[Test] Freefly Beyond VR headset: realtà virtuale con stile

Chi sono io
Alejandro Crespo Martínez
@alejandrocrespomartinez
Autore e riferimenti

sommario

  • Acquista Freefly VR Beyond:
  • Unboxing di Freefly VR Beyond
  • Design ed ergonomia di Freefly VR Beyond
  • Colto alla sprovvista da Freefly VR Beyond
  • Freefly VR Beyond contro la concorrenza
  • Conclusione su Freefly VR Beyond

Marca:
categoria:
login: No
Compatibilità:
Prezzo :
Disponibilità:
Testato con:


Acquista Freefly VR Beyond:

Unboxing di Freefly VR Beyond

L'apertura del casco Freefly è abbastanza facile per disimballare il dispositivo facilmente e comodamente. L'auricolare VR è solo nella sua confezione con solo pochissimi elementi parassiti. Basta sollevare il battaglio di cartone per scoprire l'elmo che occupa la maggior parte della scatola. Gli elementi più difficili sono nell'archiviazione dei dispositivi. Il reimballaggio è difficile e la scatola non si chiude in modo identico.


All'interno della scatola contenente il Freefly VR ci sono diversi articoli. Per quanto riguarda gli accessori troviamo in ordine: un manuale d'uso del casco con le compatibilità, un adesivo con il logo del marchio in alto e un panno in microfibra. Insomma, l'Unboxing delle cuffie Freefly VR Beyond è molto efficiente e funzionale.

Design ed ergonomia di Freefly VR Beyond

Questa categoria è sicuramente l'elemento che genererà più discussioni. Se il colore nero dell'intero casco rimane nel complesso neutro, nonostante i colori arancioni che lo adornano. Tuttavia, è la sua forma che sarà controversa. Mentre la maggior parte degli auricolari di questo genere si accontenta di rimanere nella norma, Freefly VR Beyond cerca di correre dei rischi. La forma dell'elmo è un po 'più fantasiosa con ali finte sul bordo dell'elmo.


Certo, molte persone potrebbero rimpiangere questo design stravagante, ma va notato l'audace assunzione di rischi. Il risultato è quindi soggettivo a seconda della persona anche se, una volta che il casco è sul naso, il design rimane superfluo. D'altra parte, è necessario essere più severi per quanto riguarda l'ergonomia del casco che ha molto meno successo.


Infatti, a differenza del suo predecessore, il Freefly Classic, regolare l'auricolare in base alle dimensioni del telefono è meno semplice. Bisogna svitare gli stabilizzatori, rimuoverli, riporli nella posizione desiderata, riavvitare i tappi e ripetere l'operazione. Allo stesso modo, non esiste un quadrante per poter regolare la spaziatura delle lenti. È tuttavia possibile regolare il casco tramite le "ali" premendo il pulsante arancione sul casco, che risolverà molto facilmente il problema.

Da sottolineare anche lo sforzo di novità con l'inserimento di grilletti a sinistra ea destra del casco. Posizionati all'altezza degli occhi, i grilletti sono idealmente posizionati pur rimanendo estremamente discreti nell'aspetto generale del casco. Il casco, infine, è bloccato da un'imitazione di lucchetto removibile che sicuramente garantirà meglio l'immobilizzazione del dispositivo durante il suo utilizzo.

Colto alla sprovvista da Freefly VR Beyond

È importante notare che nessuna tecnologia è stata progettata per Freefly VR Beyond. Esci dall'applicazione Samsung Home o Homido. È quindi necessario scaricare applicazioni che possono essere utilizzate in VR. È quindi importante eseguirli prima di installare il casco. Ovviamente, i servizi iOS e Android sono supportati nell'auricolare.

Anche se regolare le cuffie in base alle dimensioni dello smartphone è molto noioso, questo è l'unico grosso problema. Per quanto riguarda la regolazione dell'oggetto, il sistema è diverso dagli altri dispositivi in ​​commercio. Esci dal sistema antigraffio, sostituito da regolatori meno pratici.


In termini di comfort visivo, il Freefly ha buone lenti con un campo visivo di 120 °. Il campo visivo dell'auricolare è il più importante di tutti gli auricolari VR. In compenso il casco resta comodo anche se dopo 15 minuti di utilizzo si avverte molto caldo in faccia.


Una breve nota per concludere il passaggio dalla gestione a un'applicazione dedicata ai trigger. Così il gioco Crime Investigator, ancora in fase di sviluppo, offrirà un'altra esperienza. Il gioco si presenta come un punta e clicca in VR dove devi indagare come un vero poliziotto.

Freefly VR Beyond contro la concorrenza

Se il confronto tra Freefly VR Beyond e Homido V2 è giudizioso, quello con Mogaman F1 è altrettanto buono. Cominciamo con il Mogaman F1 prima di passare al leader di mercato.

In termini di design, se il Mogaman F1 rimane classico, è comunque efficace. Anche se le "ali" del Freefly offrono un'assunzione di rischi notevole, la F1 rimane una scommessa sicura. D'altronde, quando si tratta di parlare della sicurezza del proprio smartphone, è innegabile che il Freefly sovraperforma il suo concorrente anche se la manovrabilità è molto più complessa. Per quanto riguarda il comfort visivo, i due caschi sono uguali.

 

Tuttavia, il confronto con l'Homido V2 non è molto lusinghiero. Fatta eccezione per il suo design marginale e il campo visivo superiore, Freefly VR Beyond rimane al di sotto dell'Homido. La prima causa di questa osservazione si basa sul fatto che Homido dispone di un'applicazione casco dedicata che si attiva automaticamente. Nonostante ciò, Freefly è un buon visore VR che è più o meno alla pari con il Mogaman F1.


Conclusione su Freefly VR Beyond

Cosa ricordare da Freefly VR Beyond? In primo luogo, il casco si distingue per un design completamente nuovo e marginale. Un'assunzione di rischi che alla lunga potrebbe ripagare chi è stanco di caschi tutti uguali. Per quanto riguarda l'ergonomia, se escludiamo le impostazioni dell'auricolare che possono essere molto complicate, è abbastanza semplice. Infine la manovrabilità del Freefly è molto semplice, facilitata in particolare grazie al sistema di grilletti in atto.


Pertanto, Freefly VR Beyond rimane un buon auricolare VR. Tuttavia, rimane un livello di entrata e il migliore della gamma Freefly rimane il Classic.

Punti positivi

  • Il design innovativo del casco può interessare più di uno
  • Attiva l'interazione con i contenuti VR
  • La qualità dell'immagine è sufficientemente buona per avere un certo comfort visivo

Punti negativi

  • Un adattamento molto lungo alle dimensioni dello smartphone sul casco
  • Nessuna applicazione sviluppata sui caschi per facilitare la manipolazione

7.5

Design ed ergonomia: Il design colpisce duramente essendo completamente marginale se la forma sarà in grado di rimandare più di uno. D'altra parte l'ergonomia può sembrare complicata ma è facilitata da alcuni suggerimenti.


caratteristiche: Per quanto riguarda il Mogaman, nessuna applicazione è stata sviluppata per completare l'auricolare, quindi è necessario disporre di applicazioni in VR.


Iniziare: I due grilletti aiutano notevolmente la presa. Aiutato da un comfort visivo molto piacevole, Freefly VR Beyond è molto facile da usare nonostante l'impostazione complicata.


Rapporto qualità / prezzo: Per 60 € il Freefly sembra essere dieci euro sotto l'Homido V2 ma sopra il Mogaman F1. Per tutto ciò che offre l'auricolare, il rapporto qualità / prezzo rimane positivo.


Puoi essere il primo!

Aggiungi un commento di [Test] Freefly Beyond VR headset: realtà virtuale con stile
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.