Björk: un giro del mondo nella realtà virtuale

sommario

La cantante irlandese con influenze pop ha deciso di collaborare con HTC Vive per il suo “Digital Tour”. L'idea è semplice, una mostra in parallelo con il suo tour “VR Album Exhibition” che permetterà agli utenti di scoprire il suo ultimo album, Vulnicura, uscito all'inizio dell'anno attraverso quattro titoli sapientemente ridisegnati per la realtà virtuale.



Noto per essere un tecnico, questa partnership non è sorprendente, non è la prima volta che l'artista unisce le forze con le nuove tecnologie.

Björk: un giro del mondo nella realtà virtuale

Onore agli australiani

Il “Digital Tour” inizierà in Australia, al Sidney's Vivid Festival. Parallelamente al concerto, i fan potranno indossare le cuffie per la realtà virtuale HTC Vive per seguire Björk nella sua terra natale: l'Irlanda. Attraverso quattro clip giocando con le possibilità offerte dalla realtà virtuale attraverso luci, suoni e prospettive, attraverseremo l'Irlanda al suo fianco, lasciandoci cullare dalla musica ammaliante di Björk.

Diretto da Andrew Huang e Jesse Kanda, l'esperienza musicale è unica e artistica, sfruttando tutte le possibilità dei caschi.

“”

Bjork: iniziatore di un nuovo genere?

Il mercato della musica non sta andando bene, è un fatto indiscutibile. È sempre più complesso combattere la pirateria e gli artisti devono riuscire a innovare per distinguersi. La realtà virtuale potrebbe essere uno di questi nuovi metodi di demarcazione. I concerti rappresentano il miglior metodo di finanziamento per un gran numero di band. Con la VR sarà possibile attirare ancora più persone, che dalle loro case, potranno assistere ai concerti dal vivo come se fossero lì. Sembra anche sulla buona strada da quando nel maggio 2015, un concerto sinfonico è stato registrato utilizzando una telecamera a 360 ° al Town Hall, diretto da Guy Noble.



Potremmo anche citare Live Nation che offre concerti dal vivo in VR in collaborazione con la start-up NextVR.

Le vite sono molto importanti per gli artisti oggi, ogni performance è un'esperienza unica che non può essere duplicata e distribuita su Internet impunemente. E anche se indubbiamente non sarà mai possibile trascrivere l'esperienza con la stessa fedeltà di una presenza fisica sul posto, la realtà virtuale potrebbe essere l'intermediario tra il concerto visto in TV, che trasmette emozioni molto relative, e il live.


Björk: un giro del mondo nella realtà virtuale

Le clip di domani?

Clip a 360 ° che fanno un uso intelligente della realtà virtuale? Perchè no ! Con il suono 3D che troviamo sempre più comunemente in cuffia, sarebbe perfettamente possibile giocare con lo spettatore trasmettendo la musica secondo il suo orientamento, sorprendendolo attraverso certi effetti che si armonizzeranno con lo spettatore. Performance musicale.


I video musicali hanno sempre avuto questa libertà creativa che spesso conferisce loro questo aspetto del lavoro indipendente. Dando libero sfogo alla loro immaginazione, non c'è dubbio che gli artisti riusciranno a ricavare qualcosa di interessante attraverso questa nuova tecnologia. Resta da vedere se all'inizio Björk riuscirà a sedurre il suo pubblico.

Björk: un giro del mondo nella realtà virtuale



Aggiungi un commento di Björk: un giro del mondo nella realtà virtuale
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.

×
Deja aqui tu email para recibir nuestra newsletter semanal, llena de ofertas y novedades de tu ciudad