[Test] Con Subpac M2, prova l'audio dei tuoi giochi VR

Chi sono io
Tere Vida Mombiela
@terevidamombiela
Autore e riferimenti

sommario

  • Unboxing del Subpac M2: un packaging completo
  • Design ed ergonomia del Subpac M2: un accessorio VR con bellissime finiture
  • Sensazioni in gioco: il Subpac M2 ridefinisce l'esperienza del suono
  • Conclusione

Marchio: Subpac
Categoria: Accessorio
Data di rilascio: 3 settembre 2016
Prezzo di commercializzazione: 389 euro
Testato su: HTC Vive e Oculus Rift


Unboxing del Subpac M2: un packaging completo

Il Subpac M2 viene consegnato in un cartoncino nero che mostra l'accessorio avvicinamento. La confezione dà poca indicazione del prodotto: a lato, troviamo un breve riassunto delle caratteristiche del Subpac. Semplice ma efficace, questa scatola dà la sensazione di essere al cospetto diun prodotto premium. Quando si apre la scatola, scopriamo il Subpac M2. Sotto questi ultimi sono nascosti gli accessori: cavo jack 3.5 maschio-maschio, libretto di istruzioni e ausilio per la messa in funzione, cavo di alimentazione con 4 terminali di messa a terra. 


Design ed ergonomia del Subpac M2: un accessorio VR con bellissime finiture

Ora diamo uno sguardo al cuore di questo test: il Subpac M2. Appena fuori dalla scatola, l'utente può vedere la leggerezza del prodotto. Il Subpac si presenta come uno zaino o un giubbotto che l'utente indosserà per sentire il suono dei bassi o che può appendere allo schienale di una sedia o di una poltrona. 

L'accessorio pesa 2,3 chili ma si dimentica facilmente una volta indossato. Per raggiungere un vasto pubblico, ha pensato la startup Subpac integrare un connettore in dotazione. Troviamo così uun ingresso e un'uscita mini-jack da 3.5 mm, una scatola di controllo e una connessione Bluetooth 4.0 A2DP. In uso, il Subpac M2 è silenzioso e nessuna sensazione di "caldo" non emerge dal prodotto. L'azienda annuncia 6 ore di autonomia. Siamo stati in grado di testare il Subpac per circa 2 ore.



Il Subpac M2 è composto dauna parte dura che viene posta di fronte e attraverso la quale verranno trasmesse le basse frequenze. Collegato da un cavo a questa "giacca del suono", una scatola: è su questa che verrà collegato l'arrivo audio del visore VR e l'audio dell'auricolarer. Troviamo anche lì LED per indicare la connessione Bluetooth e lo stato della batteria. Il Subpac M2 è compatibile con i caschi HTC Vive o Oculus Rift. Avremmo apprezzato un sistema che permettesse di attaccare i cavi dei caschi.

Sensazioni in gioco: il Subpac M2 ridefinisce l'esperienza del suono

Il Subpac utilizza tecnologia audio tattile per trasmettere le basse frequenze direttamente al corpo dell'utente, con una risposta in frequenza da 5 a 130 Hz. Se il Subpac M2 dichiara l'utilizzo multimediale (guardare film, ascoltare musica, videogiochi, ecc.) è nella realtà virtuale che il prodotto dimostra tutto il suo potenziale. In particolare, abbiamo testato il Subpac con il gioco Arizona Sunshine su HTC Vive. Dal primo suono dei bassi attraverso il corpo, l'utente realizzerà il valore aggiunto dell'accessorio.

Il Subpac M2 offre davvero valore aggiunto in termini di immersione nel gioco. Quando parliamo di VR, pensiamo all'immersione visiva ma tendiamo facilmente a dimenticare l'importanza dell'ambiente sonoro. Grazie al Subpac M2, il musicista sentirà il basso attraverso il suo corpo, come quello che si può sperimentare durante un concerto dal vivo. A prima vista, l'effetto prodotto dall'accessorio è abbastanza confuso. Tuttavia, ci si abitua molto rapidamente alle sensazioni fornite dal Subpac M2. L'azienda con sede a Palo Alto ha avuto la buona idea di integrare nella sua scatola un regolatore per modificare l'intensità bassi percepiti dall'utente.




Quando l'intensità è impostata a metà, il basso è eccezionalmente profondo e piuttosto preciso. Con ogni elemento del gioco che coinvolge il suono, come uno sparo, l'utente sentirà le basse frequenze. Ci dispiacerà comunque mancanza di precisione della sensazione : In concreto, se il giocatore riceve un proiettile nella spalla sinistra o nello stomaco, il Subpac M2 produrrà lo stesso effetto.


Punti positivi

  • Confortevole e leggera
  • Aumenta la sensazione di immersione nei giochi VR
  • Intensità dell'effetto regolabile

Punti negativi

  • Nessuna distribuzione dell'effetto
  • Un prezzo ancora dissuasivo

Conclusione

Il Subpac M2 è un prodotto atipico dal design ambizioso : volere sostituire un subwoofer con un accessorio da indossare come uno zaino. La scommessa sembra essere stata accettata. Con il Subpac M2, le sensazioni e L'immersione nel gioco VR è migliorata. Il principale difetto dell'oggetto? Suo mancanza di precisione quando si tratta di "distribuire" l'effetto sul corpo dell'utente. Potremmo anche sostenere questo il suo prezzo di vendita consigliato (389 euro) è alto. È certamente un investimento significativo, che d 'nu si affretterebbe a paragonare a preso da un PS VR, ma pochi accessori simili sono a nostra conoscenza oggi disponibili.

8.2

Packaging: La confezione è classica ma completa. .


Design ed ergonomia: Il design del Supac M2 ha successo. Sobrio, i 2,3 chili di prodotto vengono rapidamente dimenticati. .


Sensazione: Il Subpac offre un'immersione senza precedenti grazie alla trasmissione dei bassi. Un aspetto negativo della mancanza di precisione.

(voti)

Aggiungi un commento di [Test] Con Subpac M2, prova l'audio dei tuoi giochi VR
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.