Un brevetto Apple per la regolazione automatica degli obiettivi AR

Chi sono io
Alejandro Crespo Martínez
@alejandrocrespomartinez
Autore e riferimenti

sommario

  • Un brevetto sulla regolazione automatica degli obiettivi di realtà aumentata
  • Un netto miglioramento per la tecnologia della realtà aumentata

Apple ha appena depositato una domanda di brevetto su una tecnologia che consente la regolazione automatica delle lenti degli occhiali a realtà aumentata tramite sensori di prossimità. Spiegazioni ...

È certamente uno dei segreti meno custoditi di Apple. Non c'è dubbio che il marchio Apple stia lavorando duramente su occhiali di realtà aumentata di qualità per il grande pubblico. Anche se i vertici dell'azienda di Cupertino non hanno mai ammesso di lavorare a un progetto del genere, vari elementi dimostrano che l'azienda americana ci sta lavorando bene. Basti guardare agli esperti del settore ingaggiati da Apple, al lavoro svolto con l'ARKit, alle start up specializzate in questa tecnologia e alle relative tecnologie o anche al numero di brevetti depositati di recente per convincersi. Un nuovo brevetto depositato dal marchio Apple aggiunge, ancora una volta, una prova di questo interesse.



Un brevetto sulla regolazione automatica degli obiettivi di realtà aumentata

La più recente domanda di brevetto Apple, depositata presso l'US Patent and Trademark Office il 27 febbraio, potrebbe risolvere un grave problema affrontato dalle aziende che lavorano sulla tecnologia della realtà aumentata. La domanda di brevetto di Apple copre i display montati sulla testa con lenti per gli occhi e la relativa struttura di supporto, circuiti di controllo per la proiezione di contenuti sui display e circuiti dei sensori per la regolazione automatica degli obiettivi.

Secondo la documentazione del brevetto, sensori di prossimità, insieme alle informazioni sulla distanza interpupillare, verrebbero utilizzati per regolare i posizionatori dell'obiettivo sinistro e destro tramite attuatori, motori o altri componenti elettronici mentre l'utente indossa il dispositivo. Apple descrive anche diverse opzioni per l'implementazione del sistema, come una serie di elettrodi capacitivi per sensori di prossimità per rilevare il contatto diretto con il naso, sensori di prossimità a ultrasuoni che utilizzano il suono per determinare la posizione rispetto al naso o diodi emettitori di luce a infrarossi per determinare la posizione . Quest'ultima opzione sembra molto probabile, dato che è simile alla configurazione utilizzata nel sensore di prossimità dell'iPhone..



Un netto miglioramento per la tecnologia della realtà aumentata

Il sistema di regolazione automatica della lente rappresenterebbe un netto miglioramento rispetto agli approcci attuali ai dispositivi indossabili di realtà aumentata. Al lancio, Magic Leap necessitava di un servizio completo di consegna LiftOff con l'impostazione da parte di un rappresentante in loco per eseguire la calibrazione visiva. Nel frattempo, le lunghezze focali di North devono essere adattate a ciascun utente. Ciò ha richiesto una regolazione di persona fino a quando la società non ha lanciato un'app Showroom per iPhone con un sensore True Depth.



Sebbene i brevetti non garantiscano l'effettiva implementazione, questo particolare brevetto mostra il tipo di innovazione che Apple promuove, laddove la tecnologia " e non richiede una configurazione goffa e un processo di adattamento. Tuttavia, gli occhiali per realtà aumentata di Apple sono attesi da tempo e non vediamo l'ora di vederli.



Aggiungi un commento di Un brevetto Apple per la regolazione automatica degli obiettivi AR
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.