Il francese LYNX lancia il primo auricolare autonomo per realtà mista

Chi sono io
Tom Chatfield
@tomchatfield
Autore e riferimenti

sommario

  • LYNX-R1: la Francia detiene il suo campione nel mercato dei caschi XR

Alla fine della scorsa settimana, la startup francese LYNX MIXED REALITY ha anticipato il lancio del suo primo casco: il LYNX-R1. Nell'ambito dello SPIE Photonics West di San Francisco, il dispositivo è stato finalmente svelato.

Grazie a una partnership tra LYNX e il gigante Qualcomm, questo dispositivo è dotato del sistema su chip (SoC) Snapdragon XR2 di ultima generazione appositamente progettato per la realtà mista. Rispetto alla versione precedente, XR premium, le prestazioni della CPU e della GPU sono raddoppiate. La risoluzione viene moltiplicata per sei, la larghezza di banda video per quattro e le prestazioni del processore IA per 11.



En confronto con lo Snapdragon 835, integrato da Oculus Quest, la potenza è quasi raddoppiata. Questo chip è abbinato a 6 GB di RAM e 128 GB di spazio di archiviazione.

Il display è fornito da due schermi LCD 1600 × 1600 con frequenza di aggiornamento di 90Hz e nuovo tipo di lenti "prismi catadiottrici quadrupli a forma libera". Il campo visivo circolare è di 4 °.

Basti dire che questo casco è un vero concentrato di prestazioni. Tuttavia, al di là della sua scheda tecnica, il LYNX-R1 si distingue per il suo carattere innovativo.

LYNX-R1: la Francia detiene il suo campione nel mercato dei caschi XR

Con un totale di sei fotocamere, questo dispositivo può guarda il mondo reale senza alcuna latenza attraverso la visiera del casco. Gli elementi virtuali fotorealistici sono sovrapposti a queste immagini del mondo reale.

Diversi auricolari per PC di fascia alta offrono già questa tecnologia "video-see-through", come XTAL VRGineers XTAL al prezzo di $ 5000 o Varjo XR-1 a $ 10. Tuttavia, il LYNX-R000 lo è davvero il primo auricolare autonomo con questa caratteristica.



Questa maschera di realtà mista incorpora anche funzionalità di tracciamento della posizione dell'utente con libertà di movimento di sei gradi, ma anche monitoraggio del movimento degli occhi tramite Eye-tracking. Un modulo 5G consentirà anche una connettività mobile senza precedenti.

Il LYNX-R1 non è destinato al grande pubblico, ma esclusivamente ai professionisti. Dovrebbe trovare il suo posto in particolare in settori come l'aeronautica, l'automotive o la chirurgia, ma anche per casi d'uso come la formazione immersiva e l'assistenza remota.

In realtà, un prototipo del LYNX-R1 è già in uso in Francia. Il Prof. Patrick Nataf, capo del reparto di cardiochirurgia del Bichat Hospital, lo utilizza in particolare per preparare le sue operazioni e consultare le cartelle cliniche dei suoi pazienti in sala operatoria.

Analogamente, l'SNCF utilizza questo dispositivo ai fini dell'assistenza in tempo reale da remoto ai propri tecnici in caso di problemi tecnici. Inoltre, i programmi militari di base hanno già invocato LYNX in Francia e negli Stati Uniti.


Questo primo colpo di stato francese nel settore degli auricolari per realtà mista è il frutto degli sforzi di Stan Larroque: ingegnere francese autodidatta di 25 anni. Dopo aver iniziato a lavorare sui prototipi di caschi 3D durante i suoi studi, il giovane ha ottenuto il Trofeo Engineers of the Future 2018 dopo 3 anni di ricerca e sviluppo. Si è poi circondato di un team di 10 esperti che hanno accettato di lasciare grandi aziende per aiutarlo a realizzare le sue ambizioni.


I preordini per il LYNX-R1 sono ora aperti e il marketing è previsto per la seconda metà del 2020. il prezzo è fissato a 1499 dollari.



Aggiungi un commento di Il francese LYNX lancia il primo auricolare autonomo per realtà mista
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.