[TEST] ISS RESCUE - Punta alla luna per atterrare nelle stelle

Chi sono io
Michael Naimark
@michaelnaimark
Autore e riferimenti

sommario

  • Panoramica di ISS RESCUE
  • Scenario da ISS RESCUE: abbiamo tutti qualcosa in noi da Gravity
  • Gameplay di ISS RESCUE: semplice ed efficace
    • La guerra dei bottoni
    • Puzzle elementari
  • Durata e rapporto qualità / prezzo di ISS RESCUE: 39 euro per 40 minuti di gioco
  • Grafica e colonna sonora per ISS RESCUE: "Houston, non abbiamo problemi"
  • Immersione di ISS RESCUE: testa tra le stelle, ma piedi per terra
  • Comfort di ISS RESCUE: niente nausea, ma un po 'di naso irritato
  • ISS RESCUE di fronte alla concorrenza
  • Conclusione del test di ISS RESCUE
    • Punti positivi
    • Punti negativi
    • 6.1

Nel processo di creazione per un anno, ISS RESCUE è il risultato di collaborazione tra I-Way e Myoken rooms. Dopo un bando di gara per la prima e una prova di successo per la seconda, il progetto per un Esperienza VR potrebbe essere lanciato. Meglio conosciuta per le sue simulazioni (F1, aerei da combattimento, motociclette GP, ecc.) E le sue fughe Room, l'azienda di Lione sta assumendo una nuova sfida. Al centro di questa esperienza, il desiderio di immergere il giocatore in una simulazione spaziale, senza dimenticare il gioco Quindi, obiettivo raggiunto o fallimento della missione? Rispondi in questo test.



Panoramica di ISS RESCUE

Modalità di gioco : Da 1 a 6 persone
disponibilità : 31 gennaio 2018, su prenotazione (dai 12 anni)
Prezzo : A partire da 39 euro / persona (solo per una prenotazione di minimo 4 persone)
Développeur : Myoken
Genere di gioco : Simulazione spaziale / esperienza VR indoor
Casco utilizzato: HTC Vive
Locale : 4 Rue Jean Marcuit, 69009 Lione



Scenario da ISS RESCUE: abbiamo tutti qualcosa in noi da Gravity

Con il suo scenario, Myoken e I-Way ci fanno capire che non lo siamo non di fronte all'interesse principale del gioco. Dal suo briefing (svolto in realtà da un “game master”), ci viene assicurato che si tratta di un missione di routine, senza alcun pericolo. Ovviamente, niente va come previsto e i giocatori si troveranno presto bloccati fuori dalla Stazione Spaziale Internazionale. Dovranno quindi affrontare diverse prove e piccoli puzzle per salvare la ISS e la loro pelle. Per ammissione di Pierre Nicolas, il fondatore di I-Way, il team particolarmente ispirato ai film Gravity e Appolo 13. Un'influenza che sentiamo soprattutto nella storia, ma anche nella realizzazione (torneremo su questo).

Gameplay di ISS RESCUE: semplice ed efficace

Con l'obiettivo di far sentire ai giocatori le pratiche di un astronauta, Myoken affronta una sfida scoraggiante. Bisogna evitare comandi troppo complessi, d'altra parte, ma anche non renderli troppo semplici e poco interessanti. L'azienda ha successo nella sua scommessa, nonostante un infine un numero piuttosto limitato di azioni. Ovviamente puoi usare le mani per interagire con gli oggetti con una pressione del grilletto, ma non è tutto. Dobbiamo prima parlare di bracciale che recuperiamo all'inizio della partita. Questo agisce come menu, che ci dà accesso alla maggior parte delle possibilità offerte dal gioco. Toccandolo, a ologramma diviso in quattro parti, ciascuno proponendo un'azione.


La guerra dei bottoni

I primi tre hanno funzioni semplici. Con il primo ci si può muovere attraverso la stazione in selezionando una destinazione sulla mappa che appare. Nota che non ci teletrasportiamo, ma che ci muoviamo "scivolando" una volta scelto il luogo, una linea che indica la strada. Per quanto riguarda gli altri due, uno offre la possibilità di chiama Houston, il maestro del gioco presente durante ogni sessione. Questo darà quindi consigli se i partecipanti si bloccano o non sanno cosa fare. L'altro lo permette guarda dove sono i nostri compagni di squadra.


Il comando più importante è senza dubbio quello che dà accesso al file PGT (Pistol-Grip Tool), uno strumento simile a una pistola. Nessuna questione di sparare qui, tranne in una sola fase tanto breve quanto poco interessante. Il suo vero utilizzo è duplice: permette entrambi (s) avvitare e sigillare i fori. Perché se il contesto della ISS in rotta è epico, la tua missione si riduce alla riparazione della stazione. Per fare ciò, dovrai riempire le perdite che attraversano lo scafo e aprire i pannelli per risolvere i puzzle.

Puzzle elementari

Le riparazioni non sono molto complicate, ma richiedono a buona coesione di squadra e soprattutto, ascoltare gli obiettivi. Basta infatti non prestare attenzione alle istruzioni di partenza per perdersi, cosa che rischia di accadere ai novizi. È anche necessario prendere in considerazione alcuni bug, alcuni di loro molto inquietanti. Pensiamo in particolare a oggetti essenziali che scompaiono dietro l'arredamento, impedendo il completamento di una riparazione.


Queste poche preoccupazioni a parte, i puzzle non sono un vero problema finchè stiamo attenti. È soprattutto la comunicazione (tramite microfoni) con i compagni che offre una vera sfida. Bisogna riuscire a coordinare, soprattutto perché siamo rapidamente divisi in due squadre. È quindi un peccato che la voce di Houston, che dà gli obiettivi, è spesso coperto da vari suoni.

Durata e rapporto qualità / prezzo di ISS RESCUE: 39 euro per 40 minuti di gioco

Per un'esperienza di realtà virtuale senza interruzioni, raggiungi il 40 minuti è abbastanza raro. ISS Rescue riesce comunque, per i giocatori meno frettolosi o meno abituati alla VR. È necessario lo stesso conta circa 30 minuti per i più dotati, un momento molto onorevole per un'attrazione.


È quindi piuttosto dalla parte del prezzo che dobbiamo cercare un rovescio della medaglia. E quest'ultimo non fa bene al portafoglio: 39 euro a persona per una seduta. Quasi un euro al minuto. Se la somma è spiegata dal luogo e dai mezzi messi a disposizione (400 mq assegnati), rimane costoso per gli individui. Pensiamo in particolare a quelli che arriveranno a meno di quattro, visto che il prezzo scende poi a 59 euro per una persona.

Grafica e colonna sonora per ISS RESCUE: "Houston, non abbiamo problemi"

Se c'è un'area in cui ISS RESCUE si distingue, è attraverso la grafica e la colonna sonora. In queste zone troviamo nuovamente il file grande influenza dei film Gravity e Appolo 13. La musica è particolarmente sotto i riflettori, con sinfonie che rivelano ispirazioni cinematografiche. Potremmo rimpiangere il mancanza di effetti sonori, ma quelli presenti (meccanismo, pressurizzazione, ecc.) rafforzare l'immersione.

Realizzato con l"Unreal Engine 4, lo sono anche le scene offerte da ISS RESCUE bellissimo. Se deploriamo qualche leggero passaggio sfocato dovuto al casco, non rovinano in alcun modo le immagini. Non c'è rischio di dimenticare l'alba all'inizio dell'esperienza o le varie zone del resort. Tranne alcuni rari bug di texture, si potrebbe quasi parlare di impeccabile per il gioco di Myoken.

Immersione di ISS RESCUE: testa tra le stelle, ma piedi per terra

Quando sappiamo che l'immersione era la preoccupazione principale di I-Way e Myoken, possiamo parlare di un obiettivo raggiunto. Dall'introduzione del gioco, dimentichiamo che siamo in una stanza semplice per ritrovarsi nello spazio. Come detto sopra, il gli effetti sonori giocano molto su questa sensazione, nonostante la loro mancanza di presenza. Con la sua splendida grafica e la fedele replica della ISS, la sensazione di essere un astronauta è tanto più forte.

Questa impressione è purtroppo regolarmente danneggiato da vari bug dei controllori. Se catturare oggetti non è un problema, a volte ci ritroviamo braccia letteralmente aggrovigliate. Basta anche girare troppo la testa per ritrovarsi con un casco che non sa cosa fare o cosa guardare. Di conseguenza visione ostruitafortunatamente solo per pochi secondi. Avere successo in impantanarsi nei partner quando sei nello stesso posto non aiuta neanche.

Comfort di ISS RESCUE: niente nausea, ma un po 'di naso irritato

Dal punto di vista del comfort, ISS RESCUE è un messia per coloro che non vogliono teletrasportarsi in VR, ma sono sensibili alla nausea. Qua, nessuna cinetosi da ricordare, nonostante uno spostamento nello spazio che non segue quello del corpo. Questo successo è dovuto a l'indicazione del percorso che prenderà il nostro personaggio. Istintivamente ci prepariamo a girare o arrampicarci, bloccando così qualsiasi malattia.

Tuttavia, non possiamo fare a meno di esserlo imbarazzato dall'auricolare dopo un po '. Dai la colpa alla durata dell'esperienza, che è più lunga della maggior parte delle altre attrazioni. Tuttavia, stiamo parlando solo di un file lieve inconveniente a cui non prestiamo molta attenzione se ci immergiamo nel gioco.

ISS RESCUE di fronte alla concorrenza

Ci sono un gran numero di giochi di fuga, ma molto meno nella realtà virtuale. Per scoprirne finalmente uno che offre un'esperienza simile a quella di ISS RESCUE, devi scavare un po 'oltre. E in questo settore, il suo più grande concorrente è senza dubbio Virtual Adventure Eclipse.

Stiamo quindi parlando anche di a avventura spaziale, ma questa volta molto più orientato alla fantascienza. Questa avventura si distingue prima di tutto dal suo avversario l'uso di uno zaino VR. Ci muoviamo così molto più liberamente che con l'auricolare collegato a un cavo da ISS RESCUE. Come quest'ultimo, Eclipse lo è accessibile dai 12 anni e dura circa quaranta minuti. D'altra parte, non possiamo gioca a 4 (contro 6 per il gioco I-Reality) e sono disponibili meno camere. Tuttavia, quelli di Virtual Adventure ne approfittano vibrazioni del suolo e colpi d'aria per un'immersione ancora più intensa. Dal punto di vista del prezzo, l'esperienza è accessibile tra 21 e 35 euro a persona.

Conclusione del test di ISS RESCUE

ISS RESCUE mantiene molte delle sue promesse. La grafica e la colonna sonora onorano le risorse messe in campo e offri un'esperienza che non dimenticherai presto. Puoi facilmente rimanere intrappolato nel tuo mondo, mentre giochi comodamente, il che rende l'intrattenimento ancora più piacevole. Così è peccato che una serie di bug rovinino questa esperienza (senza rovinarlo). Se non sono onnipresenti, sono abbastanza inquietanti da impedire l'immersione totale.

Nel suo gameplay, ISS RESCUE offre un esercizio accessibile, ma che richiede comunque un buon coordinamento della squadra. Se alcuni bug mettono i loro due centesimi e rendono imperfette alcune azioni, non è facile trascurarlo. Offrendo alcuni puzzle un po 'troppo semplici, la produzione di Myoken rimane un piacevole intrattenimento per grandi e piccini. Tuttavia, sarà criticato per a alto prezzo, soprattutto con un numero ridotto di giocatori.

Punti positivi

Punti negativi

6.1

Scenario : Lo scenario vuole essere estremamente semplice. Il gioco rientra nella linea degli scenari disastrosi cari a molti registi. Possiamo facilmente individuare l'influenza del film Gravity e le sue scene spettacolari. La storia non è proprio al centro dell'esperienza, è difficile parlare di un difetto, ma non è nemmeno un buon punto.

gameplay : Il gameplay di ISS RESCUE è molto semplice e accessibile a tutti. Una persona che non ha mai toccato la realtà virtuale troverà presto il suo orientamento. Possiamo tuttavia rimpiangere le poche interazioni possibili con l'ambiente. Per quanto riguarda gli enigmi, non sono molto complicati, ma sono comunque divertenti.

Durée de vie : Con 40 minuti di gioco per i meno veloci, ISS RESCUE offre una durata apprezzabile per un'attrazione VR. Se non scopri altro giocando di nuovo, apprezzi la prima esperienza e non vedi il tempo che passa.

Rapporto qualità-prezzo : Un grande punto negativo di questo gioco di fuga in realtà virtuale. Se prenotiamo per almeno quattro persone, il prezzo scende a 39 euro per giocatore. Quasi 1 euro al minuto, che è altissimo nonostante le qualità dell'esperienza. È anche peggio quando vuoi giocare con meno di quattro, visto che vai a 59 euro a persona. Troppo alto per 40 minuti di gioco.

Grafica e colonna sonora : Nella grafica e nella colonna sonora, ISS RESCUE si difende molto bene. Alcune scene fanno colpo, sia attraverso i nostri occhi che con le nostre orecchie. Pensiamo in particolare all'alba o all'incidente alla stazione che abbiamo in mente da tempo.

Immersione : Vieni trasportato molto facilmente dal gioco, in pochi secondi dimentichi completamente la presenza di una stanza intorno a te. Ecco perché siamo delusi quando i bug ci portano fuori dal gioco. Con poche modifiche, ISS RESCUE potrebbe perfezionare la sua immersione.

Comfort : Stare in piedi per 40 minuti è raramente piacevole, soprattutto con un casco che finisce per schiacciare un po 'il naso. Nonostante tutto, ci divertiamo con questo gioco, soprattutto perché ha trovato la sua soluzione per evitare la cinetosi. Sebbene il comfort non sia perfetto, è al di sopra di molte altre attrazioni VR.

(voti)

Aggiungi un commento di [TEST] ISS RESCUE - Punta alla luna per atterrare nelle stelle
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.