[TEST] Lone Echo - Un gioco VR degno di un film di fantascienza su Oculus Rift

[TEST] Lone Echo - Un gioco VR degno di un film di fantascienza su Oculus Rift

sommario

Presentazione generale di Lone Echo

Modalità di gioco: un giocatore
disponibilità : Luglio 2017
Prezzo : 39,99€
Sviluppatore: Pronto all'alba
Genere del gioco: avventura
Compatibilità: Oculus Rift
Testato su: Oculus Rift



Sceneggiatura di Lone Echo: una trama fantascientifica

[TEST] Lone Echo - Un gioco VR degno di un film di fantascienza su Oculus Rift

L'azione di Lone Echo si svolge nel 2126, a bordo di Khronos II, una stazione spaziale responsabile dell'estrazione degli anelli di Saturno. Il Il giocatore incarna l'intelligenza artificiale incarnata in un corpo robotico, il cui ruolo è assistere il Capitano Olivia Rhodes. I due personaggi mantengono un rapporto complice e amichevole. Sfortunatamente, il capitano Liv ha appena appreso che presto sarà separata dal suo amico "Jack", che sarà presto nominato capitano a sua volta. La bella ha molto a cuore, ma ha intenzione di godersela la scorsa settimana in compagnia del simpatico robot.

È allora che una strana anomalia si profila all'orizzonte nella vastità del cosmo. Di si verificano molti malfunzionamenti all'interno della stazione e Jack e Liv dovranno riparare il danno e indagare su questa misteriosa anomalia. Molti colpi di scena attendono il giocatore, ma la trama di Lone Echo va ben oltre una semplice avventura futuristica.



Le il titolo esplora molti temi, come il rapporto tra uomo e robot, la questione della morte, la dimensione filosofica dell'intelligenza artificiale e molto altro. Anche lo sviluppo del personaggio è molto accurato. Per tutti questi motivi, Lone Echo è degno di un ottimo film di fantascienza.

Gameplay Lone Echo: gioca come un robot multifunzione del XXII secolo

Lone Echo lo è soprattutto un'esperienza narrativa e contemplativa, ma il gameplay è tutt'altro che poco interessante per tutto ciò. Prima di tutto, il sistema di spostamento è uno dei giochi di realtà virtuale di maggior successo. Come in Echo Arena, lo spin-off multiplayer di Lone Echo, il giocatore si muove liberamente in un ambiente privo di gravità. Può spingersi aggrappandosi a qualsiasi parete o utilizzare i turbo incorporati nei suoi polsi.

Più avanti nel gioco, il personaggio acquisisce anche un motore a reazione, che gli permette di proiettarsi nella direzione del suo sguardo e frenare all'istante. Pertanto, il giocatore può volare liberamente in tutte le direzioni, senza provare alcun problema con la cinetosi. Le sensazioni fornite da questo sistema di movimento sono davvero esaltanti e rafforzano notevolmente l'immersione.

L'altro grande momento clou del gameplay di Lone Echo è il finger tracking. Grazie ai controller Oculus Touch, il giocatore può usare le mani in modo molto naturale e intuitivo. Puoi fare un pugno, puntare il dito indice o appoggiare la mano su qualsiasi superficie. Anche in questo caso, la sensazione di immersione e di presenza è notevolmente aumentata.


[TEST] Lone Echo - Un gioco VR degno di un film di fantascienza su Oculus Rift

Per aiutare Olivia nella stazione spaziale, Jack il robot ha una vasta gamma di strumenti che è in grado di disegnare utilizzando diversi comandi gestuali. Quindi, premendo sul suo casco con il dito indice, il giocatore può accendere la sua torcia. Stringendo il polso, può utilizzare uno scanner o un laser cutter.


Ces diversi strumenti vengono utilizzati per riparare la stazione spaziale e successivamente per indagare sulla misteriosa anomalia. Per risolvere le varie disfunzioni di Khronos II, il giocatore deve risolvere tipi di enigmi. Si tratterà ad esempio di tagliare una superficie utilizzando il laser cutter, quindi allineare i circuiti in modo da ripristinare la corrente elettrica.

Essendo l'avventura strettamente legata allo scenario, il giocatore non ha molta libertà. Tuttavia, è possibile scegliere l'ordine in cui realizzare i diversi obiettivi. Per il resto il percorso resta piuttosto lineare, ma i tanti colpi di scena e la suspense narrativa permettono di mantenere vivo l'interesse del giocatore.

Alcuni rimpiangeranno ancora senza dubbio la mancanza di azione di Lone Echo. Il i dialoghi possono sembrare infiniti e anche le fasi del gioco non sono molto intense. Inoltre, il titolo non è davvero punitivo in termini di difficoltà. In effetti, come intelligenza artificiale, Jack non può morire. In caso di distruzione del suo involucro fisico, si ritrova direttamente incarnato in un altro robot e deve semplicemente tornare dalla stazione spaziale al luogo in cui il suo corpo è stato distrutto. Rispetto a Echo Arena, la versione multiplayer del gioco, è chiaro che l'azione è notevolmente meno intensa.


Lone Echo lifespan: un'intensa avventura estesa da un multiplayer senza fine

[TEST] Lone Echo - Un gioco VR degno di un film di fantascienza su Oculus Rift

Avventura Lone Echo può essere completato in circa 6 ore. Tuttavia, è possibile scansionare tutti gli elementi del gioco per ottenere maggiori informazioni sullo scenario. Allo stesso modo, numerosi compiti ausiliari e opzionali prolungano la vita utile.

Comunque, La modalità multiplayer Echo Arena, offerta su Oculus Store come un gioco a tutti gli effetti, è gratuita con Lone Echo e ti terrà impegnato per molte, molte ore, purché ti piaccia il gameplay e ti godi la competizione. Considerando che Echo Arena fa parte di Lone Echo, la durata del gioco è sicuramente la più alta nel mercato dei videogiochi VR in questo momento.


Grafica e colonna sonora di Lone Echo: grafica impressionante

[TEST] Lone Echo - Un gioco VR degno di un film di fantascienza su Oculus Rift

Gli La grafica di Lone Echo è semplicemente stupenda. Gli effetti di luce, il livello di dettaglio, il realismo delle trame sono una vera gioia per gli occhi. Allo stesso modo, il motore fisico è impressionante e dà davvero l'impressione di essere nello spazio, all'interno di un ambiente privo di gravità.

Tuttavia, sono soprattutto le espressioni facciali di Olivia a segnare la tua mente. Queste espressioni sono molto realistiche e danno l'illusione di trovarsi di fronte a un'attrice umana in carne e ossa. Torneremo su questo un po 'più tardi. Anche gli effetti sonori hanno molto successo, così come il doppiaggio vocale. Anche in questo caso, la qualità è degna di un film di successo.

Lone Echo immersion: una delle esperienze VR più coinvolgenti di tutti i tempi

[TEST] Lone Echo - Un gioco VR degno di un film di fantascienza su Oculus Rift

Lone Echo lo è forse uno dei giochi più coinvolgenti disponibili oggi nel mercato dei giochi VR. Il livello di dettaglio della grafica, la qualità del doppiaggio, la fluidità dei movimenti e la precisione del finger tracking danno davvero l'impressione di essere immersi nella VR.

Inoltre, le interazioni con Olivia sono particolarmente realistiche e danno l'impressione che la giovane sia sinceramente consapevole. Ad esempio, se il giocatore le lancia in faccia un dinosauro giocattolo, si arrabbierà e cercherà di proteggersi mettendo le mani davanti alla testa. Allo stesso modo, se l'utente cerca di abbagliarla con la torcia o di spingerla da parte, la giovane donna si arrabbia. Durante i dialoghi, Liv segue Jack con il suo sguardo e lo fissa dritto negli occhi.

La la sensazione di presenza fornita da Lone Echo è tale che il giocatore potrebbe provare una strana sensazione per alcuni minuti dopo aver rimosso il proprio Oculus Rift. È possibile avere ancora l'impressione di essere in un gioco, a meno che non sia il gioco che è la realtà ...

Comfort of Lone Echo: un'esperienza molto confortevole

[TEST] Lone Echo - Un gioco VR degno di un film di fantascienza su Oculus Rift

Lone Echo offre un'esperienza completamente confortevole. Il sistema di movimento consente la libera circolazione senza problemi di cinetosi e la grafica di alta qualità non affatica la vista. È un vero successo.

Lone Echo contro la concorrenza

[TEST] Lone Echo - Un gioco VR degno di un film di fantascienza su Oculus Rift

Lone Echo è davvero un'esperienza unica. Tuttavia, può essere paragonato a Farpoint, disponibile esclusivamente su PSVR, che sottolinea anche la grafica e la trama. sì Farpoint offre più azione, Lone Echo ha una grafica molto più pulita e un gameplay molto più interessante.

Lone Echo può anche essere paragonato al suo spin-off multiplayer Echo Arena. Egli Sembra chiaro che gli amanti dell'azione saranno più interessati a Echo Arena. D'altra parte, gli utenti che apprezzano la trama e la grafica saranno affascinati da Lone Echo. Insomma, ognuno lo avrà da solo, il che è chiaramente un grande punto di forza.

Conclusione del test Lone Echo

[TEST] Lone Echo - Un gioco VR degno di un film di fantascienza su Oculus Rift

Caratterizzato da una trama degna di un buon film, una grafica abbagliante e un gameplay innovativo e affascinante, Lone Echo è direttamente tra i migliori giochi sul mercato della realtà virtuale. Inoltre, per l'incredibile sensazione di immersione che fornisce, il titolo rappresenta un nuovo corso per la realtà virtuale. Questo gioco allude al futuro della realtà virtuale, ed è ovvio che il futuro è luminoso.

Punti buoni

  • Uno scenario accattivante
  • Grafica sontuosa
  • Una sensazione di immersione senza rivali
  • Gameplay innovativo

Punti negativi

  • Manca un po 'di azione
  • Dialoghi infiniti

9.3

Scenario: Una sceneggiatura fantascientifica accattivante.


Giocabilità:Gameplay innovativo molto interessante.


Tutta la vita : Una durata decente, estesa all'infinito dalla modalità multiplayer.


Grafica e colonna sonora: Grafica stupefacente.


Immersione: Una delle esperienze più coinvolgenti nel mercato VR.


Confort: Un'esperienza molto confortevole.


Puoi essere il primo!

Aggiungi un commento di [TEST] Lone Echo - Un gioco VR degno di un film di fantascienza su Oculus Rift
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.

End of content

No more pages to load