Jaunt: viaggio nella terra del virtuale

Chi sono io
Alejandro Crespo Martínez
@alejandrocrespomartinez
Autore e riferimenti

sommario

  • L'origine del progetto 
  • Una fotocamera molto speciale
  • Esperienze incredibili
  • Perfetta qualità dell'immagine
  • E domani?

Non c'è più ombra di dubbio: nel 2015 tutte le fiere e i festival dedicati all'innovazione tecnologica mettono in primo piano la realtà virtuale. South by Southwest Interactive (SXSW Interactive) ad Austin, in Texas, non ha fatto eccezione. Questo festival multimediale interattivo, che si è svolto dal 13 al 22 marzo, ha dato il posto d'onore a visori e visori di realtà virtuale di ogni tipo, da Oculus Rift a Google Cardboard e Gear VR.



Ma ora che i giocatori di realtà virtuale stanno comparendo sul mercato, il nuova sfida è dare loro cose da leggere. E questa sfida, una start-up americana, Gita, è pronto a riprenderlo.

L'origine del progetto 

Per questa giovane azienda, tutto è iniziato nel 2013, in mezzo ai canyon del Parco Nazionale di Zion. Tom Annau, che sarebbe diventato con Jens Christensen et Arthur Van Hoff uno dei co-fondatori di Jaunt, voleva conservare un ricordo preciso del suo viaggio ma non era soddisfatto delle fotografie che poteva scattare.

Da qui è nata questa idea innovativa: utilizzare le tecnologie della realtà virtuale per viaggiare in posti molto reali. L'utente potrebbe così vivere o rivivere esperienze intense, ovunque e in qualsiasi momento.

Una fotocamera molto speciale

Jaunt, il cui nome significa passeggiata, da allora ha fatto molta strada. L'azienda ha iniziato creando un file fotocamera in grado di filmare scene a 360 gradi. Dalle registrazioni di questa telecamera e da più registrazioni audio, i team tecnici possono quindi ricostruire un file ambiente visivo e uditivo più grande della vita. E poiché il contenuto di Jaunt è progettato per cuffie per realtà virtuale che catturano il movimento della testa, l'utente può guardare in tutte le direzioni ed essere completamente immerso.



Esperienze incredibili

Le esperienze virtuali che Jaunt offre oggi sono molto diverse: immersione in acque profonde, immersione in uno studio fotografico per a modalità di scatto o visitare una sontuosa suite in un hotel di lusso. Una delle app di maggior successo è senza dubbio The North Face: Climb, che mescola arrampicata e paracadutismo in un ambiente sublime. L'utente si ritrova nel Parco Nazionale di Yosemite e osserva il paesaggio mozzafiato che lo attende, colori abbaglianti nei suoi occhi, un fiume che scorre sotto.

In un altro registro, Jaunt si offre anche di rivivere l'ultimo concerto di Paul McCartney, al Candlestick Park di San Fransisco. L'azienda offre anche emozioni di uno stile diverso e l'utente si ritrova a volte nel mirino degli agenti dell'FBI, a volte vittima di rapitori. Questa è solo una breve panoramica che lascia immaginare le infinite possibilità della realtà virtuale, che è solo agli inizi.


Perfetta qualità dell'immagine

I prodotti Jaunt sono particolarmente degni di nota per la loro qualità d'immagine assolutamente impeccabile, che dà all'utente la sensazione di appartenere all'ambientazione piuttosto che essere solo spettatore. Questo è inaudito e quindi non sorprende che Redpoint Ventures, Highland Capital Partners e Google Ventures hanno investito 31 milioni in fase di avviamento.


E domani?

E poi, se Jaunt crea film di realtà virtuale oggi, presto vorrebbe offrire contenuto interattivo. All'inizio, questo potrebbe apparire come film in cui sei l'eroe, dove sceglieremmo il personaggio che vogliamo seguire. E poi, non appena le cuffie per realtà virtuale sono dotate di sensori di movimento, interi mondi che potremmo esplorare ... Questo ci lascia a non dire altro da sognare!



Aggiungi un commento di Jaunt: viaggio nella terra del virtuale
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.