VR e privacy: 5 minuti nella realtà virtuale sono sufficienti per identificarti

VR e privacy: 5 minuti nella realtà virtuale sono sufficienti per identificarti

sommario

La realtà virtuale: una minaccia per la privacy e riservatezza? Un problema sempre più preoccupante, mentre la realtà virtuale sta democratizzando e conquistando il grande pubblico.

Uno studio dei ricercatori della Stanford University scopre che chiunque può essere identificato in modo affidabile dopo soli 5 minuti trascorsi in VR con qualsiasi casco. Qualcosa che desti preoccupazione ...



Come parte di questo esperimento, hanno partecipato 511 volontari. Il sistema sviluppato da Stanford ha permesso identificare correttamente il 95% di essi dopo meno di 5 minuti di analisi dei dati di tracciamento del movimento.

I partecipanti erano dotato di un auricolare HTC Vive e due controller Vive Wand e ha dovuto guardare 5 video a 360 gradi della durata di 20 secondi. Alcuni video presentavano piccoli elementi volti a focalizzare l'attenzione e lo sguardo dell'utente, mentre altri li immergevano in un elemento quasi vuoto come una vasta foresta.

Sono stati quindi forniti i dati di tracciamento della mano e della testa tre algoritmi di apprendimento automatico creare il profilo del partecipante: la sua altezza, la sua postura, la velocità di rotazione della sua testa, la sua distanza dal contenuto VR, la posizione dei controller a riposo e il modo in cui si muove.

Analizzando questi dati, gli algoritmi sono stati in grado di identificare e riconoscere gli utenti con precisione. Questo studio quindi dimostra un vero pericolo della VR per la riservatezza.

In teoria, la privacy policy di Oculus e HTC promette l'anonimizzazione dei dati prima di ogni condivisione. Tuttavia, l'esperienza dei ricercatori di Stanford mostra che è molto facile riconoscere una persona dai suoi movimenti. L'anonimizzazione è quindi assolutamente inutile.



Le aziende sono in grado di raccogliere questi dati biometrici dai produttori di caschi, per poi determinare chi sei, prevedere le tue abitudini, le tue preferenze, comprendere le tue vulnerabilità, e creare un profilo di marketing per inviarti pubblicità mirata che colpirà nel segno. Con la realtà virtuale è stato raggiunto un nuovo traguardo in termini di marketing invadente ...

VR e privacy: gli inserzionisti guardano tutto ciò che fai nella realtà virtuale

VR e privacy: 5 minuti nella realtà virtuale sono sufficienti per identificarti

In conclusione del loro studio, i ricercatori di Stanford ritengono che i dati dal monitoraggio nella realtà virtuale offrano nuove possibilità. Tuttavia, possono anche essere abusati.

La comunità e l'industria sono quindi chiamate a farlo trovare modi per proteggere meglio questi dati. Questo è già ciò che offre Firefox Reality.

Il fenomeno è tanto più preoccupante quanto altre tecnologie di tracciamento biometrico stanno gradualmente espandendo la realtà virtuale. Possiamo citare il tracciamento degli occhi, il tracciamento del movimento della bocca o persino l'integrazione di accessori collegati come smartwatch o braccialetti fitness.

Tutti i dati raccolti da questi sistemi saranno presto a disposizione degli inserzionisti, che potranno spiare ogni tua mossa per identificare il tuo profilo. Una visione del futuro degno della famosa serie "Black Mirror"...


Sfortunatamente, è del tutto possibile che Facebook Oculus stia solo cercando di sfruttare questa opportunità. ricordiamolo Facebook è stato oggetto di numerosi scandali relativo alla vendita di dati personali degli utenti dei propri social network a terzi a fini di targeting pubblicitario.

Questa è la principale fonte di reddito per l'azienda americana e Mark Zuckerberg potrebbe vedere la realtà virtuale solo come un modo per acquisire sempre più dati, per essere sempre più vicini al consumatore...


Recentemente, molti utenti delle cuffie Oculus Quest 2 hanno lamentato la necessità di deve creare un account Facebook al suo nome per utilizzare il dispositivo. Questo semplice punto sembra confermare le intenzioni dell'azienda.

Sarebbe un peccato privarsi dell'esperienza della realtà virtuale per paura di essere rintracciati dagli inserzionisti. Tuttavia, mentre sei immerso nella realtà virtuale, tieni presente che non sei mai veramente solo...



Aggiungi un commento di VR e privacy: 5 minuti nella realtà virtuale sono sufficienti per identificarti
Commento inviato con successo! Lo esamineremo nelle prossime ore.

End of content

No more pages to load