Quando New York Comic Con 2020, Ernest Cline ha rivelato la copertina e il titolo del sequel del suo romanzo: Ready Player Two. Anche la sinossi è stata rilasciata.

ill'azione si svolge pochi giorni dopo che Wade Watts aka Percival ha vinto il concorso organizzato da James Halliday. Il protagonista scopre quindi un segreto nascosto dal creatore di OASIS.

Riguarda un progresso tecnologico rendendo il mondo virtuale 1000 volte più meraviglioso ... e avvincente. Questa scoperta è accompagnata da una nuova ricerca, una nuova sfida lanciata da Halliday per trovare un "Easter Egg" definitivo.

Tuttavia, il personaggio principale dovrà anche affrontare un nuovo rivale estremamente pericoloso. Questa volta, tutta l'umanità sarà minacciata. Questo nuovo romanzo lo sarà disponibile dal 24 novembre 2020.

Alla vista di questa sinossi, potremmo essere sorpresi molte somiglianze con la prima opera. Il personaggio principale è lo stesso e deve salvare ancora una volta OASIS mentre cerca un segreto nascosto dal suo creatore.

L'autore ha scelto il modo più semplice ripetendo esattamente la ricetta che ha fatto il successo del primo volume ? Si spera di no. In nove anni Ernest Cline ha sicuramente avuto il tempo di preparare una trama avvincente con molti colpi di scena. Ci vorranno alcune settimane per leggere il libro e arrivare in fondo ...

Per quanto riguarda un adattamento cinematografico di questo sequel, nulla è stato confermato per il momento. Tuttavia, dalla sua uscita nelle sale nel 2018, Ready Player One ha generato $ 582 milioni di ricevuta al botteghino. Quindi sembra logico che Hollywood rimbalzi su questo successo.

Di recente, in un'intervista al sito web di ComicBook, l'attore Tye Sheridan chi interpreta Wade Watts nel film ha confessato di aver amato lavorare a questo progetto e spera con tutto il cuore che ne venga prodotto un sequel ...

Critica di Ready Player One: conclusione

Come fan della realtà virtuale e fan del romanzo di Ernest Cline, stavamo aspettando con fermezza questo adattamento al cinema. Non siamo rimasti delusi. Ritroviamo in questo lungometraggio tutta la magia di Steven Spielberg : umorismo, avventura, emozione, azione, spettacolo e fantasia. Ci sono tutti gli ingredienti per fare del blockbuster un film cult per un'intera generazione di bambini, com'erano o ai loro tempi.

Il film potrebbe essere criticato per aver giocato la carta della nostalgia fino al punto di overdose, e alcuni scopriranno che questo gigantesco pot-pourri di cultura pop dà una sensazione di caotica confusione. È anche possibile deplorare una certa mancanza di profondità nella sceneggiatura rispetto al romanzo. Nonostante tutto, Ready Player One rimane eccellente intrattenimento per la famiglia e un ottimo modo per presentare al grande pubblico la realtà virtuale ... e il suo futuro.

Punti positivi

  • La magia di un buon vecchio Spielberg
  • Una bella introduzione alla realtà virtuale
  • La scena splendente

Punti negativi

  • Uno scenario meno profondo rispetto al romanzo
  • Un film in immagini generate al computer
  • Attenzione alla nostalgia / overdose di cultura pop

8.3

Scenario: : Uno scenario leggermente semplificato rispetto al romanzo ma comunque accattivante.

direzione: : Un film d'azione intenso in CGI, con diversi passaggi fantastici. Dallo Spielberg in tutto il suo splendore.

Messa in scena: : Piani maestosi e viaggi.

Colonna sonora: : Una colonna sonora molto bella composta da successi degli anni '80, anche se rimpiangiamo l'assenza di John Williams.

(voti)

Aggiungi un commento di Recensione di Ready Player One: Spielberg traduce la magia della realtà virtuale nel cinema
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.