Cinema VR: 4 suggerimenti per realizzare fantastici film in realtà virtuale

Chi sono io
Steven L. Kent
@stevenlkent
Autore e riferimenti

sommario

  • 4 consigli di Noah Falstein per il cinema VR
  • Dirigi l'attenzione dello spettatore
  • Crea un legame con lo spettatore
  • Evita di provocare nausea
  • Suscitare l'emozione dello spettatore

Nell'ambito della Virtual Reality Developers Conference (VRDC) a San Francisco, Noah Falstein fornisce alcuni suggerimenti per riprendere bene nella realtà virtuale. Se vuoi iniziare nel cinema VR, ecco alcuni suggerimenti che potresti trovare utili. 


Creare giochi e film in realtà virtuale è un'arte difficile. È necessario per creare narrazioni coerenti, attraverso un mezzo relativamente nuovo, evitando i problemi tecnici che possono infastidire lo spettatore.


I programmatori e i designer che cercano di entrare nel cinema VR devono comprendere queste sfumature che differenziano la realtà virtuale dalla televisione o dal cinema tradizionali. Come parte del VRDC, Il Chief Game Designer di Google Noah Falstein offre alcuni suggerimenti per superare queste difficoltà.

4 consigli di Noah Falstein per il cinema VR

Prima di entrare a far parte dello studio Mountain View, Falstein ha guidato lo sviluppo di diversi giochi importanti per LucasArts, lo studio di videogiochi di Lucasfilm, produttore di Star Wars e Indiana Jones. Basti dire che il consiglio del personaggio è buono da seguire.

In primo luogo, Falstein propone di confrontare l'era del cinema VR con l'inizio dell'industria cinematografica e quella dei videogiochi negli anni '80. Come quelli dell'epoca, Gli sviluppatori, i designer e gli sceneggiatori di realtà virtuale esplorano territori inesplorati e devono sperimentare nuove forme di narrazione e programmazione.

Dirigi l'attenzione dello spettatore


Prendiamo ad esempio una scena in cui una donna urla alla finestra di una casa in fiamme. L'immagine passa rapidamente a un'altra scena in cui i vigili del fuoco ricevono una chiamata angosciata alla stazione dei vigili del fuoco, quindi la telecamera torna direttamente a questa donna terrorizzata. All'inizio del cinema, alcuni registi temevano che una così rapida successione di scene avrebbe confuso gli spettatori. Tuttavia, alla fine tutti si sono abituati a tale messa in scena.


Nella realtà virtuale, i creatori di contenuti affrontano il rischio che gli spettatori distolgano lo sguardo all'interno dell'ambiente virtuale e non prestino attenzione agli elementi principali dell'azione. Per evitare questo inconveniente, Falstein consiglia di offrire agli spettatori indizi in modo che capiscano dove guardare. È possibile utilizzare la luce e il suono per dirigere l'attenzione dello spettatore.

Crea un legame con lo spettatore

Un altro problema che devono affrontare i creatori del cinema VR è la reazione degli spettatori ai personaggi che stanno osservando. I creatori del cortometraggio vincitore dell'Emmy Henry hanno dovuto porre rimedio a questa preoccupazione.

Come promemoria, questo cortometraggio presenta un piccolo riccio che fissa lo spettatore. Tuttavia, all'inizio dello sviluppo, il pubblico si è sentito insultato da questo personaggio immaginario. Il piccolo animale tendeva a ignorare gli spettatori, che si sentivano rifiutati. È dentro offrendo alle persone di vedere in anteprima il film durante lo sviluppo che Oculus Studio è stato in grado di realizzare il problema e risolverlo costringendo Henry a sistemare il suo pubblico.

Un altro problema che i produttori di film VR devono affrontare è legato alla nausea causata dalla latenza. In concreto, quando gli spettatori girano la testa nella realtà virtuale, potrebbe verificarsi un breve ritardo poiché il software tenta di mantenere le immagini appropriate nel loro campo visivo. Questo il ritardo può confondere gli utenti, poiché la loro percezione non corrisponde più ai movimenti del corpo. Questo si chiama cinetosi.


Per evitare questo inconveniente, Falstein suggerisce due suggerimenti. Nel mondo reale, se un oggetto come una palla da baseball viene lanciato nella tua direzione, apparirà sempre più grande man mano che si avvicina. In uno mondo virtuale mal progettato, le sue dimensioni non cambieranno, creando una sensazione di nausea e confusione per lo spettatore.


Gli i designer devono tenere conto del fatto che gli spettatori hanno due occhi e che ciascuno dovrebbe vedere l'oggetto dalla propria prospettiva leggermente diversa. Nel caso di una palla da baseball virtuale, i progettisti devono assicurarsi che il file


Analogamente, Gli sviluppatori di realtà virtuale dovrebbero assicurarsi che lo sfondo di una scena, come una montagna, non cambi aspetto con la stessa frequenza degli oggetti in primo piano. È necessario imitare il modo in cui gli esseri umani percepiscono la profondità nel mondo reale.


Suscitare l'emozione dello spettatore

Infine, in un mondo di realtà virtuale di successo, gli spettatori devono vivere una profonda esperienza emotiva. Falstein cita, ad esempio, il film Questo cortometraggio pone lo spettatore nei panni di un passeggero in macchina, assistendo all'interazione tra un padre al volante e sua figlia, seduta dietro.

In due dimensioni, questo piccolo film si sta muovendo. Tuttavia, nella realtà virtuale è più intenso. Si crea una sensazione di vicinanza con i personaggi. Noah Falstein ammette di aver pianto davanti a questa scena. Questo è questa immensa capacità della realtà virtuale di commuovere lo spettatore che i registi di cinema VR devono sfruttare.



Aggiungi un commento di Cinema VR: 4 suggerimenti per realizzare fantastici film in realtà virtuale
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.