Starbreeze - Il creatore di StarVR vuole diventare un gigante dell'intrattenimento

Chi sono io
Alejandro Crespo Martínez
@alejandrocrespomartinez
Autore e riferimenti

sommario

  • Starbreeze: StarVR, un visore VR nato a Tolosa
  • Starbreeze vuole creare una propria rete di sale giochi VR ed entrare nel segmento professionale

Da febbraio 2017 è stato aperto a Los Angeles il primo centro IMAX dedicato alla realtà virtuale. All'interno di queste mura, i visitatori possono giocare a diversi giochi e altre esperienze di realtà virtuale. Piuttosto che le cuffie VR disponibili al grande pubblico, come Oculus Rift o HTC VIVE, IMAX ha scelto di chiamare lo svedese Starbreeze per ottenere le cuffie StarVR.



Starbreeze: StarVR, un visore VR nato a Tolosa

Con un campo visivo di 210 ° e una definizione di 5,120 x 1,440 pixel, lo StarVR è di gran lunga l'auricolare più avanzato sul mercato. In confronto, Oculus Rift e il suo schermo di definizione 2160 × 1200 per un campo visivo di 110 ° sono un giocattolo per bambini. Lo stesso vale per il VIVE.

Dalla sua presentazione all'E3 2015, lo StarVR ha fatto sognare gli appassionati. Il dispositivo sarà presto disponibile solo per altre sale giochi VR e altri stabilimenti di intrattenimento e potrebbe non essere mai offerto al pubblico in generale, ma l'intero settore concorda sul fatto che è il miglior auricolare VR. Tuttavia, poche persone sanno che il file StarVR è originariamente un'invenzione creata dalla startup di Tolosa Infiniteye.

È stato nel 2015 che Starbreeze ha acquistato Infiniteye per intraprendere l'avventura della realtà virtuale in collaborazione con Acer. Questo è il motivo per cui il il centro di ricerca e sviluppo dell'azienda si trova in avenue des Champs-Elysées, appena sopra le boutique di lusso. All'interno di questo centro, 25 ingegneri stanno lavorando attivamente per migliorare il casco.


Starbreeze vuole creare una propria rete di sale giochi VR ed entrare nel segmento professionale


In precedenza, Starbreeze si concentrava esclusivamente sulle sue attività di editore di videogiochi, fondato a Stoccolma dal 1998. Il suo gioco più noto è il famoso Payday, un simulatore di rapine che ha accumulato 25 milioni di giocatori e il cui sequel di PayDay 2 proviene. realta virtuale. Oggi, con più di 700 dipendenti, Starbreeze è riuscita a posizionarsi segretamente tra i leader nel mercato emergente della realtà virtuale.

L'azienda scandinava non intende fermarsi qui. Dopo questo passaggio di successo dal software all'hardware, Starbreeze sta ora pianificando di espandere la propria attività nei settori dei videogiochi, dei parchi di divertimento e del cinema. Ha anche in programma di aprire la sua rete di sale giochi VR., come IMAX, e offre i propri film e giochi esclusivi sviluppati in collaborazione con una dozzina di studi.



Al di là dell'intrattenimento, il Il CEO Bo Andersson vuole persino entrare nel campo professionale. Infatti, mentre la realtà virtuale sta ancora lottando per conquistare il cuore del grande pubblico, Starbreeze è già contattato da molte aziende del settore automobilistico, pubblicitario o aeronautico che desiderano integrare la VR nei loro metodi di lavoro.



Aggiungi un commento di Starbreeze - Il creatore di StarVR vuole diventare un gigante dell'intrattenimento
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.