Sixense: il primo controller VR 1DoF viene cancellato, dopo 6 anni di ritardo

Chi sono io
Alejandro Crespo Martínez
@alejandrocrespomartinez
Autore e riferimenti

sommario

  • Sixense abbandona il grande pubblico per il settore sanitario

Nel 2013 Sixense ha lanciato una campagna Kickstarter per finanziare il suo progetto: Stem, il primo controller di rilevamento del movimento 6DoF per cuffie per realtà virtuale. Con questo accessorio, gli utenti dei futuri auricolari VR potranno utilizzare le proprie mani in modo intuitivo nel mondo virtuale.

A quel tempo, non esisteva alcun accessorio simile per Oculus Rift DK1. È una rivoluzione. L'ambizioso progetto fa appello a tutti i fan della realtà virtuale e Sixense riesce rapidamente a risollevarsi $ 604 da 978 collaboratori.



Purtroppo, 5 anni dopo, l'accessorio non è stato ancora consegnato. Nel frattempo, il HTC Vive rilasciato con i suoi controller di rilevamento del movimento Vive Wands. Allo stesso modo, Oculus Rift si è espanso per includere i controller 6DoF Oculus Touch. Ora, di fronte a queste soluzioni fornite dai principali produttori di cuffie VR, lo stelo sembra inutile nonostante la sua precisione superiore.

Questo è il motivo per cui Sixense ha semplicemente deciso di arrendersi per commercializzare il suo prodotto al pubblico in generale. Proprio come Jaunt che ha appena abbandonato la realtà virtuale, Sixense sembra essere una vittima del clamore esagerato della realtà virtuale iniziato nei primi anni 2010.

Sixense abbandona il grande pubblico per il settore sanitario

Tuttavia, va notato che tutti i contributori di Kickstarter a Stem saranno completamente rimborsati tramite PayPal. All'inizio del 2018, infatti, Sixense ha stretto una partnership con l'azienda Penumbra nel settore sanitario.

Quest'ultimo vuole utilizzare la tecnologia 6DoF per applicazioni come la formazione di chirurghi in VR o la riabilitazione del paziente. In totale, Penumbra ha acquistato il 90% dell'azienda per 20 milioni di dollari.



Quindi ci sarà nessun problema per Sixense da rimborsare tutti i contributori e tutti i preordini al 100%. Inoltre, l'azienda continuerà a sviluppare la propria tecnologia per il mercato aziendale.

Oltre al settore sanitario, Sixense è interessato altri casi d'uso come la formazione professionale. In particolare, sta sviluppando un'applicazione che consente ai lavoratori di imparare a saldare alla perfezione in VR.


Anche così, l'amministratore delegato dell'azienda, Amir Rubin, rimane convinto che il mercato della realtà virtuale dei consumatori è destinato a decollare. Negli ultimi mesi ammette di essere rimasto particolarmente colpito dal gioco Beat Saber, o dalle nuove cuffie wireless Oculus Quest di Facebook. Nei prossimi anni, quando il grande pubblico avrà bisogno di controllori più precisi, Sixense ha in programma di tornare in auge.




Aggiungi un commento di Sixense: il primo controller VR 1DoF viene cancellato, dopo 6 anni di ritardo
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.