[TEST] Brass Tactics - Il nuovo punto di riferimento nel gioco di strategia VR

Chi sono io
Adriana Gil
@adrianagil
Autore e riferimenti

sommario

  • Presentazione generale di Brass Tactics
  • Trama di Brass Tactics: un classico senza tempo
  • Gameplay di Brass Tactics: la perfetta ripresa dei codici dell'RTS nella realtà virtuale
    • Un STR efficace
    • Un vero contributo della realtà virtuale
  • Durata della vita di Brass Tactics: verso l'infinito e oltre!
  • Grafica e colonna sonora di Brass Tactics: immagini memorabili, musica dimenticabile
  • Immersione nelle tattiche di ottone: diventa sia stratega che maestro del gioco
  • Comfort of Brass Tactics: vai in guerra dal tuo divano in tutta serenità
  • Tattiche d'ottone contro la concorrenza
  • Conclusione del test
    • Punti positivi
    • Punti negativi

Esistono generi di giochi molto vari in realtà virtuale: sport, RPG, corse, FPS ... Ci sono però alcuni grandi assenti, come STR (Strategia in tempo reale). Un difetto che lo studio intende correggere Intrattenimento di percorsi nascosti con tattiche d'ottone, erede di Age of Empires. L'idea di base rimane la stessa degli altri prodotti del genere, la VR in più: un avversario, un territorio da conquistare e truppe da smaltire. Tutto è quindi giocato buona gestione di l'equilibrio tra il gameplay e l'uso della realtà virtuale. Quindi, una scommessa vincente per Brass Tactics?



Presentazione generale di Brass Tactics

Modalità di gioco : Da 1 a 2 giocatori
disponibilità : 22 febbraio 2018
Prezzo : 39,99 €
Développeur : Intrattenimento per percorsi nascosti
Genere : STR (strategia in tempo reale)
compatibilità : Eye Rift
Testato su : Eye Rift

Trama di Brass Tactics: un classico senza tempo


Gli amanti di STR lo sanno bene, la trama è raramente parte del cuore di questo tipo di giochi. Se di solito troviamo una modalità single player con alcuni elementi della storia, non va oltre. Brass Tactics segue lo stesso lignaggio, ma offre ancora un'esperienza significativa. Come spesso, il regno è in pericolo e tu sei l'unico che può salvarlo! Devi guidare le tue truppe con il pugno di ferro affronta i tuoi nemici e conquista le loro regioni per trovare la via alla pace. Il gioco non fa l'originalità, ma offri una narrazione piuttosto piacevole e un buon doppiaggio (in diverse lingue).


Non è oggi che lo scenario STR avrà diritto alla sua rivoluzione, ma la cornice è accattivante. L'assolo serve soprattutto a sperimenta tutte le possibilità del gioco, prima di lanciarti nel multiplayer per immaginare le tue storie. Considerando la proposta di Brass Tactics, è tutto ciò che chiediamo.

Gameplay di Brass Tactics: la perfetta ripresa dei codici dell'RTS nella realtà virtuale

Se c'è un elemento su cui ci aspettiamo Brass Tactics al turno, è il suo gameplay. Questa è la pietra angolare di qualsiasi RTS che si rispetti che può mettere in ombra le debolezze di un gioco o condannarlo. Non c'è bisogno di aumentare la suspense qui: Hidden Path Entertainment è riuscita brillantemente.

Un STR efficace

A prima vista, ci troviamo di fronte a un gioco da tavolo in cui due campi si scontrano. L'obiettivo è semplice: cattura il territorio dell'avversario, terminando con il suo castello. Per fare questo, riscopriamo tutto ciò che rende l'anima di un RTS: truppe, risorse e potenziamenti. Sulla mappa è possibile accedere a diversi punti importanti su cui le torri devono essere collocate. Questi consentono creare le unità che combatterà anima e corpo per il giocatore. Ovviamente, ce ne sono un gran numero: dai classici guerrieri ai cavalieri, compresi i robot giganti.


Ovviamente non manderemo a morte i nostri fieri combattenti senza che siano pronti. Ecco perché è possibile migliorare le loro capacità con il progredire degli scontri. Più veloce, più forte, più numeroso ... Ci sono molte opzioni, ma riguardano anche altri aspetti. Ad esempio, puoi scegliere di recuperare più risorse (che gli abitanti del villaggio raccolgono automaticamente), perché una guerra è costosa.


Se il gioco deve essere di facile accesso e molto intuitivo, è tutt'altro che semplicistico. Le tattiche per attaccare il tuo avversario sono molto numerose e richiedono buona reattività. Dobbiamo riuscire gestire più fronti, mentre si adatta al suo avversario per non essere sopraffatto. Tutto quello che devi fare è scegliere come affrontare il confronto. Attacchi rapidi, una linea di difesa, un diversivo per cogliere di sorpresa il nemico, tutto è possibile. Se manteniamo un file schema abbastanza classico per un RTS, è molto efficace. Facile da capire, ma difficile da padroneggiare.

Un vero contributo della realtà virtuale

Possiamo quindi già parlare di Brass Tactics come a buon gioco di strategia in tempo reale. Come esperienza VR, tuttavia, non è tutto ciò che ci si aspetta da essa. Con Oculus Rift, vogliamo trovare una certa immersione, ma anche elementi di gioco specifici per la realtà virtuale.

Ancora una volta, lo studio ha accettato la sfida e ci è riuscito un risultato all'altezza delle aspettative. La navigazione sui campi di battaglia di Brass Tactics è molto semplice (uno preme il grilletto e uno "tira" per avanzare) offrendo un grande leggibilità. Apprezziamo particolarmente il fatto che tu possa modificare l'altezza del tavolo come desideri, il che ti consente di adattarti a tutte le situazioni. Nel contesto di una partita multiplayer, possiamo anche vedere dov'è l'avversario e cosa sta facendo con le sue mani. Molto pratico per sventare i complotti che prendono di mira le tue povere città innocenti.



Il gioco fa il miglior uso delle possibilità offerte dalla realtà virtuale, al fine di essere accessibile a chiunque. La scelta delle truppe e l'installazione delle torri avvengono via un pallet su cui vengono direttamente recuperati gli oggetti da appoggiare. È anche su questo che troviamo informazioni sulle nostre risorse e sulla nostra popolazione. Anche questo in mano che guidiamo le nostre truppesemplicemente dicendo loro dove andare. Tutti i suoi ordini in realtà si riducono a una manciata di bottoni e gesti che integriamo molto rapidamente. Le possibilità in combattimento in Bras Tactics sono comunque limitato all'attacco diretto, come le classiche STR. Mentre alcuni saranno felici di vedere questo invariato, non saremmo stati contrari a una piccola evoluzione da quella parte.

In termini di gameplay, Brass Tactics potrebbe benissimo diventare un nuovo punto di riferimento nei videogiochi di realtà virtuale. Anzi, è uno dei pochi ad aver mantenuto la qualità del suo materiale di base, mentre migliorandolo con la realtà virtuale. Accessibile ai principianti e interessante anche per gli intenditori, possiamo parlare di un grande successo.

Durata della vita di Brass Tactics: verso l'infinito e oltre!

Brass Tactics offre una serie di modalità di gioco. campagna, prima di tutto, promette in merito sei in punto per arrivare alla fine di tutte le sue carte. Un abituale di RTS non avrà problemi a finirlo in meno tempo, ma è così una durata che corrisponde a un novizio. Come spiegato sopra, l'assolo è principalmente un modo per familiarizzare con i controlli e le tattiche. Il cuore di Brass Tactics viene soprattutto dal suo modalità multiplayer.

Avec une venti mappe disponibili, gli scontri contro altri giocatori sono molto vari. Se consideriamo anche le tante possibilità di attacco che ognuna offre, ogni parte è diversa dalla precedente. Finché non ci stanchiamo mai di questo tipo di gioco, finiamo con un lunga durata solo competitivo. Questo senza contare l'aggiunta di a possibile collaborazione nella campagna per giocatore singolo. Se le battaglie sono un po 'più simili (IA richiede) che con il multi, il divertimento è ancora lì.

Possiamo anche notare la presenza di Tattiche d'ottone: Arena. Una modalità di gioco in cui gareggi in un'arena (il nome lascia indovinare) con uguale forza. Piccola delusione da questa parte tanto l'interesse sembra limitato. Salteremo velocemente per tornare alle altre esperienze offerte, molto più stimolanti e divertenti.

Grafica e colonna sonora di Brass Tactics: immagini memorabili, musica dimenticabile

Dalla schermata del titolo, Brass Tactics annuncia il colore con a cartone animato in stile molto gradevole alla vista. Mentre alcuni preferiscono un approccio più realistico, la grafica qui lo rende un perfetta atmosfera da gioco da tavolo. Sentiamo anche una buona influenza della saga Game of Thrones nell'animazione degli edifici. Una volta installati, si svolgono nello stesso modo di quelli visti nei titoli di coda della famosa serie.

Se alcune trame sembrano un po '"grezze" da lontano, la loro qualità stupisce quando ti avvicini molto. Che sia il castello, le torri o le case, il livello di dettaglio è impressionante. Le truppe sono particolarmente ben fatte, dove le loro ridotte dimensioni avrebbero potuto suggerire un lavoro approssimativo. Il gestione della luce è anche un punto di forza, con ombre cinesi che migliorano l'immersione.

Se possiamo elogiare la grafica di Brass Tactics, è più difficile fare lo stesso quando attacciamo la sua colonna sonora. Per gli effetti sonori, niente di speciale : troviamo le classiche spade, frecce o esplosioni. L'originalità quindi non c'è, senza che questa sia davvero negativa. È piuttosto a livello di musica che siamo davvero deluso, perché nessuno è davvero sorprendente. Dove ci si aspetta una colonna sonora tanto epica quanto memorabile, come Age of Empires aveva saputo proporre, sentiamo un vuoto. L'OST non è spiacevole, ma lo è così dimenticabile che ci si chiede se fosse davvero presente.

Immersione nelle tattiche di ottone: diventa sia stratega che maestro del gioco

In questa recensione, si fa riferimento ai giochi da tavolo che sembrano aver ispirato Brass Tactics. Il motivo principale è ovviamente il scelta di “apparecchiare l'arredamento” su una tavola. Lo scenario giustifica questo elemento e permette una grande immersione. Sebbene le STR si basino precisamente sull'allontanamento dall'azione, noi ci sentiamo qui come un vero generale dell'esercito.

Questo principio da tavolo simile a quello di un gioco in miniatura viene ripreso fino alla fine. Pensiamo in particolare al fatto di metti giù le sue torri e raccogli gli aggiornamenti tramite un cassetto di fronte al nostro castello. Tutto dà davvero l'impressione di giocare a un gioco da tavolo in una versione fantasy. Anche i controlli giocano un ruolo importante in questa sensazione. Prendi gli oggetti da un pallet e indica le direzioni delle truppe l'effetto di una partita a scacchi molto elaborata. Nota, tuttavia, che in multiplayer, vedi l'avversario sotto forma di un fantasma armato di un casco da controller non aiuta davvero con l'immersione.

Comfort of Brass Tactics: vai in guerra dal tuo divano in tutta serenità

STR è spesso sinonimo di lunghe sessioni, il comfort doveva essere lì. Non sorprende che, considerando tutto ciò che Brass Tactics ha offerto finora, lo è davvero. Prima di tutto, il gioco si pratica sia in piedi che seduti, un fatto abbastanza raro da essere segnalato. STR richiede, i movimenti del giocatore lo sono mai troppo brusco e non provoca cinetosi. Precisamente, se il movimento è efficace, alla lunga può stancare. Pensiamo soprattutto agli scontri su due fronti quali richiedono rapidi andirivieni. Nonostante tutto, stiamo parlando solo di un leggero sforzo fisico che non farà che spaventare le persone con vere allergie alla palestra.

C'è anche una vera ricerca di comfort nel gioco stesso. Potere regolare l'altezza del tavolo quando lo si desidera è sia utile (strategicamente) che prezioso. Il posizionamento della tavolozza di selezione degli edifici in qualsiasi mano è anche un punto di forza. Potresti pensare che questi siano solo dettagli, ma questi elementi fanno la differenza quando si parla di comfort.

Tattiche d'ottone contro la concorrenza

Esiste un numero molto elevato di giochi di strategia nella realtà virtuale. Avevamo anche stilato una lista dei migliori del genere. Tuttavia, è meno facile trovare STR di qualità. Nonostante tutto, alcuni riescono a distinguersi.

Skyworld è indubbiamente il più grande concorrente of Brass Tactics attualmente. Ci sono molte somiglianze tra le due produzioni: il tavolo, l'aspetto cartoon e ovviamente il gameplay. Piccola bella variante sul lato Skyworld: l'impatto delle stagioni durante il gioco. Un elemento che ti costringe a rivedere le tue tattiche e che può decidere la vittoria o la morte. Il gioco è in aggiunta disponibile sulla maggior parte dei caschi in commercio, a differenza di Brass Tactics (solo su Oculus). Tuttavia, quest'ultimo beneficia di molti più contenuti e di un design molto più piacevole e originale.

Per i giocatori che sono più appassionati di fantascienza che fantasy, troviamo Saga of the Void: Admirals. Disponibile su tutte le piattaforme VR, è dotato di battaglie di astronavi. Qui si può anche prendere parte direttamente agli scontri sparando con i cannoni in vista FPS. Se la grafica non è all'altezza di Brass Tactics, siamo di fronte a un ottimo RTS multiplayer.

Per finire questi testa a testa, parliamo di un gioco più minimalistae soprattutto molto meno goloso. Tactera può essere trovato su Oculus Rift o Gear VR e funzionalità scontri sotto forma di simulazione olografica. Se offre chiaramente meno possibilità e una grafica meno piacevole rispetto alla concorrenza, rimane efficace. Soprattutto, ffunziona su quasi tutte le configurazioni.

Conclusione del test

Possiamo dirlo: Brass Tactics lo è un ottimo gioco. Il suo gameplay, prima di tutto, combina perfettamente la realtà virtuale con i codici STR. Se avessimo voluto vedere più novità aggiunte a questo genere, la ricetta è molto efficace. Approfittando di un file lunga durata e di bella grafica, è rivolto sia ai principianti che ai veterani. Siamo chiaramente dispiaciuti che il file la colonna sonora è così indimenticabile, ma non basta a rovinare il piacere che Hidden Path Entertainment ci offre. Se è ancora troppo presto per dirlo davvero, lo possiamo già vedere in Brass Tactics un punto di riferimento nel gioco di strategia in realtà virtuale.

Punti positivi

  • Un gameplay che combina perfettamente codici RTS e realtà virtuale
  • Una durata di vita sostanziale
  • Bella grafica
  • Accessibile ai novizi, interessante per i veterani
  • Uso molto comodo

Punti negativi

  • Una colonna sonora non molto memorabile
  • Una STR molto classica se dimentichiamo la VR

 

8

Scenario : In una STR, è raro che lo scenario abbia un grande interesse. Brass Tactics non fa eccezione e offre una storia abbastanza classica basata su invasione e conquista. La campagna per giocatore singolo è comunque molto piacevole, oltre ad avviare il gioco alle diverse tattiche.

gameplay : Il gameplay è chiaramente uno dei maggiori punti di forza del gioco: se manteniamo i codici molto classici della STR, sono perfettamente mescolati con la realtà virtuale. Otteniamo quindi un gioco perfettamente adatto ai nuovi arrivati ​​e ai clienti abituali del genere.

Durée de vie : Con le sue numerose modalità di gioco, c'è molto da fare in Brass Tactics. Che sia da solo, in co-op o contro, ognuno troverà quello che sta cercando. Le tante carte rendono ogni battaglia momenti unici.

grafica : Fin dalle prime parti, ci siamo lasciati trasportare dalla grafica colorata di Brass Tactics. Ma sono soprattutto i tanti dettagli degli edifici e delle unità a sorprendere. Quasi impeccabile su quel lato

colonna sonora : Il punto nero del gioco Se la musica offerta è piacevole e piuttosto carina, li dimentichiamo molto rapidamente. Faticano a raggiungerci, dove ci aspettavamo melodie epiche e memorabili.

Immersione : L'impressione di trovarsi di fronte a un gigantesco gioco da tavolo è davvero lì. Anche se la STR non si presta all'immersione, lo studio è infatti riuscito a metterci nei panni di un generale e di uno stratega.

Comfort : Un esempio da seguire per molti giochi di realtà virtuale. Poter giocare seduto o in piedi, gestire l'altezza del tavolo ... Tutto è fatto per mettere a proprio agio il giocatore, e possiamo dire che funziona.

(voti)

Aggiungi un commento di [TEST] Brass Tactics - Il nuovo punto di riferimento nel gioco di strategia VR
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.