VR 2018: le migliori previsioni per il mercato della realtà virtuale e aumentata

VR 2018: le migliori previsioni per il mercato della realtà virtuale e aumentata

sommario

In 2017, la realtà virtuale è diventata davvero una tecnologia accessibile al grande pubblico. I prezzi di vari auricolari come HTC Vive, Oculus Rift e PSVR sono diminuiti drasticamente e sono stati rilasciati nuovi auricolari Windows Mixed Reality molto più convenienti. Nonostante la mancanza di hardware dedicato, anche la realtà aumentata è decollata con il lancio dei kit di sviluppo Google ARCore per Android e Apple ARKit per iOS. Tra i professionisti, la realtà virtuale è stata ampiamente adottata anche per la progettazione e la produzione come strumento di visualizzazione.



Tuttavia, questo era solo l'inizio. Nel 2018, Le tecnologie di realtà virtuale e aumentata immersive continueranno a svilupparsi, e quindi democratizzare. Nuovi auricolari, nuove tecnologie, nuovi giochi e software ... scopri come si evolveranno la realtà virtuale e la realtà aumentata nel 2018, e quali saranno i fattori che guideranno l'adozione delle sue tecnologie e la crescita del mercato.

VR 2018: un mercato in rapida crescita

Per la stragrande maggioranza degli analisti, il mercato della realtà virtuale continuerà a crescere nel 2018. Nel suo nuovo rapporto, IDC annuncia un aumento della spesa AR / VR al 95% nel 2018. In totale, il mercato raggiungerebbe un valore di 17,8 miliardi di dollari entro la fine dell'anno, rispetto ai 9,1 miliardi di dollari del 2017.

Questo impressionante tasso di crescita potrebbe rimanere stabile fino al 2021. Il segmento più promettente sarebbe quello del settore pubblico. La manutenzione delle infrastrutture e la formazione sulla realtà virtuale del governo sperimenteranno un boom. Secondo ICG, il tasso di crescita annuale di queste due aree potrebbe raggiungere il 156,7% fino al 2021. In Francia, ricorda che Pôle Emploi ha recentemente adottato la realtà virtuale.



Al contrario, gli analisti di Mind Commerce sono un po 'meno ottimisti. Secondo loro, dal 2018 al 2023, la realtà virtuale registrerebbe una crescita annuale del 54,84%. Secondo questi analisti, l'istruzione sarebbe il settore più promettente e potrebbe generare entrate per 2,2 miliardi di dollari entro il 2023. Secondo la fonte, l'implementazione delle reti mobili 5G contribuirà fortemente a questa crescita, riducendo la latenza al minimo per gli auricolari VR wireless.

VR 2018: inizia l'era delle cuffie autonome, i cavi scompaiono

VR 2018: le migliori previsioni per il mercato della realtà virtuale e aumentata

Sono proprio gli auricolari wireless VR che rischiano di segnare l'anno. All'inizio del 2018, Oculus lancerà le sue cuffie standalone Oculus Go, del valore di circa $ 200, mentre HTC commercializzerà le cuffie standalone HTC Vive Focus in Cina a gennaio 2018. Samsung e LG stanno anche preparando cuffie all-in-one per il prossimo anno . In breve, questo nuovo tipo di dispositivo sarà la grande moda nel 2018.

Secondo Canalys, Nel 1,5 saranno venduti 2018 milioni di auricolari wireless, che rappresenterebbe un quarto dei 7,6 milioni di visori VR che la società di analisi prevede di vedere venduti durante l'anno. Le cuffie wireless sostituiranno rapidamente le cuffie VR per smartphone, secondo IDC, offrendo un'esperienza simile ma molto più confortevole.

Tuttavia, gli auricolari wireless economici saranno solo un passaggio di transizione. Alla fine dell'anno, il Il casco Project Santa Cruz di Oculus verrà spedito agli sviluppatori. Questo auricolare wireless dovrebbe offrire un'esperienza e prestazioni simili a Oculus Rift. Tuttavia, non è noto quando questo dispositivo futuristico sarà disponibile al grande pubblico.


Insieme all'arrivo delle cuffie stand-alone, le cuffie cablate potrebbero finalmente essere utilizzate in modalità wireless grazie agli adattatori. Nel 2017, si prevedeva che tali accessori sarebbero stati commercializzati in massa. Tuttavia, mentre l'anno volge al termine, il TPCast è l'unica soluzione disponibile per utilizzare HTC Vive e Oculus Rift in modalità wireless. Tuttavia, questa soluzione si basa su un protocollo di comunicazione proprietario e quindi non consente alcuna interoperabilità.


Al momento, questo non è un vero problema, poiché sul mercato sono presenti pochissimi caschi. Tuttavia, a lungo termine, questa soluzione sarà troppo limitata. È per rispondere a questo problema che aziende come AMD, Intel, Peraso e Qualcomm hanno sviluppato chip WiGig appositamente per soluzioni VR wireless. Il auricolari wireless e adattatori basati su WiGig dovrebbero finalmente arrivare sul mercato nel 2018. Entro la seconda metà dell'anno, possiamo persino aspettarci che il wireless diventi uno standard nel settore della realtà virtuale.

Logicamente, dovremmo saperne di più su questo durante il CES di gennaio 2018. auricolari e adattatori wireless risolveranno il problema dei cavi in ​​giro a terra e può facilmente rovinare l'immersione nella realtà virtuale. Tuttavia, WiGig attualmente non consente di godere di una definizione di 4K per occhio, perché la larghezza di banda di 802.11AD non è abbastanza alta. Dovremo aspettare la seconda generazione di WiGig, o 802.11AY che succederà a 802.11AD.

Le 802.11AY offrirà una velocità di trasferimento dati da 20 a 40 Gbit / s, larghezza di banda quattro volte superiore rispetto allo standard 802.11AD basato sulla stessa banda a 60 GHz. Purtroppo bisognerà attendere il 2019 per sfruttare questa innovazione. 


VR 2018: finalmente arrivano gli occhiali per la realtà aumentata

VR 2018: le migliori previsioni per il mercato della realtà virtuale e aumentata

Uno dei problemi principali con la realtà virtuale è l'isolamento. Quando l'utente indossa un visore VR, lui si immerge nel mondo virtuale e quindi si disconnette dal mondo reale. Ciò pone un problema particolare per gli utenti che desiderano dedicarsi alla realtà virtuale durante le feste con gli amici. Indossare un casco che ostruisce la visuale non è molto facile da usare. Il problema è tanto più fastidioso nel caso degli auricolari VR mobili.


Il vantaggio principale di questi dispositivi è che possono essere utilizzati ovunque, ma nessuno vuole indossare un visore VR in pubblico in mezzo a estranei. Indossare un visore per realtà virtuale in un parco, ad esempio, è come mettersi una benda sugli occhi. I ladri devono solo aiutare se stessi negli affari dell'utente, per non parlare degli spettatori beffardi che potrebbero venire a ridere. Questo problema rimane uno dei principali handicap e potrebbe persino rallentare il successo degli auricolari autonomi nel 2018.

Questo è il motivo per cui, paradossalmente, il la vera democratizzazione della realtà virtuale potrebbe venire dalle cuffie per la realtà aumentata. Durante la conferenza F8 di Facebook nell'aprile 2017, Michal Abrash ha parlato di questo argomento. Secondo lui, la realtà aumentata è ciò che tutti desideriamo e le cuffie AR rappresenteranno una delle più grandi rivoluzioni tecnologiche dei prossimi 50 anni. Un punto di vista difeso anche da Tim Cook, CEO di Apple. In effetti, la realtà aumentata consente di sovrapporre elementi virtuali alla realtà e le cuffie AR non sono quindi opache. L'utente può continuare a vedere l'ambiente e le persone che lo circondano.

Gli auricolari per la realtà aumentata esistono già. Dal 2015, Microsoft offre HoloLens. Tuttavia, il suo prezzo di $ 3000 lo rende un dispositivo principalmente riservato ai professionisti. Aziende come Ford e Thyssenkrupp lo usano. Nel 2018, tuttavia, le cuffie AR potrebbero finalmente diventare disponibili al pubblico in generale. Dopo diversi anni di sviluppo, Magic Leap ha finalmente annunciato i suoi occhiali AR Magic Leap One per il 2018. Il design è significativamente più elegante di quelli delle cuffie VR e AR di prima generazione e il dispositivo sembra estremamente promettente. Il prezzo può essere alto, ma ci sono buone probabilità che questo prodotto abbia un successo fenomenale e inauguri una nuova era per le tecnologie immersive.

Nel 2017 le cuffie AR non sono ancora convincenti, ma il mercato della realtà aumentata si è sviluppato bene in termini di software. Dopo il successo di Pokémon Go nel 2016, Google e Apple hanno lanciato i rispettivi kit di sviluppo ARCore e ARKit per Android e iOS. Questi kit consentono agli sviluppatori di creare applicazioni di realtà aumentata per smartphone. L'utente percepisce elementi virtuali sovrapposti alla realtà attraverso lo schermo del telefono. La realtà aumentata per smartphone sta aprendo la strada agli occhiali AR. Queste applicazioni saranno quindi utilizzabili sugli occhiali, come afferma il fondatore di Facebook Mark Zuckerberg.



Aggiungi un commento di VR 2018: le migliori previsioni per il mercato della realtà virtuale e aumentata
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.

×
Deja aqui tu email para recibir nuestra newsletter semanal, llena de ofertas y novedades de tu ciudad